Fin dal XVIII secolo, gli psicologi hanno riconosciuto una potente divisione della mente umana in tre parti: A cognizione (o pensiero); B affettività (comprese le emozioni); C motivazione. L’area cognitiva comprende funzioni come la memoria, il ragionamento, il giudizio e il pensiero astratto e, tradizionalmente, il termine intelligenza è stato usato dagli psicologi per qualificare …
Read more

Per intelligenza emotiva si indica la capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustrazioni; di controllare gli impulsi e rimandare le gratificazioni; di modulare i propri stati d’animo evitando che la sofferenza ci impedisca di pensare; e, ancora, la capacità di essere empatici e di sperare.33 Nella sua …
Read more

L’empatia porta alla scoperta dell’altro da me come alter-ego, alla comunicazione e interazione intersoggettiva nel mondo della vita, alla comprensione reciproca nonostante la cresciuta presenza di relazioni asimmetriche impersonali, di potere e di dominio anche tecnologico. Sagi e Hoffmann hanno rilevato che i neonati di 12 settimane di vita piangono quando sentono piangere un altro …
Read more

Tra le due guerre si delineò la psicologia della personalità, e molti ricercatori si dedicarono ad effettuare indagini sempre più approfondite; tra questi ricercatori troviamo lo psicologo statunitense Gordon Allport (1937), che diede le fondamenta per la crescita della psicologia della personalità. Allport portò avanti tali ricerche focalizzandosi sull’essenza di ciò che era universale, e …
Read more

Eccessivo riflesso di allarme ad un suono nei veterani della Guerra del golfo con DPTS Obiettivo: L’esagerato riflesso d’allarme è noto per essere uno dei sintomi principali del disturbo post-traumatico da stress (DPTS). L’obiettivo di questo studio era di valutare l’entità del riflesso acustico esagerato nei veterani della Guerra del Golfo con DPTS. Metodo: Il …
Read more

Secondo questo modello il gioco d’azzardo patologico sarebbe imputabile ad un ritardo dello sviluppo cognitivo. Stein (1989) sostiene che i giocatori restino fissati allo “stadio delle operazioni concrete”, quindi che ci sia un gap nella fase di transizione dall’adolescenza all’età adulta. I giocatori così si sentirebbero imbattibili, capaci e dotati di abilità innate, tanto da …
Read more

Articolo di Laura Koelliker “Persi in una collettiva solitudine” Max Pezzali Il Bingo potrebbe essere definito un nuovo “fenomeno sociale”, ultima frontiera del gioco d’azzardo. “Il Bingo, basato sull’estrazione di novanta numeri, deriva dal Lotto ed è molto simile alla tradizionale tombola da sempre giocata nelle famiglie italiane. Il nome “Bingo” ha un’origine curiosa: deriva da …
Read more

Anzitutto è fondamentale precisare che per quanto riguarda l’aumento morboso dell’istinto sessuale nella donna, si parla di Ninfomania; mentre per l’uomo, il termine utilizzato è Satiriasi. Entrambi i termini oggi non vengono più utilizzati in ambito scientifico e sono stati sostituiti appunto, dal concetto di Ipersessualità. Le radici della dipendenza sessuale nella donna, benché simili, …
Read more

Una volta terminati gli studi di medicina, il celebre psicologo Edward John Mostyn Bowlby (Londra, 26 febbraio 1907 – Isola di Skye, 2 settembre 1990) intraprese la via psicoanalitica entrando a far parte, negli anni trenta, della Società Psicoanalitica britannica, affiliata all’International Psychoanalytical Association, all’epoca frammentata da due orientamenti opposti, rispettivamente la teoria pulsionale e …
Read more

Per locus of control si intende un modello che spiega come la percezione che le persone hanno di sé stesse e della realtà possa essere semplicemente un punto di vista, indipendente dai fatti „reali‟, ovvero un modo con cui i fatti vengono interpretati. Julian B. Rotter (1966)85, attraverso questo modello, ha definito il grado di …
Read more