Stili di attaccamento e relazioni d’amore nella vita adulta

novembre 18th, 2013 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica | Relazioni Interpersonali

images (10)

In questo articolo scopriremo che la nostra relazione con i genitori incide in maniera particolare sulle relazioni che abbiamo con i partner nella vita adulta. Se ritieni di dover affrontare un tema saliente nella tua vita relazionale, contatta uno psicologo per una Consulenza, può aiutarti in maniera significativa per affrontare la difficoltà.

Secondo alcuni studi (Hendricks & Hendricks, 1986; Feeney & Noller, 1990; Levy & Davis, 1988; Shaver & Hazan, 1988;), gli stili di attaccamento sono predittori della love addiction. In questo paragrafo mi occuperò di illustrare questi studi e di spiegare gli stili di attaccamento da un punto di vista neurobiologico.

Oggi, lo studio degli stili di attaccamento si è evoluto in maniera particolare, mentre inizialmente gli studi si erano focalizzati esclusivamente sullo sviluppo di determinati stili nei primi anni di vita, oggi sono sempre di più gli studi che si occupano di valutare che cosa succede e che effetti hanno gli stili di attaccamento nelle relazioni d’amore in età adulta. Hazan e Shaver (1987; Shaver & Hazan, 1988; Shaver, Hazan & Bradshaw, 1988). Successivamente, gli stessi autori hanno iniziato a studiare gli effetti degli stili di attaccamento nei luoghi di lavoro, sono diversi gli studi che mostrano come lo stile di attaccamento sicuro faciliti i comportamenti prosociali (Richards e Schat, 2011), la soddisfazione lavorativa e altre variabili favorevoli alla persona e all’organizzazione (Desivilya, Sabag & Ashton, 2006, Quick, 1999). Il merito di questi studi è sicuramente quello di evidenziare come gli stili di attaccamento e la produzione di internal working model siano pervasivi nella vita di relazioni umane, per quanto importante, sarebbe restrittivo in qualche modo focalizzarsi esclusivamente sulla relazione genitori-figli.

Hazan & Shaver, in particolare, affermano che le variazioni nelle primissime esperienze sociali del bambino, producono differenze importanti negli stili di relazione che si manifestano nella vita relazionale adulta.

In riferimento alle relazioni tra stili di attaccamento e legami d’amore, Hazan & Shaver hanno collegato gli stili di attaccamento agli stili di relazione d’amore sviluppati da Hendricks & Hendricks  (1986). Questi stili di relazione erano basati su una tipologia inizialmente sviluppata da Lee (1973).

La tipologia di Lee comprende tre stili primari di relazione d’amore:

–  Eros: si tratta dell’amore passionale e romantico;

–  Ludus: si tratta della componente di gioco dell’amore;

–  Storge: si tratta dell’amore legato all’area dell’amicizia;

E comprende tre stili di relazione d’amore secondari:

–  Mania: è costituito dall’amore possessivo e dipendente, ad esso fa riferimento dunque il concetto di dipendenza affettiva;

–  Pragma: si tratta della componente logica dell’amore

–  Agape: si tratta dell’amore che annulla il sé, nella quale il partner da’ tutto se stesso all’altro, annullandosi.

Sulla base di questa tipologia, Shaver & Hazan (1988) hanno ipotizzato che si potesse in qualche modo ridurre  a soli tre elementi collegandoli ai tre stili di attaccamento. Nello specifico, questi autori, collegarono lo stile di attaccamento sicuro all’eros e ad una versione meno estrema dell’agape, l’attaccamento evitante  al ludus, l’attaccamento ansioso-ambivalente allo stile mania e dunque alle versioni più legate alla dipendenza affettiva.

Queste ipotesi sono state poi confermate da alcune ricerche. Ad esempio lo studio di Levy & Davis (1988) ha rilevato come ci sia una relazione tra stili di attaccamento ansioso-ambivalente e relazioni amorose negative, allo stesso modo uno studio di Hendricks & Hendricks (1989) ha mostrato che i legami ipotizzati di Shaver & Hazan sono plausibili: l’attaccamento sicuro è correlato positivamente agli aspetti positivi della relazione, l’attaccamento evitante alla dimensione ludus, quello ansioso-ambivalente alla dimensione mania (dunque alla dipendenza affettiva).

Uno studio di Feeney e Noller (1990) aveva l’obiettivo di dimostrare i legami ipotizzati da Hazan & Shaver. È sostenibile la relazione tra stili di attaccamento e stili di relazione d’amore nell’età adulta?

In questo studio sono stati selezionati 374 persone (162 maschi e 212 femmine) iscritti al primo anno di psicologia e gli sono stati somministrati 6 questionari.

  •         Love addiction: che misurava la relazione di dipendenza affettiva, la scala era costituita di 13 item adattati dalla scala di Cowan e Kinder, 1985);
  •         Rubin’s Love Scale: che misura il concetto di triangolo dell’amore
  •         Limerence
  •         Love Attitudes Scale: scala che misura la tipologia di relazione amorosa definita da Lee
  •         Attachment Style Measures: scala che misura gli stili di attaccamento (sicuro, evitante e ansioso-ambivalente)
  •         Self-esteem: mediante una scala di autostima (Coopersmith Self-Esteem Inventory, 1967)

Da questo studio sono emersi due legami di rilevanza statistica per quanto riguarda la dipendenza affettiva. Il primo riguarda l’autostima, essa è correlata negativamente con la dipendenza affettiva, dunque maggiore sarà l’autostima, minore sarà la possibilità che si sviluppi dipendenza affettiva.

La seconda invece riguarda il legame tra stile di attaccamento ansioso-ambivalente e dipendenza affettiva.

E’ dunque possibile identificare un legame tra stili di attaccamento e sviluppo di dipendenza affettiva.

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

2 Responses