Come scoprire la menzogna analizzando i movimenti oculari

ottobre 21st, 2017 | Posted by Igor Vitale in Linguaggio del Corpo

La scansione dei movimenti oculari.

Nisha Bhaskaran, Venu Govindaraju, Mark Frank e colleghi, ricercatori presso il Center Unified Biometrics and Sensor dell’Università di Buffalo, hanno ideato uno strumento che si occupa di rintracciare le variazioni delle pupille e dei movimenti oculari attraverso l’esame
del tracciato oculare di una persona in due situazioni distinte: durante una normale conversazione e mentre si suppone stia mentendo. Se i movimento oculari rimangono invariati le sue affermazioni sono verosimilmente sincere; se invece i suoi occhi hanno traiettorie ed aspetto anomali allora è molto probabile che stia mentendo.

Lo strumento ha identificato i mentitori con una precisione dell’ 82,5% e l’attendibilità del metodo è apprezzabile anche per il fatto che i video utilizzati nello studio contemplavano soggetti di razza diversa, differenti posizioni della testa o delle fonti luminose e la presenza di ostacoli, per esempio di occhiali o lenti (citato in Pacori, 2012).

Questo non vuol dire però che le macchine sono pronte a a sostituire l’uomo ma che «possono rivelarsi un valido ausilio alla capacità ed all’intuito degli investigatori» (Pacori 2012, 45). La tecnologia non è infallibile: una percentuale, seppure piccola, di soggetti si è infatti dimostrata eccellentemente bugiarda, mantenendo usuali schemi di movimento degli occhi anche mentre attuavano un comportamento menzognero.

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.