Attaccamento e Perdita di Bowlby: Riassunto

maggio 17th, 2017 | Posted by Igor Vitale in Psicologia della Famiglia | Psicologia dello Sviluppo

I tratti peculiari della Teoria dell’attaccamento vennero dapprima pubblicati sul “The International Journal of Psychoanalysis” in tre articoli, ed in seguito ampliati, formando i volumi della trilogia “Attaccamento e Perdita”:

  1. Attaccamento alla madre (1969). Bowlby compie un’indagine sul legame di attaccamento madre-bambino, partendo dal presupposto che i comportamenti istintivi delle specie animali superiori e dell’uomo devono avere una matrice comune: il fine è la protezione dai predatori e la sopravvivenza della specie. Bowlby inoltre si discosta in buona parte dalle posizioni degli studiosi di psicoanalisi, in particolare Freud: il comportamento di attaccamento non avrebbe radice nel soddisfacimento del bisogno di cibo da parte del bambino, ma costituirebbe un’autonoma pulsione primaria;
  1. La separazione della madre (1973). Qui, Bowlby si sofferma sulla reazione d’ansia che si scaturirebbe nel bambino, nell’istante in cui possa avvenire la separazione dalla figura d’attaccamento, solitamente riferita alla madre.

Secondo Bowlby, il bambino reagisce con la seguente sequenza comportamentale:

  • Il bambino assume un comportamento di attiva protesta quando viene separato dalla madre: ha frequenti crisi di pianto, rifiuta le figure sostitutive e manifesta agitazione e disagio;
  • Con il trascorrere del tempo, il bambino comprende che i suoi tentavi per riconquistare la figura materna, sono fallimentari e perde la speranza, mostrandosi desolato;
  • In questa fase, il bambino smette di cercare la vicinanza con le figure d’accudimento, iniziando ad esplorare l’ambiente, per esempio giocando.

Importante è il momento della ricongiunzione tra madre e bambino.

  1. La perdita della madre (1980). In questo volume si affronta il tema del dolore della perdita, causato dalla privazione della figura d’accudimento, come può essere il caso del lutto precoce della madre e le rispettive conseguenze che comporta poi, nella vita adulta.
Corsi Gratis di Psicologia

 

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.