La Definizione di Prossemica in Comunicazione Non Verbale

luglio 8th, 2015 | Posted by Igor Vitale in Linguaggio del Corpo

 

Il concetto di “prossemica” (da “prossimità”), è stato introdotto la prima volta negli anni ’60 dall’antropologo americano Edward Hall, per indicare le relazioni di vicinanza spaziale nei rapporti interpersonali.

L’idea alla base dei suoi studi è che l’uomo, in quanto animale territoriale, definisce intorno a sé un proprio “spazio personale”, una sorta di “bolla” invisibile con la quale si protegge dal mondo esterno. Hall ha sostenuto l’esistenza di zone invisibili riservate a situazioni specifiche. A seconda del rapporto che lega le persone tra di loro, queste zone corrispondono ad altrettanti gradi  di prossimità che, se non sono rispettati, provocano disagio e fastidio.

Le distanza appropriata:

  • Distanza Intima: 0-45 cm. È riservata a pochissime persone (partner, figli) con i quali si accetta il contatto fisico.
  • Distanza personale: 45-120 cm. È la distanza che consente di compiere la classica stretta di mano. Nella cultura occidentale è la distanza ideale per la maggior parte delle interazioni personali.
  • Distanza sociale: 120-350 cm. È la distanza che viene rispettata nelle interazioni con persone con cui non si è in confidenza, nei rapporti formali, per esempio con impiegati negli uffici, con commercianti.
  • Distanza pubblica: superiore ai 350 cm. È la distanza adottata da una persona che si rivolge a un gruppo di persone in un ambiente formale. Tale distanza implica generalmente l’assenza di interazioni sociali.

prossemica definizione

 

 

di Valentina Anna Guzzetta

Corso Comunicazione Non Verbale

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.