Stalking femminile: quando una ragazza diventa molesta

agosto 2nd, 2017 | Posted by Igor Vitale in Criminologia | Psicologia Clinica

Articolo di Salvia Gelsomina
Lo stalking femminile è un processo lento ma degenerante che varia a seconda del tipo di rapporto instaurato con la vittima e soprattutto in base al genere di quest’ultima: come sappiamo le donne sono più propense, rispetto alla controparte maschile, a molestare sia uomini che donne.

Nel caso delle molestie dirette ad una donna, l’approccio è orientato all’umiliazione della stessa mediante chiamate anonime continue, messaggi interminabili, offese pubbliche (soprattutto sul web), diffamazione e aggressione fisica e/o verbale. È difficile immaginare che una donna possa perseguitarne un’altra mediante tali atteggiamenti, ma il fenomeno esiste e si diffonde velocemente; le motivazioni sono svariate:

  • vendetta per un offesa o un torto subito dalla vittima (che ha provocato nella stalker una profonda ferita narcisistica), la rottura di un’amicizia, odio generato dall’invidia per qualcosa che non si è potuto ottenere;
  • vendetta per la fine di una storia sentimentale (in questo caso la vittima è l’attuale compagna dell’ex partner della stalker);
  • mobbing lavorativo (offese, esclusione sociale etc.);
  • mobbing domestico.

Nel caso in cui la vittima designata sia un uomo le conseguenze sono peggiori in quanto la molestia ha origini complesse:

  • vendetta emotiva (il partner ha offeso in passato la stalker con un tradimento ad esempio);
  • vendetta per la violenza subita (in questo caso da ex vittima, la stalker diventa molestatrice);
  • vendetta per motivi economici;
  • vendetta per gelosia (avviene anche quando tra lei e la vittima non c’è stata alcuna relazione precedente, ma solo per un processo di idealizzazione avvenuto nella mente della molestatrice);
  • vendetta per dipendenza patologica (in questo caso la stalker molesta il proprio psicologo, o medico, perché ha subito un forte transfert emotivo, tale da non riuscire a distaccarsi);
  • vendetta per rifiuto o abbandono (avviene quando la donna è stata rifiutata in pubblico o offesa, oppure abbandonata senza un motivo apparente dal proprio ex partner).

A prescindere dal genere della vittima designata, la relazione tra questa e la stalker generalmente nasce per caso e diventa in poco tempo un rapporto stretto ed intimo: la persecutrice tende a idealizzare la relazione con la sua vittima,  tende ad essere considerata come più importante e significativa di quanto in realtà sia.

La stalker telefona 15 volte o più al giorno e negli orari più impensabili, anche nel cuore della notte, oppure piomba in casa senza preavviso e nei momenti meno opportuni.

Non accetta il limite e pretende che l’altro sia costantemente a sua disposizione e se ciò non accade si arrabbia e diventa aggressiva.
Ogni tentativo della vittima di allentare un po’ la relazione, declinando un invito o non rispondendo al telefono all’ennesima telefonata, viene visto dalla molestatrice come una minaccia d’abbandono, la quale provoca crisi d’ansia e attacchi di rabbia.

Ma lo stalking vero e proprio inizia solo dopo la decisione, da parte della vittima ormai esasperata, di mettere fine alla relazione: tale decisione provoca una ferita narcisistica profonda dentro di lei che, non riuscendo a fronteggiare la perdita, attua la sua vendetta percependosi come l’unica vittima della situazione.

Inizia così la vera campagna di molestie: le telefonate si intensificano ulteriormente, come anche i messaggi e le e-mail, compaiono comportamenti di controllo e sorveglianza etc.; tutti comportamenti che hanno il solo e unico fine di mantenere un legame con la vittima. Per lo stalker (uomo o donna che sia) è fondamentale ricevere una qualsiasi risposta emotiva dalla vittima, positiva o negativa che sia; il silenzio (quindi la non risposta) non viene accettato in quanto genera un’ angoscia per lui insopportabile.

Corsi Gratis

 

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.