La psicopatologia familiare può verificarsi a seguito di processo dovuto a proiezioni familiari dai genitori ai figli. I genitori possono proiettare una parte della loro immaturità su un bambino che diventa il membro della famiglia meno sviluppato e che ha più probabilità di mostrare sintomi. I bambini che hanno la personalità meno evoluta sceglieranno un …
Read more

1  I modelli d’attaccamento   La Ainsworth identificò inizialmente tre principali tipologie di attaccamento: Attaccamento sicuro (B): mostra disagio quando la madre esce dalla stanza, protestando energicamente ed interrompendo il suo comportamento di gioco e di esplorazione. Quando la madre ritorna, egli viene confortato facilmente e rassicurato dal ritorno della madre, torna a giocare. Esplora …
Read more

I tratti peculiari della Teoria dell’attaccamento vennero dapprima pubblicati sul “The International Journal of Psychoanalysis” in tre articoli, ed in seguito ampliati, formando i volumi della trilogia “Attaccamento e Perdita”: Attaccamento alla madre (1969). Bowlby compie un’indagine sul legame di attaccamento madre-bambino, partendo dal presupposto che i comportamenti istintivi delle specie animali superiori e dell’uomo …
Read more

Articolo di Sharon Invigorito Il sistema dell’attaccamento come ormai sappiamo, si è rivelato estremamente importante ed utile a far luce sulle differenze tra gli individui nelle modalità di relazionarsi con l’altro e visto in quest’ottica può essere estremamente interessante anche far riferimento al caso particolare delle dinamiche amorose e dunque alla difficoltà di mantenere legami …
Read more

Articolo di Sharon Invigorito La relazione d’attaccamento spaventata-spaventante: l’attaccamento disorganizzato-disorientato (D) Successivamente, un gruppo di studio formatosi a Berkeley e composto da Mary Main, Judith Salomon e Donna Weston, classificò un quarto tipo di attaccamento definito disorganizzato-disorientato (Main e Weston, 1981; Main e Solomon, 1990). Questa categoria è stata individuata partendo dalla considerazione che alcuni …
Read more

La Storia del Morbo di Alzheimer inizia nel 1901 quando Alzheimer diagnosticò per primo tale demenza. La paziente, Auguste D., 51 enne aveva notevoli problemi nel ricordo di oggetti presentati solo qualche minuto prima. Per diagnosticare oggi questo tipo di demenza, che è oggi tra le più diffuse (50-60%) occorre che i deficit riscontrati non …
Read more

Molte problematiche adolescenziali, in particolare riguardo alla identità, alle relazioni e alla sessualità, sembrano peraltro radicarsi specificatamente nell’insicurezza dell’attaccamento con la madre. Nelle storie che hanno preceduto l’esordio della tossicodipendenza, e dei disturbi di personalità che con essa sono associati, non e’ infatti difficile ravvisare condizioni di alterato accudimento materno: l’accudimento mancato, l’accudimento soltanto mimato, …
Read more

I fattori sociali sono determinanti anche per la percezione del rischio in adolescenza. Le persone formulano decisioni che includono alternative più o meno rischiose in base alla propria percezione del rischio. E formulano decisioni di questo tipo costantemente. In adolescenza, è stato studiato che la percezione di controllo aumenta, e di conseguenza, si riduce la …
Read more

Le tipologie dell’infedeltà sono tante e ognuna riflette la storia personale dell’individuo. Esiste l’infedele che cerca l’altro o l’altra per confermare la propria virilità o la propria femminilità. Probabilmente si tratta di uomini o donne che non hanno sperimentato nella loro infanzia il complesso edipico o di Elettra  all’interno del triangolo familiare che porta il …
Read more

Da diversi anni, anche se con ritardo rispetto ad altri paesi, in Italia si stanno sperimentando forme d’aiuto alle famiglie separate attraverso interventi di mediazione familiare mirati alla risoluzione del conflitto coniugale per la tutela del danno del minore, attraverso la riorganizzazione delle relazioni dell’intero nucleo familiare. E’ alla fine degli anni ottanta che si …
Read more