La personalità: cultura o biologia?

gennaio 9th, 2019 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica

Articolo di Susy D’Onofrio

Cultura e biologia: compagne o antagoniste? Sembra una domanda di altri tempi, una domanda la cui risposta sembra così scontata che chiederselo risulterebbe una perdita di tempo. Se ci dovessimo trovare a chiedere alle persone se secondo loro essi sono frutto del loro patrimonio genetico o di ciò che hanno appreso nel loro ambiente, di sicuro non stenterebbero a rispondere che entrambe, natura e ambiente, hanno un’importante componente nella formazione di un individuo.

Se però coppie di genitori si trovano a confrontare i propri figli notando che un bambino ha cominciato a parlare più tardi di un altro, o che due fratelli si dimostrano caratterialmente diversi, magari uno più irrequieto e l’altro più timido e introverso, improvvisamente ciò che sembrava così scontato diventa un mistero imperscrutabile. Genitori con sensi di colpa se un figlio tarda a parlare rispetto a un gruppo di coetanei, genitori che davanti alle differenze comportamentali di due fratelli si giustificano dicendo “è carattere”. Gli studi, negli anni, hanno adottato l’indirizzo biologico piuttosto che quello culturale e viceversa. Anche oggi si trovano correnti, più o meno esplicite, che adottano chi più la strada dell’ambiente chi più quella della natura. Diamo un’occhiata ai maggiori filoni che si sono susseguiti negli ultimi decenni.

Corsi Gratis di Psicologia

 

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.