di Raffaele Napolitano In un contesto lavorativo, utilizzare uno stile di leadership oppure un altro non può essere casuale. Difatti, non tutti i gruppi necessitano degli stessi stili di leadership. Ogni stile deve essere considerato come necessario al suo gruppo (personalità collettiva) opposto. Pertanto, utilizzare una leadership affettiva-relazionale all’interno di un gruppo unito, vuol dire …
Read more

di Raffaele Napolitano Poiché il mondo è in continua evoluzione sotto tutti i punti di vista: geografico, politico, tecnologico, economico e sociale, oggi, per essere competitivi si richiede l’acquisizione di un gran numero di competenze e l’azienda non è esente da tale richiesta. Il crescente aumento della competitività richiede alle imprese di realizzare un rapporto …
Read more

di Raffaele Napolitano Super leader Tutto il paragrafo è dedicato alla superleadership, lo schema che segue riepiloga chiaramente le differenze salienti tra le varie tipologia di leadership. Per “super” non si intende che il leader abbia delle capacità superiori ai comuni esseri umani ma, proprio in merito al fatto che questa leadership pone l’accento sui …
Read more

di Raffaele Napolitano Come anticipato nel paragrafo precedente, i nuovi leader necessitano di essere sempre più specialisti del proprio ambito e che la leadership è intrecciata alla formazione culturale. Nel prossimo paragrafo parlerò delle specificità del leader progettista, dell’educatore e dell’assistente e dei nuovi strumenti che devono adottare per esercitare una buona leadership. Anche perché …
Read more

di Raffaele Napolitano Secondo la learning organization, il vero leader è colui che non solo è capace di apprendere e modificarsi in base al cambiamento che gli si presenta ma è anche capace di insegnare ai follower ad assumere la stessa abilità. In una situazione di learning organization, al leader non è richiesto di avere …
Read more

di Raffaele Napolitano Compiti e funzioni del leader Uno dei compiti cardine dei leader odierni è quello di saper costruire una buona forma di apprendimento da parte dei follower. Paradossalmente chi opera per ottenere il consenso altrui è destinato a delle performance mediocri. Già con le prime forme di apprendimento inizia un processo di decostruzione …
Read more

Storia della leadership

maggio 25th, 2013 | Posted by Igor Vitale in Leadership - (3 Comments)

di Raffaele Napolitano Quando è nato l’interesse per la leadership? (per una storia del costrutto di leadership, clicca qui) Ci è facile riconoscere un leader quando ne vediamo uno ma quali siano le sue qualità oggettive è tuttora materia di studio, di seguito si parlerà di esempi specifici legati a personaggi risalenti all’ antica Cina …
Read more

Corso di formazione in __ Torino, 11-12 Marzo 2017, 29-30 Aprile 2017 Roma, 8-9 Aprile 2017 Milano, 25-26 Marzo 2017 Padova, 18-19 Marzo 2017 Siracusa, 28-29 Gennaio 2017 Sofia (Bulgaria) – data in corso di definizione Bucarest (Romania) – data in corso di definizione Nizza (Francia) –  Agosto 2017 Alcune passate edizioni Roma, 13-14 Dicembre …
Read more

I ricercatori nelle organizzazioni hanno spesso focalizzato l’attenzione su come i dipendenti tendano a generalizzare i comportamenti del leader o del supervisore ai comportamenti dell’organizzazione, come previsto dalle teorie del contratto psicologico (Rousseau, 1989) e nella teoria del sostegno organizzativo (Eisenberger, Hungtinton, Hutchinson & Sowa, 1986). Tali teorie sono accomunate dal fatto che spesso il …
Read more

Secondo Il Modello del Contenuto degli Stereotipi (SCM; Cuddy, Fiske & Glick, 2008; Fiske, Cuddy, Glick & Xu, 2002), sono due le principali dimensioni su cui si fonda la percezione sociale: competenza e calore. Queste dimensioni sono influenzate rispettivamente dalla competizione intergruppi e dallo status dell’outgroup. In particolare quanto più elevato è lo status, tanto …
Read more