Psicologia dei Selfie: Perché Ci Piace Fare Foto a Noi Stessi

luglio 7th, 2015 | Posted by Igor Vitale in Marketing | Psicologia Sociale | Uncategorized

selfie estremi

Quante foto ci sono sul tuo cellulare?

In questi giorni, le persone scattano più foto che in qualunque altro momento della storia. In pochi minuti, oggi vengono scattate più foto che nell’intero 19° Secolo!

In una scuola di Bergamo è stato studiato che quasi la metà degli studenti – in media – scatta e pubblica sui social network almeno un paio di selfie alla settimana, molti dei quali ritoccate a Photoshop.

Come fa la Psicologia Sociale oggi a spiegarsi un fenomeno così dilagante? Esistono varie spiegazioni tutte valide alla Psicologia del Selfie che troverai qui in 7 punti.

Il Selfie è un modo per definire noi stessi

Il Selfie è un modo per definire la nostra identità. L’autoritratto è un modo per comunicare la nostra auto-immagine, ovvero il modo in cui definiamo noi stessi. In Psicologia Sociale si parla di “looking-glass self” ovvero il modo in cui definiamo noi stessi, il modo in cui noi crediamo di essere – che spesso non coincide con il modo in cui gli altri ci vedono.

Oggi che possiamo fare foto molto più facilmente e condividerle con migliaia di persone, il peso che ha la nostra immagine sugli altri è aumentato di molto.

Più il Selfie promuove una certa identità – simpatica, sexy, avventurosa, divertente, intelligente – più probabilmente gli altri creeranno quella immagine su di te, formeranno un’impressione su di te di un certo tipo.

Il Selfie attira l’attenzione

C’è poco da fare, il nostro cervello è naturalmente attratto dai volti. Non potrebbe esserci una dilagazione dei selfie se non ci fosse qualcun’altro che ci presta attenzione, mette un mi piace o condivide! In Computer Science hanno condotto uno studio tramite eye-tracking, una macchina in grado di misurare dove lo sguardo dell’utente fissa l’attenzione ed i volti vincono sempre! Le zone colorate nell’immagine sono quelle in cui l’uomo ha fissato maggiormente l’attenzione.

foto selfi

Il Selfie aumenta i “mi piace” ed i “commenti” nei Social Network

La maggiore attenzione verso i selfie, porta ad una maggiore probabilità di inserimento di commenti e mi piace e questo gratifica il soggetto che li riceve, motivandolo ancora di più a ripetere il selfie.

Il Selfie diminuisce la probabilità di essere assunti in una selezione del personale

Il Selfie è così dilagante, che molte persone hanno cominciato ad utilizzarlo anche come foto di presentazione per il proprio curriculum vitae. In realtà, in questo caso l’effetto è negativo, una foto selfie può essere utile in contesti intimi, personali ed informali, ma nel colloquio di lavoro diminuisce la credibilità. La foto in selfie ha solitamente una qualità peggiore di una foto professionale per quanto riguarda la luminosità, l’inquadratura e la qualità generale dell’immagine, e questo porta ad una svalutazione del candidato durante il colloquio di lavoro. (ho preparato per te alcuni Suggerimenti per Superare un Colloquio di lavoro, clicca qui o qui)

La bellezza di un Selfie dipende dall’angolatura della foto

Uno studio di Mei-Chen Yeh and Hsiao-Wei Lin ha dimostrato che la bellezza di un selfie dipende dall’angolatura specifica del selfie, mostrando che la bellezza della foto dipende in parte dalla forma dei triangoli definiti in certe aree del volto, che potete vedere riassunti in questa immagine. Chiaramente, un’altra determinante della bellezza di un selfie è la bellezza fisica delle persone, variabile che influenza notevolmente le interazioni tra persone. Il volto viene prima mappato determinando i punti in rosso di questa prima immagine.face pointE poi vengono definiti dei triangoli congiungendo vari punti nel volto. La visibilità e la forma dei triangoli varia in base all’angolatura del volto, ed un algoritmo in un computer può calcolare tutto questo definendo quale possa essere la migliore angolatura per un selfie.

face point2

La mappatura di questi triangoli, quando si fa un selfie, potrebbe rendere gli smartphone più intelligenti

Perché? Perché potrebbero aiutare l’utente a scegliere la migliore angolatura, suggerendoci in che modo posizionare il volto rispetto all’immagine! Vedi un esempio qui di mappatura dei triangoli in un selfie.

face point3

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sulla tua bacheca

Scopri altri Segreti

16 Consigli di Psicologia per Migliorare la Tua Foto Facebook

 

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.