Cosa si fa in una seduta di psicoanalisi?

gennaio 13th, 2015 | Posted by Igor Vitale in Psicologia del Lavoro

cosa-si-fa-in-psicoanalisiPsicoanalisi -Teorie e Terapia

Jung allievo di Freud, ha ampliato ulteriormente il concetto di inconscio introducendovi l’inconscio collettivo, ossia un inconscio condiviso dall’intero genere umano, nel quale risiedono gli archetipi (per esempio la figura dell’eroe, del vecchio saggio, della madre buona ecc.

Mentre Freud riteneva che le cause del comportamento fossero prevalentemente interne (legge di determinismo psichico) Adler riteneva che l’interazione sociale avesse un ruolo centrale nello sviluppo della persona e, di conseguenza, dei disturbi.

Lacan vuole ritornare all’insegnamento originario di Freud.

 

Aspetti che vengono indagati  nel corso della Terapia psicanalitica

A questo punto siamo arrivati a individuare i possibili ingredienti dei trattamenti psicoanalitici:

  • Ricostruzione delle esperienze infantili dimenticate (rimosse) e analisi e svelamento di come tali esperienze abbiano provocato i disturbi attuali, condotti attraverso l’esame del materiale emerso dalle Libere Associazioni, cioè l’espressione libera del paziente riguardo i propri pensieri e sentimenti ed emozioni. Tramite le libere associazioni si cerca di ridurre il più possibile le difese che non permettono ai contenuti inconsci di venire alla luce.
  • Analizzare i Sogni del paziente e aiutarlo a decifrare il senso di quanto sognato, che è espressione dell’inconscio.

­ Transfert è un processo mediante il quale il paziente proietta sul terapeuta le reazioni emotive ed affettive sperimentate nell’infanzia ed indirizzate ad altre figure significative della sua vita (di solito il padre e la madre) e quindi il paziente si comporta con l’analista allo stesso modo in cui si comporta con i genitori. L’analisi del transfert viene considerata come un prezioso strumento di interpretazione psicoanalitica. Il transfert può essere positivo quando emergono sentimenti di stima, affetto ecc. verso il terapeuta e negativo quando emergono sentimenti di invidia, gelosia, aggressività ecc.

­ Controtransfert, invece, costituisce la reazione dello psicoanalista al transfert del paziente.

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.