Articolo di Sharon Invigorito La relazione d’attaccamento spaventata-spaventante: l’attaccamento disorganizzato-disorientato (D) Successivamente, un gruppo di studio formatosi a Berkeley e composto da Mary Main, Judith Salomon e Donna Weston, classificò un quarto tipo di attaccamento definito disorganizzato-disorientato (Main e Weston, 1981; Main e Solomon, 1990). Questa categoria è stata individuata partendo dalla considerazione che alcuni …
Read more

Le basi teoriche dell’attaccamento sono state formulate da Bowlby (Bolwby, 1969, 1973, 1980, 1988) e si basano sull’idea che esso rappresenti un sistema motivazionale primario attraverso il quale l’individuo stabilisce una sicurezza interna. Di conseguenza, la propensione a stringere relazioni emotive intime, nell’infanzia come nell’età adulta, è una componente fondamentale della natura umana che assolve importanti funzioni biologiche. Cervello e …
Read more

Con il termine “traumi relazionali precoci” si intendono tutte le interazioni del bambino con il suo caregiver che conducono ad una disorganizzazione dell’attaccamento, anche quando la figura di riferimento non è direttamente maltrattante (Liotti, 2008). Si tratta infatti di traumi di lieve entità ma reiterati nel tempo e messi in atto da una o più persone a cui il …
Read more

Disturbi dell’attaccamento: Disturbo reattivo dell’attaccamento 04 I disturbi dell’attaccamento si riferiscono alla modalità relazionale sociale disturbata o inadeguata, che caratterizza il bambino rispetto al suo livello di sviluppo e si esprime in svariati ambiti. Le problematiche legate alle relazioni di attaccamento, rappresentano fattori di rischio che rendono la persona vulnerabile allo sviluppo di quadri psicopatologici …
Read more

Attaccamento sicuro: Madre recettiva, capacità di sintonizzazione legata alla funzione riflessiva del genitore che gli consente di riflettere sulle influenze che gli stati della mente esercitano su sensazioni, percezioni, comportamenti etc. Tale funzione ha un ruolo centrale nell’attaccamento sicuro in cui gli stati della mente degli individui sono in accordo emotivo. La capacità di recepire …
Read more

Anche un rapporto sicuro con il padre contribuisce a favorire lo sviluppo dei bambini e le differenze a favore dei soggetti sicuri  nell’infanzia rimangono stabili fino a 15 anni (Carlson, Sroufe, 1995). Esiste comunque un ampio dibattito sul ruolo giocato dal temperamento del bambino , supportato in parte dalla correlazione significativa tra le classificazioni in …
Read more

Come il trauma può portare al disturbo psicologico Conoscere il trauma è importante per trovare le modalità di soluzione più opportune di Marijana Milotic I dati empirici della letteratura indicano in modo chiaro che le esperienze traumatiche cumulative nella la fase evolutiva sono correlate fortemente con lo sviluppo di diverse psicopatologie nell’età adulta (Liotti, Farina, …
Read more

La neurobiologia ha un effetto particolarmente incisivo su tutte le funzioni del cervello, andando a incidere su aspetti di regolazione delle emozioni, di condotta, di memoria e attentive. In questo paragrafo verranno descritti alcuni risultati relativi allo studio della neurobiologia rispetto a vari aspetti della relazione madre-figlio. Alcune evidenze ci portano ad affermare che la …
Read more

 Le esperienze che si verificano durante i primi anni di vita pongono le basi per le successive interazioni che la persona ha con il mondo esterno. Tali esperienze influenzano i processi della mente durante l’intero corso della vita. Alcuni studi longitudinali indicano che determinati tipi di relazioni precoci di attaccamento favoriscono la regolazione emotiva, la …
Read more