Un discorso a parte lo meritano i cosiddetti confabulatori. In psichiatria “la confabulazione cronica è un raro tipo di problema mnemonico che colpisce una piccola percentuale di persone che hanno subìto danni cerebrali. Nella bibliografia scientifica è definita come la “produzione di ricordi inventati, distorti o travisati su se stessi o sul mondo, senza l’intento colpevole di ingannare”. …
Read more

Tra le patologie del gruppo C, il disturbo ossessivo-complusivo di personalità è l’unico in cui la menzogna è percepibile come sintomo. Generalmente, i soggetti affetti da questo disturbo tendono a mentire facendo ricorso all’omissione piuttosto che all’invenzione, in quanto lo scopo che perseguono è quello di mantenere segreta la loro vita per evitare un controllo da parte degli altri. …
Read more

Concludiamo la panoramica sui disturbi del gruppo B esaminando il disturbo borderline di personalità. I soggetti borderline sono caratterizzati da instabilità nelle relazioni interpersonali, dell’immagine di sé e degli affetti e da una marcata impulsività. Spesso hanno un comportamento autodistruttivo, presentano repentini cambi d’umore e tendono ad idealizzare inizialmente le persone per poi svalutarle. Quest’ultimo punto rende loro piuttosto …
Read more

Un ulteriore disturbo di questo gruppo che in qualche modo prevede un comportamento menzognero è il disturbo narcisistico della personalità, seppure con una importante differenziazione rispetto alle due patologie precedentemente prese in considerazione. Analizziamo brevemente la definizione e i criteri di tale disturbo secondo il DSM-V. Secondo il manuale diagnostico, il disturbo narcisistico di personalità è “un pattern pervasivo …
Read more

  Un altro disturbo appartenente allo stesso gruppo in cui la menzogna appare come un sintomo è il disturbo istrionico della personalità. Il DSM-V lo definisce come “un pattern pervasivo di emotività eccessiva e di ricerca di attenzione, che inizia entro la prima età adulta ed è presente in svariati contesti, come indicato da cinque (o più) dei …
Read more

L’Esperimento del Carcere di Stanford è forse il più sconvolgente nel panorama della Psicologia Sociale. Philip Zimbardo e collaboratori hanno voluto studiare l’effetto psicologico di diventare un prigioniero o una guardia carceraria su un campione di studenti. L’esperimento è stato condotto nella prestigiosa Università di Stanford, doveva durare per ben 14 giorni, ma è stato …
Read more

È questo il caso del disturbo antisociale di personalità, che rientra nel gruppo B dei disturbi di personalità, il quale, nel DSM-V, al criterio A viene definito nel seguente modo: “un pattern pervasivo di inosservanza e di violazione dei diritti degli altri, che si manifesta fin dall’età di 15 anni, come indicato da tre (o più) dei …
Read more

Menzogna e patologia Abbiamo visto come mentire sia un comportamento messo in atto da tutti e per le ragioni più diverse. Pratichiamo perfino delle strategie di autoinganno con lo scopo funzionale di affrontare meglio la vita di tutti i giorni. Tuttavia non può essere trascurato il fatto che, a volte, la menzogna può essere indice di una patologia. …
Read more

Come riconoscere chi mente a se stesso con i meccanismi di difesa Anche in una prospettiva cognitiva e comportamentale spesso l’autoinganno si installa in un individuo come un meccanismo di difesa, le cui forme di manifestazioni principali in questo senso sono: 1. la negazione di impulsi, ricordi o azioni, le quali potrebbero causare ansia o umiliazioni. Il fenomeno …
Read more

Menzogna e Autoinganno in Psicologia Nella pratica della menzogna, il mentire a se stessi appare certamente come quella più singolare, tanto che il dibattito sul perché questo accada ha appassionato, e appassiona tuttora, psicoanalisti e psicologi sperimentali, i quali hanno cercato di spiegare questo fenomeno da diversi punti di vista. “L’autoinganno è in primo luogo uno stato nel …
Read more