L’ipnoterapia si è rivelata molto utile nella cura di chi soffre di depressione. Il paziente depresso ha una visione pessimistica dell’esistenza che prende il sopravvento su ogni altra realtà immaginabile. Il soggetto per esempio tenderà alla catastrofizzazione, cioè a pensare che se una cosa ha anche solo una remota possibilità di andar male, questo accadrà …
Read more

Il Disturbo da Stress Post-Traumatico (DSPT) trae grandissimo beneficio dall’ipnosi. Già Janet raccomandava l’uso dell’ipnosi per curare le vittime femminili di abusi psicologici, sessuali o fisici. L’ipnosi venne usata anche durante le due guerre mondiali con i soldati che soffrivano di disturbo post-traumatico da stress, fu utilizzata negli anni ’60, con i reduci dalla guerra …
Read more

Le fobie specifiche non sono innate, ma sono acquisite durante la crescita e costituiscono una forma di apprendimento. A volte la fobia deriva dall’osservazione di alcune reazioni fobiche da parte di figure di riferimento. La differenza tra una fobia appresa e una paura naturale (per esempio quella di una lepre che fugge da un falco), …
Read more

Gli stessi interventi descritti per curare il disturbo d’ansia generalizzato, come un generale rafforzamento dell’Ego, il rilassamento e l’autoipnosi possono essere strumenti non specifici che aiutano chi soffre di attacco di panico (Iglesias & Iglesias, 2005a), sebbene quest’ultimo sia un problema diagnosticabile separatamente dall’ansia e possa accompagnare anche altri disturbi mentali (APA, 2013). Ogni intervento …
Read more

Ipnoterapia e trattamento dell’ansia generalizzata L’ansia è lo stato di attivazione psicofisiologica dell’organismo che un individuo sviluppa per proteggersi dai pericoli, attraverso l’attivazione de Sistema Nervoso Simpatico (arousal). Essa coincide con una forte apprensione, abnorme per frequenza e intensità rispetto al problema che si deve affrontare (Kring, Davison, Neale, & Johnson, 2007), e può essere …
Read more

La prima tecnologia attraverso la quale le teorizzazioni sull’ipnosi sono state rese maggiormente scientifiche e meno speculative è stata l’elettroencefalografia. Attraverso l’utilizzo dell’EEG è possibile osservare le onde cerebrali che vanno da onde a bassa frequenza le Delta ad onde ad alta frequenza le Gamma. Le onde Delta (< 4 Hz) caratterizzano il sonno profondo, …
Read more

Per indurre la trance si possono utilizzare varie tecniche, ognuna delle quali determinerà reazioni molto diverse nei differenti pazienti. Ciò che il terapeuta dovrà fare all’inizio dell’induzione sarà suggerire al paziente di assumere una posizione comoda e possibilmente di chiudere gli occhi, questo può essere fatto tramite suggestione diretta – “chiudi gli occhi” (Yapko, 2011, …
Read more

Un individuo può essere ipnotizzato in qualsiasi luogo, ma le variabili ambientali dello studio del terapeuta possono facilitare o meno l’ipnosi. Lo studio del terapeuta dovrebbe essere il più tranquillo possibile, privo di rumori molesti che possano distrarre il paziente e impedirgli di focalizzarsi sulle sue esperienze interiori (Yapko, 2003). Può succedere, che mentre il …
Read more

La trance come stato naturale: aumentare il benessere e promuovere la resilienza. A chiunque guidi l’automobile è, a volte, successo di arrivare a destinazione non ricordandosi il viaggio intrapreso. Pur rispettando gli stop e i segnali stradali, parte dell’attenzione di un soggetto al volante spesso è rivolta altrove. Questo accade perché più volte nel corso …
Read more

Negli stessi anni in cui Erickson operava, la Scuola di Palo Alto stava sviluppando concezioni teoriche molto vicine alle sue (Watzlawick, Beavin, & Jackson, 1967). L’approccio terapeutico ericksoniano presentava punti d’intersezione con l’approccio sistemico strategico che si stava delineando nella Scuola e a cui lo stesso Erickson diede un notevole contributo. Il termine “strategico” si …
Read more