Neurobiologia dello Stalking e Dipendenza affettiva

febbraio 19th, 2014 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica

Esiste un legame tra stalking e dipendenza affettiva?

Cosa accade nella mente di uno stalker

stalkingUna delle risposta che può verificarsi a seguito di un forte rifiuto e al dolore da allontanamento è sicuramente il comportamento di stalking

Qual è il collegamento tra stalking e dipendenza affettiva? È possibile identificare dei correlati neurali comuni ad entrambe le situazioni? Secondo Meloy e Fisher (2005) è possibile parlare di un modello di neurobiologia dello stalking.

Secondo Fisher (2004) si possono osservare gli stessi sintomi  nelle persone fortemente innamorate  come anche nelle persone con i sintomi della dipendenza tipo  l’assuefazione, la crisi di astinenza, la rinuncia e la ricaduta.

Sia la persona innamorata sia lo stalker hanno bisogno di interagire con la persona amata (o con la vittima) sempre più frequentemente. Se si verifica il rifiuto la persona innamorata, o lo stalker mostra i comuni segni di astinenza dalla sostanza, come ad esempio il pianto, la depressione, l’ansia, la letargia, l’insonnia, l’ipersonnia, la perdita di appetito o le abbuffate, irritabilità e solitudine cronica.

In alcuni casi si verifica anche un’associazione tra determinati stimoli a la risposta correlata che mostra la condotta tipica della persona dipendente. La persona innamorata, o lo stalker, può associare eventi, persone, posti, canzoni o comunque qualunque stimolo alla persona amata. Solitamente quando compare lo stimolo questo può scatenare nuovamente il pensiero e la ricerca ossessiva del partner (o della vittima).

Dato che l’amore romantico è associato solitamente all’attenzione focalizzata, all’euforia, all’ossessione, alla compulsione, alla distorsione della realtà , a cambi di personalità e perdita dell’autocontrollo, alcuni psicologi (Tennov, 1979, Peele, 1975; Findling, 1999) frequentemente trovano correlazioni tra  l’amore romantico e la dipendenza affettiva.

Questa dipendenza fisica ed emozionale è solitamente associate ad una grande attività dei circuiti dopaminergici sottocorticali nel sistema di ricompensa ,proprio come accade in tutti i casi di uso di stupefacenti.

Nel secondo studio di Bartels e Zeki (2000) si confrontano le misurazioni all’fMRI di persone innamorate con quelle di persone che hanno assunto cocaina o oppiacei, in entrambi i casi si attivano le stesse aree, incluso il nucleo caudato.

Complessivamente, si può affermare che la spinta all’amore è indubbiamente associata a una serie di fenomeni neuronali, neuroendocrini, biologici e psicologici, che si verificano in maniera combinata o sinergica. I dati suggeriscono che, specialmente nella prima fase vi è una maggiore arousal. Questo arousal si verifica con un aumento dell’energia, dell’attenzione focalizzata, della motivazione a inseguire la vittima, dei fenomeni di frustrazione e attrazione, protesta e rabbia.

Dato che il sistema dopaminergico tende a sopprimere l’attività del sistema serotoninergico e la scarsa attività della serotonina centrale è associate al pensiero ossessivo compulsivo e alla disforia, è probabile che lo stalker presenti scarsi livelli di serotonina centrale.

Solitamente, le persone che hanno tali risposte neurobiologiche assumono  comunque comportamenti  positivi o prosociali, mentre lo stalker tende a non saper gestire positivamente tale situazione.

La dipendenza affettiva e l’ossessione nei confronti del partner sono fenomeni problematici per la persona, se vuoi affrontare questo problema, consulta uno psicologo.

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

2 Responses