fbpx
aree cervello rabbia

Aree e zone del cervello nella rabbia: cosa accade nel cervello quando siamo arrabbiati

Quali sono le aree e le zone del cervello che si attivano durante  la rabbia? Vediamolo in questo articolo sulle neuroscienze della rabbia. Ma prima di iniziare ti consiglio alcune risorse gratuite per approfondire il tema:

Neuroscienze dell’aggressività: aree del cervello della rabbia

L’aggressività è correlata con i modelli di attività in alcune strutture cerebrali che includono:

I primi psicologi hanno scoperto che la rimozione delle cortecce cerebrali ha prodotto rabbia in cani e gatti precedentemente docili.

Questi casi di violenza nascono da circostanze ordinarie, come una pacca sulla testa, e sono definiti rabbia finta.

Ulteriori ricerche proseguirono per concludere che le cortecce agivano per inibire le azioni dell’ipotalamo e di altre strutture subcorticali. Quando l’ipotalamo nei gatti viene elettricamente stimolato, molti comportamenti che si verificano nella rabbia finta vengono duplicati (Hess, 1928; Flynn, 1967).

Quando la stimolazione elettrica cessa, la rabbia si ferma e il gatto spesso si accartoccia e va a dormire. Anomalie della funzione ipotalamica sono state osservate in soggetti antisociali e violenti (Raine et al., 2004).

L’amigdala è una zona del cervello legata ad emozioni negative e alla rabbia

L’amigdala, principalmente attraverso le sue connessioni con l’ipotalamo, svolge un ruolo anche nell’aggressività. Se l’amigdala elabora una situazione spaventosa e minacciosa, una persona potrebbe rispondere in modo aggressivo. Dopotutto, la risposta di lotta o fuga alla percezione di una minaccia include l’opzione del combattimento.

Molti casi di aggressione impulsiva sembrano essere scaturiti dalla difesa e le persone insolitamente violente potrebbero avere maggiori probabilità di percepire la minaccia in situazioni in cui altri non lo fanno, provocandone una reazione eccessiva (Siever, 2008).

Gli uomini con ridotto volume di amigdala avevano un passato di aggressività e tratti psicopatici durante l’infanzia e sono stati trovati a subire più violenza in un periodo di follow-up di tre anni (Pardini, Raine, Erickson e Loeber, 2014).

La rimozione dell’amigdala delle scimmie rhesus di sesso maschile ha ridotto l’aggressività (Rosvold, Mirsky e Pribram, 1954). In un numero molto piccolo di pazienti umani, le lesioni dell’amigdala hanno ridotto la violenza associata a convulsioni del lobo temporale (Mark & ​​Ervin, 1970).

La corteccia cingolata anteriore e la corteccia orbitofrontale riducono la rabbia

Insieme, la corteccia cingolata anteriore e la corteccia orbitofrontale inibiscono il comportamento aggressivo (Siever, 2008). Queste aree partecipano al processo decisionale valutando le conseguenze previste, sia positive che negative, dei comportamenti. Gli individui con danni alla corteccia orbitofrontale avevano maggiori probabilità di usare intimidazioni fisiche e minacce verbali negli scontri (Grafrnan et al., 1996).

I modelli di attività frontale differiscono tra aggressività impulsiva e premeditata, predatoria. Gli assassini impulsivi mostrano una ridotta attivazione frontale, mentre i killer che premeditano non lo fanno (Raine et al., 1998).

I pazienti con schizofrenia che avevano commesso atti violenti premeditati avevano un volume più basso nel lobo temporale inferiore, nell’insula e nella corteccia cingolata posteriore, rispetto ai pazienti con schizofrenia e nessuna storia di violenza (Kuroki et al., 2017).

I pazienti con schizofrenia che avevano commesso atti violenti impulsivi condividevano il volume inferiore del lobo temporale inferiore con quelli che avevano commesso violenze premeditate. Tuttavia, non hanno mostrato un volume ridotto nell’insula e nella corteccia cingolata posteriore.

Leggi il progetto europeo su bullismo, abuso psicologico e verbale (scheda).

Scrivi a Igor Vitale