Le persone devono imparare a controllare il proprio comportamento e a monitorare i propri pensieri in maniera che possano funzionare in modo ordinato. Un controllo adeguato richiede necessariamente la funzione strutturata di una serie di “cognizioni complesse” che coinvolgono aree del cervello responsabili per la soluzione dei problemi, delle modifiche nelle risposte comportamentali agli stimoli, la pianificazione, l’inibizione e lo …
Read more

Gli enormi passi avanti compiuti grazie alle neuroscienze nello studio delle funzioni cognitive si sono tradotti anche in nuovi tentativi di capire, attraverso la misurazione dell’attività cerebrale, se una persona mente o dice la verità. In realtà, i primi sforzi di rilevare l’inganno iniziano già verso la fine del 1800, quando gli studiosi iniziano a sviluppare test sulla …
Read more

L’inganno assomiglia molto ad un compito esecutivo. Esso suscita maggiore attivazione delle regioni prefrontali rispetto al dire la verità e comporta anche un costo di trasformazione, che si manifesta in tempi di risposta più lunghi. Che gli esseri umani utilizzino più risorse cognitive quando mentono sembra in linea anche con gli studi sui primati non umani in cui risulta …
Read more

Nel corso degli anni, è stato scritto molto poco sull’epidemiologia della Menzogna Patologica. Anche se la sua prevalenza nella popolazione generale non è nota, uno studio su 1000 minorenni recidivi ha riscontrato una prevalenza di quasi l’1%. L’approfondimento di 72 casi ha dato come esito che l’età media di insorgenza di un comportamento menzognero si colloca verso i sedici …
Read more

Lo psichiatra e psicologo francese Ernest Dupré nel 1905 conia il termine “mitomania”, che usa come sinonimo di pseudologia fantastica, e descrive i tre criteri essenziali per definirla, che sono: la storia deve essere plausibile e mantenere una certa attinenza con la realtà; i racconti immaginari devono manifestarsi in molteplici circostanze e in modo durevole; i temi di …
Read more

Abbiamo visto che chi racconta una bugia è quasi sempre mosso da una tattica: quindi, tendenzialmente, una menzogna sottende sempre un piano strategico che mira ad un obiettivo. La bugia non è quasi mai fine a se stessa, quanto piuttosto una tecnica che permetterebbe di ottenere un beneficio rispetto alla “verità”.Di più, sarebbe un comportamento che garantirebbe la “sopravvivenza” …
Read more

Ekman elenca otto gesti comuni, riguardanti le mani, che indicano la menzogna. Mano sulla bocca significato Il primo è la mano sulla bocca: quando viene detta una menzogna il cervello ordina inconsciamente alla mano di bloccare le parole false che pronuncia. Talora avviene che la bocca sia coperta solo da alcune dita o dal pugno, …
Read more

È molto semplice controllare i movimenti corporei dato che la maggior parte di essi non è collegata a vie nervose che fanno capo a zone cerebrali interessate alle emozioni. In realtà il corpo lascia trapelare moltissimo, benché prestiamo più attenzione a valutare le parole e ad osservare il volto di chi parla. Riusciamo a smascherare …
Read more

L’uomo moderno mente ogni giorno, per lo più per convenzioni sociali: riguarda una serie di piccole bugie dettate dalla buona educazione, che quindi non sono vere e proprie bugie, dal momento che le regole delle buone maniere rappresentano implicitamente un tacito preavviso che certe cose non vanno dette. Ad esempio, durante uno scambio di saluti …
Read more

Nel corso della propria vita ognuno ha a che fare con emozioni, sensazioni e comportamenti, più in particolare, con parole che lo mettono di fronte a ciò che tanto la propria cultura, quanto le rappresentazioni che da questa derivano classificano come menzogna, verità, falsità, passione, ira, desiderio, impulso, sdegno, sentimento, bugia, emozione, ecc. Nel corso …
Read more