La definizione di bullismo a scuola

febbraio 1st, 2015 | Posted by Igor Vitale in Psicologia dello Sviluppo

bullismoIl Bullismo, in età evolutiva, corrisponde un po’ a quello che nel mondo del lavoro è il mobbing, ma nei comportamenti di bullying spesso si ricorre alla violenza fisica. Per Olweus è una serie di situazioni in cui il ragazzo che ne è vittima viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da uno o più compagni.

Per “azione offensiva” egli intende ogni azione con la quale una persona infligge intenzionalmente un danno o un disagio ad un’altra. Esse possono essere verbali (insulti, minacce, diffamazioni, ecc), fisiche (picchiare, danneggiare oggetti della vittima, estorsioni, ecc) o finalizzate ad escludere la vittima isolandola dai rapporti con i coetanei, e in questo caso si parla di forme di bullismo indirette, ove le femmine sono le maggiori vittime.

Per configurarsi una forma di bullismo:

  • queste azioni devono essere ripetute con frequenza e per un periodo prolungato;
  • vi deve essere disuguaglianza di forze tra aggressore e vittima.

Questo fenomeno è molto frequente e coinvolge i minori senza che gli adulti ne vengano a conoscenza o possano intervenire: infatti, le vittime non denunciano gli aggressori per paura di ritorsioni, per vergogna, per timore di non essere creduti, ecc.

Le vittime solitamente sono più deboli della media e sono soggetti ansiosi, insicuri, dotati di scarsa autostima, molto legati ai genitori, ecc

I bulli hanno spiccate tendenze aggressive, tra loro vi è spesso un “capo” e dei “gregari”.

Le conseguenze possono essere gravi fino a produrre nella vittima vere e proprie patologie psichiche, depressione, riduzione dell’efficienza scolastica, suicidio. Affrontare il bullismo significa sensibilizzare genitori ma anche insegnanti.

Leggi tutti gli Articoli per la Salute del Tuo Bambino

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

One Response