Le cause del Disturbo Antisociale di Personalità

novembre 1st, 2016 | Posted by Igor Vitale in Neuroscienze

disturbi antisociali

Una comprensione esauriente del disturbo antisociale di personalità deve incominciare con il riconoscimento che fattori biologici contribuiscono in maniera evidente all’eziologia e alla patogenesi del disturbo. Studi sulle famiglie indicano che per i bambini con un genitore antisociale la probabilità di sviluppare un disturbo antisociale di personalità è attorno al 16%[1]. Studi condotti sui gemelli offrono prove convincenti dell’esistenza di influenze genetiche, ma sono probabilmente implicati anche fattori ambientali quali esperienze di abuso e trascuratezza. In effetti il disturbo antisociale di personalità sembra fornire un quadro patologico modello per esaminare le interazioni tra geni e ambiente. Numerose ricerche hanno mostrato come vulnerabilità genetica e fattori ambientali avversi operino in maniera sinergica nel produrre comportamenti antisociali o criminali[2]. Ci sono attualmente molti dati sulle caratteristiche dei substrati biologici per la psicopatia e il disturbo antisociale di personalità. I bambini con una storia familiare di disturbo antisociale hanno livello di acido 5-idroddindolacetico (5-HIAA) significativamente più bassi rispetto a quello che non hanno un’anamnesi familiare di questo[3]. Lo studio di bambini con tratti di insensibilità-mancanza di empatia, che includono assenza del rimorso, indicano forti origini biologiche specialmente per la psicopatia. Questi bambini sembrano avere difficoltà ad elaborare paura e tristezza[4]. Uno studio di imaging funzionale ha trovato che bambini con questi tratti, rispetto a soggetti di controllo della stessa età, presentavano un’attivazione dell’amigdala molto inferiore in risposta a espressioni facciali di paura[5]. I bambini con tendenze psicopatiche non si sentono a disagio quando fanno del male a qualcuno o trasgrediscono le regole stabilite dai genitori. L’amigdala è coinvolta nei processi di elaborazione di paura, vergogna e colpa; gli studi di neruoimaging hanno evidenziato una riduzione bilaterale del volume dell’amigdala in individui psicopatici rispetto a soggetti di controllo[6]. A differenza dei pazienti con disturbo antisociale di personalità, gli individui psicopatici raramente presentano una comorbilità con disturbi d’ansia o dell’umore. Negli psicopatici lo sviluppo di tali disturbi potrebbe essere impedito da una ridotta reattività dell’amigdala legata a deficit strutturali[7].

 

In individui psicopatici si è anche osservato un assottigliamento della corteccia temporale e una ridotta connettività tra l’insula e la corteccia cingolata anteriore dorsale[8]. Brotman et al.[9] hanno ipotizzato che un intervento di prevenzione mirato a migliorare gli stili genitoriali e le competenze emozionali e sociali dei bambini potesse modificare anche la risposta allo stress e alla secrezione di cortisolo. Questo suggerisce anche che interventi precoci che prevedono una terapia individuale dei genitori potrebbero influenzare l’espressione dei geni implicati nello sviluppo di comportamenti antisociali[10].

 

 

[1] Black, D.W. (2013), Bad Boys, Bad Man: Confronting Antisocial Personality Disorder (Sociopathy). Oxford University Press, New York.

[2] Caspi, A., McClay, J., Moffit, T.E., et al. (2002), “Role of genotype in the cycle of violence in maltreated children”. In Journal of Sciences, 297, 851-854; Foley, D.L., Eaves, L.J., Wormley, B., et al. (2004), “Childhood adversity, monoamine oxidase A genotype, and risk for conduct disorder”. In Archives of General Psychiatry, 61, 738-744.

[3] Constantino, J.N., Morris, J.A., Muphy, D.L., (1997), “CSF 5-HIAA and family history of antisocial personality disorder in newborns”. In American Journal of Psychiatry, 154, 1771-1773.

[4] Blair, R.J., Colledge, E., Murray, L., et al. (2001), “A selective impairment in the processing of sad fearful expressions in children with psychopathic tendencies”. In Journal of Abnormal Child Psychology, 29, 491-498.

[5] Jones, A.P., Laurens, K.R., Herba, C.M. et al. (2009), “Amygdala Hypoactivity to fearful faces in boys with conduct problems and callous-unemotional traits”. In American Journal of Psychiatry, 166, 600-606.

[6] Yang, Y., Raine, A., Lencz, T., et al. (2009), Localization of deformations within the amygdala in individuals with psychopathy”. In Archives of General Psychiatry, 66, 986-994.

[7] Blair, R.J. (2012), “Cortical thinning and functional connectivity in psychopathy”. In American Journal of Psychiatry, 169, 684-687.

[8] Ly, M., Motzkin, J.C., Philippi, C.L., et al. (2012), “Cortical thinning in psychopathy”. In American Journal of Psychiatry, 169, 743-749.

[9] Brotnman, L.M. at al. (2007), Effects of a psychosocial family-based preventive intervention on cortisol response to a social challenge in preschoolers at high risk for antisocial behavior. In Archives of General Psychiatry, 64, 1172-1179.

[10] Glen O. Gabbard, Psichiatria Psicodinamica, Quinta edizione basata sul DSM-5, Raffaello Cortina Editore, 2015.

di Ilaria Ulgharaita

Test di Personalità

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.