Le suggestioni indirette ericksoniane possono assumere diverse forme e trovarsi accostate, l’una all’altra, nelle stesse proposizioni. Sono già state esposte alcune tecniche di suggestione indiretta nel paragrafo precedente: cancellazione, deformazione, generalizzazione (Bandler & Grinder, 1975). Molto affine alla cancellazione, che prevede di rivolgersi al paziente con frasi ambigue che gli permettano di colmare i vuoti …
Read more

Erickson predilige la suggestione indiretta a quella diretta perché facilita le naturali tendenze di risposta inconscia del paziente, invece d’imporre il proprio controllo facendo appello alla mente conscia come fa la suggestione diretta. Aiutare il paziente a tracciare il proprio sentiero, senza obbligarlo in nessuna direzione è, infatti, il compito dell’ipnotista (Mammini & Balugani, 2014). …
Read more

  Erickson aveva compreso che per comunicare realmente con una paziente, sia a livello cosciente che inconscio, bisognava ricalcare il suo modello mentale, così lo si sarebbe potuto aiutare a sviluppare un nuovo modello di rappresentazione della realtà conducendolo alla guarigione o, meglio, all’auto-guarigione. I modelli mentali presentano tre principali differenze con la realtà, che …
Read more

L’essere umano non agisce sul mondo per come esso realmente è ma, la sua azione, il suo comportamento, il suo pensiero sono sempre mediati dall’idea che ha del mondo, da ciò che crede sia la realtà. Le difficoltà di adattamento e i problemi psicologici insorgono quando ci si ostina ad applicare modelli mentali vecchi ed …
Read more

L’ipnosi ericksoniana viene detta “Nuova Ipnosi” perché propone una visione radicalmente nuova della trance che da fenomeno straordinario diviene ordinario, ossia riconosciuto come naturale e fisiologico (Zacchetti, 2015a). Sebbene l’ipnosi sia un’esperienza che appartiene alla quotidianità dell’essere umano, essa può essere indotta artificialmente da un terapeuta nel suo studio (Loriedo, 2006a). Milton Erickson propone un …
Read more

La concettualizzazione dell’inconscio in Erickson subisce un cambiamento radicale rispetto alla visione freudiana. L’inconscio non è sede di conflittualità rimosse com’era in Freud, bensì in esso risiedono tutte le esperienze di vita passate, le risorse e le potenzialità creative indispensabili al paziente per la guarigione (Mammini & Balugani, 2014). Freud concepiva l’inconscio come un vero …
Read more

Le tecniche ipnotico-suggestive ericksoniane La vita non è qualcosa cui si possa dare una risposta oggi. Bisogna godere del processo dell’attesa, del processo di divenire ciò che si è. Non c’è nulla di più delizioso che seminare dei fiori senza sapere che specie di fiore crescerà.   Milton Erickson     2.1 Milton Erickson Milton …
Read more

L’avvento della psicanalisi segnò un periodo di declino per l’ipnosi anche se, durante la prima guerra mondiale, vi fu una certa ripresa nella sua utilizzazione per alleviare le nevrosi dei soldati traumatizzati affinché rientrassero prima in trincea. Il metodo utilizzato era quello della rivivificazione dell’evento stressante, ideata da Breuer. L’ipnosi fu usata allo stesso modo, …
Read more

L’ipnosi in Freud I concetti e i metodi ipnotici di Janet confluirono nella teoria della catarsi formulata da Josef Breuer e da Sigmund Freud (1895). Freud era uno studente di medicina di Vienna, conobbe sia Bernheim che Charcot ma fu maggiormente influenzato da quest’ultimo. Superò la polemica tra la Scuola di Nancy e quella della …
Read more

Émile Couè (1857-1926) era un farmacista francese e fu discepolo di Bernheim alla Scuola di Nancy. Egli si dedicò alla suggestione vigile e allo studio dell’autosuggestione. La suggestione dell’ipnotista agiva solo nel momento in cui diveniva autosuggestione, la quale produceva i suoi effetti solo se operava allo stato cosciente quando, cioè, l’individuo era cosciente di …
Read more