Il padre della psicoanalisi Sigmund Freud iniziò con il concepire la creatività nei termini di un fenomeno “psicologicamente ancora enigmatico” (1910/1974, p. 168), asserendo che non è problema della psicologia comprendere le origini, nell’artista, della capacità di creare (Freud, 1913/1976). Grande era l’interesse che egli nutriva per l’arte (soprattutto quella antica e rinascimentale), come espresse …
Read more

Articolo di Laura Koelliker Il primo ad operare delle riflessioni sul gioco d’azzardo in un’ottica psicoanalitica è stato Von Hattingberg (1914). L’autore ha fornito una spiegazione di natura sessuale alla paura e alla tensione che sono caratteri peculiari del gioco. Questi elementi rifletterebbero delle tendenze masochistiche di origine pregenitale, comparse durante l’infanzia, per il senso …
Read more

  Nello scritto Introduzione al narcisismo, come abbiamo detto in precedenza, l’attività sessuale si sviluppa lungo due linee parallele, una riguardo le zone erogene e l’altra riguardo all’oggetto, quindi il narcisismo costituisce uno stato intermedio tra autoerotismo e amore oggettuale. Con l’introduzione del narcisismo, la prima teoria duale delle pulsioni, comportò dei problemi fondamentali, perché …
Read more

Per parlare delle diverse teorie che affrontano lo sviluppo del bambino, è necessario prendere in considerazione la tensione più rilevante nella storia delle idee psicoanalitiche tra il modello strutturale delle pulsioni attuato da Sigmund Freud, che elabora la sua teoria a partire dalle pulsioni istintuali, e un modello alternativo che affronteremo nel secondo capitolo, chiamato …
Read more

La  prima spiegazione dei comportamenti aggressivi fornita da Freud è stata quella secondo cui l’aggressività è posta al servizio del principio del piacere ed è quindi vista come una reazione dell’individuo alla frustrazione sperimentata durante la ricerca del piacere o dell’appagamento della libido. Dopo il 1920 Freud abbraccia una nuova teoria, la teoria dei due …
Read more

Utilizzo della chiave di lettura della psicoanalisi anche per l’identificazione di alcuni meccanismi della criminogenesi. Franz Alexander e Hugo Staub 1929 → condotta criminosa intesa come effetto di molteplici modalità dello svincolo dal controllo del SI, identificano diverse condizioni nelle quali il controllo dell’istanza superiore si riduce fino a sparire, secondo lo schema seguente: normalità …
Read more

In psicologia diverse scuole di pensiero hanno cercato di descrivere e comprendere il complesso fenomeno del lutto. E’ possibile, pertanto, individuare alcune principali teorie psicologiche di riferimento: la teoria psicoanalitica, la teoria biologica o interpersonale, la teoria post-traumatica o della crisi e la teoria esistenziale. In esse troviamo alcune differenze ma anche alcuni punti in …
Read more

La psicoanalisi E’ la prima ad essersi posta come obiettivo il fornire un paradigma interpretativo sistematico della struttura psicologica e dei meccanismi psicodinamici agenti nella persona umana; ha una notevole influenza sulla nostra cultura, è arrivata in Italia più tardi per via del fascismo. I contributi fondamentali sono stati il concetto di inconscio e quello …
Read more

Il vocabolario della lingua italiana definisce il lutto (dal latino luctus, pianto, dal tema di lugere, piangere ed essere in lutto) come un cordoglio per la morte di qualcuno; il termine cordoglio deriva dal latino cordolium, composto da “cor”, cuore, e “dolere”, provare dolore: profondo dolore provocato da un lutto (Lo Zingarelli, 2005). Il termine …
Read more

Lo sviluppo della sessualità infantile, soggetto ad amnesia, si rileva determinante per tutto lo sviluppo successivo. Esistono delle tappe dello sviluppo individuate da Freud che il soggetto compie nel suo percorso evolutivo; la sessualità attraversa in una serie di tappe o processi, mai completamente superati, che lasciano dietro di sé la disposizione al regredire patologico. …
Read more