Articolo di Irena Semi Ascoltare le proprie emozioni, seguirle e gestirle a proprio vantaggio è la chiave per un buon adattamento. Il bambino inizia ad apprendere fin da piccolo come gestire le proprie emozioni. Questo accade grazie alla relazione con la figura di attaccamento primario, che dà significato alle prime esperienze, fornisce un senso di …
Read more

Articolo di Irena Semi Darley definisce l’emozione come «un sistema complesso di interazione tra 12 l’organismo e l’ambiente», ossia come «reazione affettiva intensa con insorgenza acuta e di breve durata determinata da uno stimolo ambientale, la cui comparsa provoca una modificazione a livello somatico, vegetativo e psichico» . Ciò che motiva ogni giorno 13 sono …
Read more

Articolo di Santina Marino Distinguere la materia oggettivabile, dalla realtà non materiale, accessibile a modi di conoscenza non empirica, è un’operazione che ha un’antica tradizione. Già nella filosofia Greca classica riscontriamo la separazione tra anima e corpo, dove per anima si intende il principio di vita, mentre per corpo si intende la materia inanimata. Platone …
Read more

Articolo di Olga Pagano Le caratteristiche e le competenze psicologiche Un primo studio qualitativo di Wagnild e Young (Wagnild & Young, 1993) ha identificato un cluster di tratti di personalità che sembravano essere di aiuto nell’adattamento dopo una perdita. Tra queste caratteristiche vi era: una visione equilibrata della vita, perseveranza, fiducia in se stessi, senso …
Read more

Articolo di Olga Pagano Ad un primo sguardo delle definizioni di coping e dei modelli proposti, può sembrare che il coping e la resilienza siano in realtà dei costrutti sostanzialmente simili. In realtà i due costrutti pur avendo molti punti di sovrapposizione, sono da considerarsi distinti e più nello specifico le strategie di coping partecipano …
Read more

Articolo di Olga Pagano Il concetto di sé per Kohut si collega al disturbo narcisistico presente in alcune persone, le quali non hanno potuto sperimentare situazioni di attaccamento con le figure genitoriali responsive e in grado di prospettare loro una crescita organica del sé, da una parte e dell’Io dall’altra. Si sviluppano quindi persone con …
Read more

Articolo di Olga Pagano Tra gli studi sui processi di apprendimento nell’arco di vita, Mezirow sottolinea l’importanza di una concezione critica e autonoma da parte dell’individuo per strutturare un proprio nucleo critico e teso all’autonomia rispetto alle esperienze lavorative. Questo è l’assunto di base dell’apprendimento trasformativo. Secondo i teorici dell’ apprendimento trasformativo, avere una capacità …
Read more

Articolo di Francesco Clemente UN ESEMPIO CALCISTICO DI ANTIFRAGILITÁ: LA “NOTTE DI SIVIGLIA” DEL 1982   “Sèville. Le titre est ètonnant. Comme si cela allait de soi. Comme si la connotation première du mot Sèville ètait devenue cette soirèe du 8 juillet 1982. Sèville est donc d’abord le nome d’un matcht. Et beaucoup plus qu’un …
Read more

Articolo di Susy D’Onofrio Margaret Mead (1901-1978), antropologa statunitense, fu allieva di Boas e di Bendict. Si interessò fin dagli inizi della sua carriera a cercare di verificare l’ipotesi di Boas in merito alla relazione tra biologia, psicologia e cultura. Secondo l’antropologa statunitense, la formazione della personalità dipendeva dai modelli educativi e dalle tecniche di …
Read more

Articolo di Susy D’Onofrio Gregory Bateson (1904-1980), antropologo, sociologo e psicologo britannico, fu allievo di Malinowski e di Radcliffe-Brown (aderendo alla sua teoria struttural-funzionalista). In seguito prese le distanze dai suoi maestri, trovando i loro approcci troppo riduttivi e trasse vantaggio dalla collaborazione nata con la Mead. Studiando la cerimonia del naven tra gli iatmul …
Read more