Tutti gli errori della mente (bias cognitivi)

maggio 1st, 2014 | Posted by Igor Vitale in Marketing

errore standardI bias cognitivi sono delle distorsioni conoscitive, degli errori di elaborazione costanti e quindi non occasionali. Questi non necessariamente corrispondono all’evidenza, e portano ad un errore di valutazione o ad una mancanza di oggettività nel giudizio. questi errori derivano da errori della memoria, di attribuzione sociale o errori di calcolo. I bias andando ad influenzare i giudizi espressi portano cambiamenti nell’opinione della persone, nell’ideologia e nelle scelte.

Negli anni sono stati studiati moltissimi bias di ricerca ma qui elencheremo solamente i più studiati e affermati:

o Self serving bias: tendenza a percepire se stessi in modo eccessivamente positivo e favorevole per il se.
o Stili attributivi a favore del se : forma di self serving-bias in cui si ha la tendenza ad attribuire a se stessi il successo e negare la responsabilità per l’insuccesso, è uno dei bias più potenti.
o Bias della retrospezione anche chiamato il “fenomeno dell’io lo so da sempre” : questo consiste nella tendenza a esagerare dopo che si è verificato un evento la propria abilità nell’averlo previsto, come qualcosa che si sarebbe verificato.
o Group serving bias: consiste nella tendenza a produrre giudizi a favore del proprio grupp , e a considerare i successi del proprio gruppo come risultato delle qualità dello stesso. Mentre si tende ad attribuire i successi del gruppo estraneo a fattori esterni e non insiti nelle qualità del gruppo.
o Self-handicapping: strategia difensiva dell’immagine di sè che si basa sull’attuazione di comportamenti controproducenti per il proprio obiettivo creando così delle scusanti in caso di insuccesso.
o Autopresentazione o self presentation : l’autopresentazione consiste nella tendenza a presentare se stessi in modalità che pensiamo creino un impressione positiva negli altri
o Bias della conferma: tendenza a ricercare e ricordare informazioni che convalidano la nostra tesi piuttosto che informazioni contrastanti.
o Effetto del falso consenso: tendenza a sopravvalutare la diffusione delle proprie idee, opinioni e comportamenti indesiderabili o fallimentari.
o Effetto della falsa unicità: si è portati a sottovalutare la diffusione delle proprie capacità e dei propri comportamenti, considerando così il nostro atteggiamento come relativamente insolito e unico.
o Optimism bias : tendenza a considerare un esito futuro come più probabile se positivo, meno probabile se negativo.

di Elisa Arcangeli

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.