Come condurre un Interrogatorio Scientifico con la Tecnica SCAN

aprile 21st, 2018 | Posted by Igor Vitale in Uncategorized

Articolo di Laura Marzo

Relatore di Tesi: Igor Vitale

Esistono diversi metodi per riconoscere la menzogna, uno di questi è la tecnica SCAN, Scientific Content Analysis. Sviluppata da Avinoam Sapir, è una delle procedure per l’individuazione di bugie basata sull’analisi verbale del discorso e commercializzata dal LSI, Laboratory for Scientific Interrogation.

Ex luogotenente della polizia israeliana, Sapir forma poliziotti, membri dell’esercito e servizi segreti di diversi paesi e ricercatori delle compagnie di assicurazione nell’uso di questa tecnica per individuare l’inganno tramite un corso sulla tecnica SCAN in cui istruisce gli agenti di polizia ad ottenere e analizzare le dichiarazioni da parte dei soggetti interrogati. Sapir ha iniziato la sua carriera come poligrafo per la polizia israeliana, mentre studiava un master in criminologia all’Università di Tel-Aviv.

Nel 1981 ha iniziato a insegnare SCAN negli Stati Uniti, ad esempio negli uffici doganali, nelle amministrazioni della sicurezza sociale, tenendo anche diversi seminari per diverse unità di polizia e investigazione (sia negli Stati Uniti, ma anche in altri paesi): per il Servizio di immigrazione e naturalizzazione, per la Divisione investigativa criminale dell’Esercito degli Stati Uniti, per l’Intelligence militare dell’Esercito degli Stati Uniti, per l’Ohio Polygraph Association, per il Royal Australian Police College, per l’American Industrial Safety Society e l’FBI Academy.

Sapir ha sviluppato la tecnica SCAN conducendo ricerche approfondite sulla comunicazione verbale e osservando il comportamento linguistico che le persone usano quando comunicano. La tecnica SCAN è attualmente utilizzata da agenzie federali di pubblica sicurezza e militari in tutti gli Stati Uniti, Canada e Australia; da parte di ricercatori bancari e assicurativi; dall’industria privata.

SCAN viene anche utilizzata in molti altri paesi, tra cui Gran Bretagna, Belgio, Olanda, Israele, Messico e Sud Africa. La teoria di Sapir si basa interamente sul linguaggio che le persone usano per descrivere le situazioni. Le parole che la gente dice e il modo in cui le scelgono possono dire immediatamente ad un investigatore se la persona sta mentendo. Sapir sostiene che il suo sistema è molto preciso, anche più di un test del poligrafo, perché le persone raccontano la propria storia prima di essere chiesta. Ha iniziato a utilizzare il sistema nel 1984 e ammette che sta ancora imparando il metodo, ma afferma che solo due volte ha sbagliato. La tecnica SCAN aiuta a cercare dei punti importanti per poi approfondirli con domande successive.

Proprio per questo viene preferito l’utilizzo di domande aperte e più “neutre” possibile per non far capire all’interrogato che l’interrogante è a conoscenza o meno dei fatti. Questo è il principio secondo il quale bisogna “prendere, non dare” informazioni rimanendo, il ricercatore, più neutro possibile dando al soggetto poche informazioni in modo tale da ottenere una versione incontaminata degli eventi.

“La cosa importante per estrarre una dichiarazione è di porre domande aperte, per evitare di indurre il soggetto e quindi favorire la spontaneità, in cui il soggetto fornisce nuove informazioni in risposta alle domande”.

È molto importante evitare la contaminazione. Sapir consiglia durante gli interrogatori di non introdurre alcun argomento nella conversazione, a meno che il soggetto non la menzioni prima. Ciò assicura che ogni fatto o accusa che l’interrogante ottiene provenga dal soggetto e non da un’altra fonte.

Per rilevare le menzogne, la tecnica SCAN, a differenza di altri metodi, è interculturale; ciò significa che ad esempio mentre i gesti variano a seconda della nazionalità e della cultura e possono portare a conclusioni errate a qualcuno che non ha familiarità con la cultura e non capisce il codice, ciò non accade con l’analisi del linguaggio verbale e la tecnica SCAN può essere applicata da chiunque conosca la lingua dell’intervistato.

SCAN studia gli schemi del parlato, cercando segni che rivelino l’inganno, analizzando la struttura e il contenuto delle affermazioni. Per Sapir, “almeno il 90% delle affermazioni fatte sono vere e molte persone non cercano di mentire direttamente. Al contrario, si proteggono, omettono fatti cruciali, simulano la dimenticanza e fingono l’ignoranza (…) Alcuni usano trucchi, come rispondere a una domanda con un’altra domanda o coprire i punti critici della narrazione. Un altro trucco sta colmando le lacune con affermazioni non informative come: “Talk” (su cosa?), O “after” (dopo cosa?).”

Per analizzare una testimonianza tramite tale tecnica è necessario che le parole vengano trascritte e di seguito il ricercatore analizza la dichiarazione parola per parola sottolineando dettagli importanti con l’analisi del contenuto scientifico.

Lesce ci spiega quelli che sono punti fondamentali evidenziati da Sapir:

Gli schemi vocali aiutano a distinguere tra affermazioni che hanno origine nella memoria e quelle che sono il prodotto dell’immaginazione. Frequentemente, l’uso dei pronomi mostra l’inganno, come nella presunta vittima di un rapimento che usa il pronome “noi” per descrivere dove sono andati e cosa hanno fatto il rapitore e la vittima. Il pronome “noi” è inappropriato in questo contesto, perché la relazione è che “mi ha guidato” o “mi ha costretto”.

Sapir dimostra che non ci può essere confusione sui pronomi, sottolineando che, anche quando si ricorda la prima infanzia, possiamo ricordare se eravamo soli o con qualcun altro. Pertanto, un cambiamento nell’uso dei pronomi in una narrazione denota un cambiamento nella relazione.

Le lacune nella narrazione indicano anche una bugia. Piccole contraddizioni nascondono spesso omissioni importanti. Una persona può saltare un punto critico nella sua dichiarazione perché non vuole rivelare cosa è successo in quel momento.

La frase “non ricordo” spesso nasconde un dettaglio critico che la persona che parla preferirebbe dimenticare o almeno evitare di menzionare. Alcuni soggetti sollevano abilmente le proprie domande per evitare di rivelare informazioni. La domanda “è importante?” ad un certo punto della narrazione suggerisce che ci sono informazioni che disturbano il soggetto.

Un cambiamento nel tempo indica una risposta emotiva molto forte. Ad esempio, raccontare la storia di uno stupro può iniziare con il soggetto che lo racconta al passato. Quando lo stupro inizia, alcuni soggetti cambiano nel tempo presente perché il ricordo è doloroso.

Barriere verbali quali ponti temporali (e dopo, e quindi, a quel punto..), intercalari e riempitivi, non-parole (vocalizzazioni, tossire, soffiare), non-sense (frasi contraddittorie), ripetizioni delle parole, digressioni (informazioni fuori sequenza), vengono utilizzate dal soggetto per prendere tempo, ma non danno vero significato nella conversazione.

Ancora secondo Sapir è vera la regola secondo la quale “nulla accade nel vuoto”. Ciò evidenzia la necessità di esaminare le circostanze e l’incidente stesso. Se il soggetto cerca di mentire, non solo deve nascondere o modificare il dettaglio cruciale che sta proteggendo, ma deve “manipolare” gli altri fatti del caso per adattarlo alla sua versione. Questo lascia spesso tracce, incoerenze tra ciò che dice, o lacune nella narrazione.

La ragione è che la persona che mente, per raccontare, si basa sulla sua immaginazione, mentre la persona sincera si basa sulla memoria. Una dichiarazione fuorviante sarà una versione “calva”, senza dettagli, aneddoti, particolari anche irrilevanti, mentre la dichiarazione vera contiene anche informazioni secondarie o irrilevanti.

Secondo Sapir, la maggior parte delle false storie (80% – 90%) menzionano il punto principale fino alla fine della dichiarazione, e dopo di ciò non continuano con la narrazione. Un’altra differenza tra affermazioni vere e false è che la maggior parte delle storie false non si riferisce alle emozioni.

Tuttavia, quelli che si riferiscono alle emozioni li rendono logicamente vicini all’evento. Tuttavia, un’altra caratteristica delle storie più false è che sono governate dalla logica, mentre le storie vere non sono necessariamente logiche.

Secondo Lesce SCAN è una tecnica fredda senza errori o fattori di influenza, poiché dipende dall’affermazione del soggetto. Per applicare SCAN è essenziale ottenere la collaborazione del soggetto. È anche essenziale lavorare con una dichiarazione incontaminata; SCAN è un metodo versatile perché privo di restrizioni che limitano altre tecniche. A differenza del poligrafo, non è necessario connettere l’oggetto a una macchina e ottenere un’autorizzazione firmata, a volte richiesta.

Pertanto il soggetto non sa che la sua affermazione sarà oggetto di trattamento e analisi specialistici. SCAN non richiede attrezzature high-tech, ma solo carta e penna, nè la presenza del soggetto durante l’analisi, perché una volta che la versione pura della dichiarazione è su carta, l’analisi può essere fatta quando più è conveniente. Infatti, un ricercatore può ottenere una dichiarazione, in modo che possa essere analizzata da uno specialista.

SCAN è un metodo abbastanza affidabile per indagare sugli indizi. Questo metodo è adattabile a molte situazioni di investigazione della polizia.

Vediamo ora i criteri della tecnica SCAN che servono al riconoscimento della menzogna.

1. Uso dei pronomi

  •  Il pronome personale “IO” implica la responsabilità, [IO] Ho sparato la pistola; se il soggetto lo
    sostituisce con il plurale o un impersonale “è stato commesso un omicidio” o “la pistola è sparata” è
    perché chi parla non vuole esprimere la sua connessione ai fatti, o perché non vuole assumersi la
    responsabilità di ciò che è stato fatto o perché sta mentendo. Chi mente tenderà a non porre
    attenzione su di sé eliminando la particella io e dissociandosi dalla storia che racconta, utilizzando
    nel discorso proiezioni in seconda o terza persona.
  • Anche il pronome “noi” è molto importante. Se è usato il “NOI” presumibilmente due persone
    sono molto vicine; una donna rapita nella sua auto che diceva “siamo andati a…” invece di “mi ha
    costretto ad andare a…”, “siamo scesi dalla macchina” invece di “mi ha fatto scendere dalla macchina”. È sospetto che una vittima di uno stupro usi il pronome noi che comprende il suo
    aggressore e se stessa, il che implica una maggiore vicinanza e attaccamento rispetto all’uso di “io”
    e “lui” (Lesce, 1990; Adams, 1996).
  • I pronomi possessivi rivelano il possesso e l’attaccamento per gli oggetti. Secondo Adams (1996),
    un soggetto rimuoverà o eliminerà il pronome quando non vorrà mostrare associazione con un certo oggetto o persona: “Ho pulito la mia pistola; Ho messo la mia pistola sul tavolo; la pistola è
    esplosa”. Un altro esempio fornito da Adams (1996) riguarda un marito che spara al volto di sua
    moglie, che poi muore. Il marito aveva riferito alla vittima durante tutta la dichiarazione come “mia
    moglie”, fino al momento dello sparo e dopo, in cui lo designa con il suo nome; la modalità aumenta la distanza psicologica tra lui e sua moglie, riducendo il suo sentimento di colpa per aver commesso l’omicidio.

2. Presentazione sociale

La presentazione sociale o introduzione sociale si riferisce ad un riferimento chiaro, senza ambiguità a ciascuno dei personaggi che compaiono nel racconto. Secondo Sapir (1987, citato da Smith, 2001), l’assenza di una presentazione sociale implica ambiguità in relazione a chi è l’esecutore di un’azione; questa ambiguità può assumere varie forme (Smith, 2001).

Per esempio non presentare inizialmente nel testo i protagonisti della storia; impiegare pronomi personali quando sarebbe più illuminante usare nomi propri; omettere in certi punti della dichiarazione i nomi personali, quando nondimeno questi sono usati in altri punti; e così via.

3. Correzioni spontanee

Driscoll (1994) sottolinea che prima che i soggetti inizino a scrivere il loro racconto devi dire loro che non dovrebbero apportare correzioni (come ad esempio cancellare cosa scritto), sebbene possano scrivere aggiunte o chiarimenti. Se ci sono correzioni il soggetto intende mentire; se non ci sono correzioni e il racconto è spontaneo, è inteso che il soggetto è veritiero.

Questo criterio è contrario alla tecnica CBCA Criteria-Based Content Analysis – correzioni spontanee – quindi non si prevede molta utilità predittiva per questo criterio. La CBCA è uno strumento che viene applicato sia sulla trascrizione dell’intervista che sulla videoregistrazione. Steller e Koehnken hanno stilato ben 19 criteri raggruppati in cinque categorie, che dovrebbero aiutare a distinguere le dichiarazioni vere da quelle false. Infatti, se i criteri vengono riscontrati nel racconto, allora le dichiarazioni saranno vere; tuttavia, una loro assenza non è un segno indiscutibile di falsità, e tra l’altro non è ben chiaro il numero minimo di criteri che devono essere presenti affinché le dichiarazioni possano ritenersi affidabili.

4. Distribuzione temporale dei fatti

Una dichiarazione ha tre parti (Adams, 1996): una in cui i fatti sono narrati prima dell’incidente critico, un altro in cui si è verificato l’incidente e un terzo in cui si racconta cosa è successo dopo.

Secondo Sapir la distribuzione in una dichiarazione veritiera sarebbe un pre-incidente critico del 20%, un incidente del 50% critico e 30% critico post-incidente. Adams (1996) equilibra di più queste proporzioni, che secondo lei sarebbe circa il 33% – 33% – 33% (ed esemplifica una distribuzione 59% – 28,5% – 12,5% come falso).

5. Tempo soggettivo

Secondo la tecnica SCAN, ci deve essere una corrispondenza tra tempo soggettivo e tempo oggettivo: “Per esempio, se nella sua dichiarazione un soggetto dedica dieci righe a un periodo di 20 minuti e quindi solo tre linee per coprire un periodo di tre ore, il tempo soggettivo non corrisponde a quello obiettivo e sarebbe quindi visto come un indicatore di inganno” (Smith, 2001).

6. Posizione delle emozioni

Secondo Sapir nel 50% delle false affermazioni non sono menzionate emozioni; nell’altro 50% questi saranno trovati al culmine dell’evento critico.

7. Connettori e spazi vuoti nella narrazione

Un connettore sarebbe una frase che collega due elementi di una dichiarazione e suggerisce informazioni mancanti (Driscoll, 1994), forse perché la persona non vuole rivelare cosa è successo a quel punto (Lesce, 1990); ad esempio: “allora”, “dopo un po’”. Una narrazione senza connettori e senza spazi vuoti indicherebbe che quella storia viene dalla memoria degli eventi vissuti (Driscoll, 1994). Questo criterio sarebbe opposto al secondo del CBCA, anche per l’ammissione di difetti di memoria.

8. Mancanza di memoria

Quando il soggetto afferma in un aperto declino che non ricorda qualcosa è sospettato di barare.

9. Collegamenti mancanti o collegamenti non necessari

Un collegamento mancante è qualsiasi informazione senza la quale la storia non può continuare, e suggerisce l’inganno; un collegamento non necessario è un’informazione che può essere cancellata dall’affermazione senza interrompere la linea di argomentazione e suggerisce la veridicità (Driscoll, 1994). Ci sono molti fatti irrilevanti o tangenziali che possono coesistere in memoria con l’essenziale, e che appariranno spontaneamente dentro affermazioni vere ma non in quelle false, più scheletriche o schematiche.

10. Uso del passato

In ogni affermazione vera la cosa normale è usare il passato, perché l’evento è già successo e se all’improvviso si usa il presente, si mente (Adams, 1996). Tuttavia, questa interpretazione è controversa: Lesce (1990) indica che il passaggio dall’uso del passato all’utilizzo del presente può indicare emotività.

Un altro modo più ragionevole di analizzare il tempo verbale per scoprire il colpevole è descritto da Adams (1996). Racconta il caso di una coppia i cui bambini presumibilmente erano stati rapiti. “I miei bambini hanno riso di me, avevano bisogno di me e ora non posso aiutarli”, disse la madre; “Stanno bene, saranno presto a casa” disse il padre. Questo non sapeva che i suoi figli erano morti, quindi usò il presente. La madre conosceva il triste epilogo di quella storia. Era lei che li aveva uccisi; ecco perché ha usato il passato.

11. Negazione delle accuse 

Il colpevole, come abbiamo detto sopra, non negherà direttamente le accuse con la frase “Non sono stato” o “Non l’ho fatto” (falsificazione), ma piuttosto ometterà solo informazioni vere: dirà la verità, ma non tutte (occultamento). Quindi il smentite dirette dello stile “Non l’ho fatto” in una narrativa libera probabilmente vengono solo da soggetti veritieri (Driscoll, 1994, Smith, 2001). L’innocente invece negherà il comportamento criminale in modo diretto.

12. Logica della narrazione

Si presume che la maggior parte delle false affermazioni siano logiche.

13. Incoerenze tra accuse

Tali incoerenze sarebbero indicative di un inganno (Lesce, 1990).

14. Cambiamenti nella lingua

Smith (2001) indica che, secondo Sapir, se qualcuno usa costantemente il vocabolario attraverso la stessa affermazione, è improbabile che mentirà mentre che un cambiamento nel linguaggio riflette un cambiamento nella realtà.

Cita l’esempio di un autista che, per giustificarsi per aver causato un incidente d’auto, inventò l’esistenza di un altro veicolo, apparentemente colpevole e verificabile, e durante la sua dichiarazione egli ha fatto riferimento ad esso successivamente con diversi termini:
“quel veicolo”, “l’auto”, “il veicolo” e “l’auto oscura”.

Driscoll (1994) allude a questo criterio nei seguenti termini: “un cambiamento di terminologia o vocabolario (…) potrebbe indicare l’imbroglio. Ad esempio, quando un “bravo ragazzo” diventa “quell’uomo” il cambio di lingua può significare un cambiamento nella realtà per il soggetto. La coerenza suggerisce la veridicità.

15. Chiedere alle domande dell’intervistatore

Chiedendo domande all’intervistatore come “è importante?” può denotare, secondo Lesce (1990), il
soggetto non è a suo agio a dover fornire informazioni.

16. Cronologia e concisione

Adams (1996) sottolinea anche che persone sincere raccontano i fatti ordinati come è successo (questo sarebbe contrario al criterio 2 del CBCA) e con concisione, senza fornire giustificazioni inutili per le loro azioni.

17. Insicurezze verbali

Espressioni come “Credo”, “Penso”, “Per quanto ne so”, ecc. indicherebbero, secondo Adams (1996), che il soggetto evita di scendere a compromessi e di assumersi la responsabilità della sua affermazione, il che suggerirebbe di mentire.

La maggior parte delle prove a sostegno della tecnica SCAN viene dalle dichiarazioni di coloro che l’hanno usato “con successo” nelle loro indagini, ma tali affermazioni, come sottolinea Smith (2001), non implicano necessariamente che detta tecnica è efficace.

D’altra parte, Shearer (1999), sostiene che tali affermazioni improbabili e straordinarie devono essere fatte con certo scetticismo in quanto, in realtà, l’evidenza empirica esistente è certamente scarsa. Nello stesso tempo, la LSI afferma che: “Lo SCAN è scientifico: una formula coerente che fornisce risultati coerenti”, ma non offre dati di alcuno studio di affidabilità. Afferma che: “SCAN modifica il processo di acquisizione delle informazioni di un’arte in una scienza” e che: “SCAN identifica rapidamente accuse vere e false (…)”. Tuttavia, l’unico studio empirico che cita sulla validità della tecnica è il seguente:

nel 1984, i soldati dell’esercito erano risultati positivi ai test urinari circa l’uso di droghe, poi sono stati interrogati dal poligrafo e 100 di loro hanno compilato il questionario VIEW sviluppato di recente, che sarebbe corretto secondo lo SCAN.

Uno dei soldati è stato trovato innocente secondo questa tecnica, e quello stesso, secondo LSI, fu l’unico a superare il test del poligrafo.

È chiaro che qualsiasi procedura per valutare la credibilità deve essere presentata a rigoroso controllo empirico prima di essere impiegato in situazioni giudiziarie reali. Molti professionisti frequentano i corsi sullo SCAN; tuttavia, al momento una attuale validità della tecnica SCAN non è stata ancora dimostrata.
Cinque anni fa, Kapardis (1997) scrisse che: “sono necessarie ulteriori ricerche prima che si possano trarre conclusioni definitive sull’utilità forense di SCAN per rilevare false comunicazioni scritte”.

Corso in Psicologia Criminale con Roberta Bruzzone

 

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.