Mediante un’efficace metafora, James Anthony definisce l’adolescente come un emigrante che, lasciato il vecchio paese per muoversi verso nuovi orizzonti esperienziali, si trova a fronteggiare la scomoda sensazione di tradire le proprie radici.[1] Crescere per trasformarsi in adulto significa lasciare dietro di sé ciò che si è stati e diventare per molti aspetti qualcun altro.[2] …
Read more

Come scrive Victor Hugo: l’adolescenza è la più delicata delle transizioni. Al giorno d’oggi consideriamo preventivo intervenire sulla cultura affettiva che alimenta il fenomeno alle origini del comportamento a rischio, cercando di aiutare i ragazzi a riconoscere motivazioni e significati affettivi dei propri comportamenti e ad assumerne la responsabilità. Stephen Littleword dice: “Ricorderai l’adolescenza come …
Read more

Gli esiti del processo dell’adolescenza possono essere diversi: un’adolescenza adeguata avviene attraverso l’identificazione introiettiva, e porta l’adolescente a diventare adulto con le qualità genitoriale  con cui si identifica; un’adolescenza ritardata appartiene in genere ad adolescenti di famiglie borghesi, che portano avanti i loro studi, intraprendono carriere già avviate in famiglia, sposano persone scelte o accettate dai genitori, …
Read more

La teoria psicoanalitica postula la crisi adolescenziale come “fisiologica” per uno sviluppo adeguato della personalità; le soluzioni di assetto della personalità, che non passano attraverso questo travaglio interno, risulterebbero monche e parziali, in quanto l’integrazione libidica o dell’Io non si organizzerebbe intorno a nuovi oggetti d’amore o ad una nuova identità, bensì attorno alle antiche identificazioni …
Read more

È alquanto nota l’idea che la fase adolescenziale sia un periodo di innumerevoli cambiamenti, non soltanto da un punto di vista corporeo, con il raggiungimento della maturità sessuale, ma anche da un punto di vista psichico, in relazione al processo di acquisizione di un’identità sempre più definita. Secondo Petri anche l’amore fraterno, afferrato dai vortici …
Read more

La logica paradossale delle condotte anoressiche e bulimiche sta nella tenacia con la quale non cedono alla fame né al bisogno dell’Altro pur essendo profondamente ossessionate sia dal primo che dal secondo. Il punto è che questi soggetti vorrebbero in realtà essere fermati nella loro angosciosa deriva. Questo movimento di fuga e allo stesso tempo …
Read more