alzheimer

La Storia del Morbo di Alzheimer inizia nel 1901 quando Alzheimer diagnosticò per primo tale demenza. La paziente, Auguste D., 51 enne aveva notevoli problemi nel ricordo di oggetti presentati solo qualche minuto prima. Per diagnosticare oggi questo tipo di demenza, che è oggi tra le più diffuse (50-60%) occorre che i deficit riscontrati non …
Read more

alzheimer assistenza

Sarebbe riduttivo considerare la malattia di Alzheimer come circoscritta solamente al portatore della malattia, essa riguarda sicuramente anche in maniera sistemica tutta la famiglia del malato e in maniera particolare le figure che si occupano direttamente di accudire ed assistere il malato. Il familiare, inevitabilmente, dovrà rinunciare a parti della propria vita riadattandosi in funzione …
Read more

alzheimer morbo

Criteri del DSM 5 per il Disturbo Neurocognitivo Maggiore Dovuto ad Alzheimer Per poter diagnosticare il Disturbo Neurocognitivo maggiore dovuto ad Alzheimer, è necessaria la soddisfazione dei criteri per il Disturbo Neurocognitivo Maggiore. Nel DSM-5 possiamo riscontrare, per il Disturbo Neurocognitivo Maggiore, i seguenti criteri: Un evidenza significativa del declino cognitivo da un precedente livello …
Read more

memoria cervello

Gli scienziati in Australia hanno costruito una cellula di memoria a lungo termine che può contenere ed elaborare le informazione, proprio come fa una cellula del cervello dell’uomo. Si tratta di una delle primi passi verso la costruzione di un cervello elettronico. Questa nuova cellula elettronica è diecimila volte più piccola di un capello ed …
Read more

a0257-000045

IL SONORO-MUSICALE NEL TRATTAMENTO DELLE DEMENZE Quelle che sono le problematiche dell’anziano (e più nello specifico per quel che riguarda quelle delle demenze) coinvolgono la dimensione psichica, relazionale e fisica richiedendo, dunque, una visione olistica della persona. E’ chiaro che l’intervento musicoterapico si collocherà bene in un percorso di integrazione dell’Io, di maturazione e di …
Read more

alzheimer-assistente

Occuparsi di un malato di Alzheimer, vivere con lui, accudirlo, comporta un peso non indifferente nel familiare; al caregiver viene chiesto di rinunciare parzialmente alla sua vita, tutto si deve riadattare in funzione dell’altro (vedi tabelle 10 e 11). Un altro però che non è un altro qualsiasi ma un padre, una madre, un partner …
Read more

ALZHEIMER

L’intervento a sostegno del caregiver si articola su tre livelli: Formazione/informazione Supporto psicologico Psicoterapia Con il primo punto si intende il continuo ricercare informazioni riguardo la malattia e i metodi di cura, le nuove scoperte e cosa ci dicono gli esperti. È opportuno prendere tutte le misure precauzionali e non pensare di essere arrivati a …
Read more

farmaci-generici

L’ultimo anello del piano di intervento per il malato d’Alzheimer è costituito dall’insieme delle terapie farmacologiche e psicosociali attualmente esistenti. I farmaci più utilizzati ed approvati dalla Food and Drug Administration americana, per la salvaguardia delle capacità mentali sono: Inibitori dell’acetilcolinesterasi, che aumentano la quantità di acetilcolina nello spazio sinaptico, esercitando la propria attività terapeutica …
Read more

alzheimer-prevenire

È possibile istituire un piano di intervento per il malato di Azheimer su tre livelli: La prevenzione La diagnosi Il trattamento Vediamo ora la prevenzione È possibile affermare che non è mai troppo presto per iniziare a prevenire una demenza; uno stile di vita sano, che comprende dieta completa, regolare esercizio fisico e una vita …
Read more

anziani-alzheimer

Il caregiver è identificabile in un membro della famiglia che aiuta l’altro membro malato nello svolgimento delle normali attività, necessarie alla vita di tutti i giorni. In valori percentuali si può affermare che nel 64.1% dei casi il caregiver è un figlio/a, nel 25,2% il coniuge e in altri casi meno rappresentativi, possiamo trovare un …
Read more