di Anna del Torto ATTACCAMENTO DISORGANIZZATO E DISSOCIAZIONE NEL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ “Una storia di abuso, specie durante l’infanzia, sembra rappresentare uno dei maggiori fattori che predispongono una persona a diventare un paziente psichiatrico.”        JUDITH  HERMAN [1] Se è vero che non bisogna considerare come causale la relazione tra sviluppo traumatico e disturbi …
Read more

di Anna Del Torto La Teoria dell’Attaccamento postula che il sistema di attaccamento viene attivato, in tutti gli individui, in circostanze traumatiche e di paura (Bowlby, 1988), ma sono i MOI, costruiti sulla base dei primi attaccamenti, che regoleranno l’attivazione o meno del sistema di attaccamento. Nel primo capitolo, parlando dell’attaccamento disorganizzato, abbiamo visto come …
Read more

di Anna del Torto La relazione tra attaccamento disorganizzato e dissociazione patologica viene confermata anche fenomenologicamente, ovvero dalle somiglianze che sono state trovate tra i comportamenti messi in atto dal bambino disorganizzato durante la Strange Situation e alcuni sintomi dissociativi (Liotti e Farina, 2011). Come detto nel primo capitolo, l’attaccamento disorganizzato è caratterizzato dal crollo …
Read more

di Anna del Torto 2.1    Attaccamento disorganizzato-identità dissociata. Un continuum? 2.1.1      Dati di ricerca Prove empiriche sempre più numerose sostengono e confermano l’ipotesi di una relazione tra attaccamento disorganizzato nell’infanzia e la dissociazione patologica nella vita adulta (Solomon e George, 1999). Numerose ricerche hanno dimostrato che la mancanza di un supporto emotivo in un’esperienza traumatica …
Read more

di Anna del Torto 2.1.1      I sintomi dissociativi   Come detto precedentemente, trauma e dissociazione in psicopatologia sono concetti strettamente associati. Infatti, il trauma attiva nell’individuo dei meccanismi arcaici di difesa nei confronti delle minacce ambientali che provocano il distacco dall’usuale esperienza di sé e del mondo esterno e conseguenti sintomi dissociativi (depersonalizzazione e derealizzazione). …
Read more

di Anna del Torto 1.1  Dall’attaccamento disorganizzato al comportamento controllante Alcuni studi hanno visto che bambini classificati come disorganizzati nella Strange Situation durante l’infanzia, spesso all’età di 6 anni mostrano, nei confronti della figura d’attaccamento, atteggiamenti cosiddetti “controllanti” (Main e Cassidy 1988, Wartner et al. 1994; cit. in Solomon e George, 1999). Questi bambini controllanti …
Read more

di Anna Del Torto 1.1 Modelli operativi interni del bambino con attaccamento disorganizzato Secondo la teoria di Bowlby (1988), il tipo di relazione di attaccamento che instauriamo nell’infanzia è fondamentale per lo sviluppo dalla nostra personalità, perché proprio attraverso queste relazioni costruiamo degli schemi mentali, delle rappresentazioni dell’attaccamento che fungeranno da filtro e da termine …
Read more

di Anna Del Torto 1.1  Fattori di vulnerabilità: maltrattamento e abuso, traumi e perdite non risolti nel genitore L’incidenza dell’attaccamento disorganizzato nell’infanzia oscilla tra il 18% e l’82% a seconda della presenza e del tipo di fattori di rischio familiare (Cassidy e Shaver, 2008). E’ stato visto che svolgono un ruolo cruciale, come fattore di …
Read more

di Anna Del Torto 1.1  Caratteristiche del genitore D (disorganizzato) Come detto precedentemente, l’attaccamento disorganizzato non è una prerogativa del bambino, ma è un pattern di comportamento che si sviluppa nella relazione bambino-caregiver. Inoltre, abbiamo anche visto come molti dei comportamenti messi in atto da questi bambini indicano chiaramente un sentimento di paura nei confronti …
Read more

di Anna del Torto 1.1 Comportamento disorganizzato/disorientato L’etichetta “attaccamento disorganizzato/disorientato” -attaccamento di tipo D- fu coniata per la prima volta da Main e Solomon (1990) per descrivere tutti quei comportamenti spaventati, strani, disorganizzati che si manifestavano durante la procedura della Strange Situation (Ainsworth M., et al., 1978) e che non rientravano nei tre tipi di …
Read more