Il linguaggio dell’inconscio svelato: psicologia, sogni e simboli

agosto 23rd, 2018 | Posted by Igor Vitale in Tecniche di Comunicazione

Articolo di Emanuela MAngione

Sogni, segni, simboli, in altre parole: inconscio. Ed “inconscio è linguaggio” diceva Lacan.[1] Lacan pur di formazione medico-psichiatrica, non si mantiene esclusivamente nell’ambito clinico, ma si avvale di una visione umanistica necessaria per una comprensione “olistica” dell’uomo occidentale, impregnato, a suo parere, da trame simboliche che lo abitano.

Per il nostro, sostenere che “l’inconscio è linguaggio” ha senso per diversi motivi: sia perché l’inconscio appare come “capitolo censurato” e pertanto la parola tenta di recuperarne l’accesso alla coscienza, sia perché ritiene che l’inconscio sia strutturato esattamente come il linguaggio, cioè per regole e leggi che condivide con questo, anche se parla un linguaggio cifrato, codificato che è necessario svelare. Tuttavia, anche se l’inconscio è strutturato come il linguaggio, non tutto nell’inconscio è però significante, ovvero esiste anche qui uno scarto noumenico, una mancanza che necessariamente si aggrappa all’Altro nel tentativo di colmarla. In questo tentativo non solo riconosce l’alterità ma anche l’individualità e – sempre per questo tentativo di accedere all’Altro -non vi è altro mezzo per farlo se non quello del linguaggio.

Ciò che qui pare essere ancora interessante nel quadro teorico di Lacan è la funzione formativa, nominativa e regolativa che attribuisce al linguaggio. Per Lacan infatti, i significati linguistici in quanto rappresentazioni psichiche, non sono né fedelmente nominativi, o meglio, non in grado di tradurre fedelmente né gli oggetti nominati, tantomeno i contenuti psichici stessi, intesi anche come bisogni: scarti insomma, scarti noumenici rispetto a ciò che davvero siamo o diciamo.

Ora l’individuo nella sua “mancanza a essere” per avvertire di essere, ha bisogno del riconoscimento dell’altro “che non è l’altro in carne ed ossa, ma, innanzitutto, l’Altro, con la “A” maiuscola, che rappresenta l’universo linguistico e simbolico in cui il desiderio, per esprimersi, si deve inserire. […] l’Altro che è ordine simbolico e linguistico, a cui deve accedere per esprimere il suo desiderio inconscio”[2]

Per riportare alla coscienza il vuoto inconscio insomma, ci si abbisogna della parola. Per Lacan quella mancanza desiderabile è sempre sintomatica, nel senso che ci sono i simboli che ci dicono che se questi sono dei significanti, i loro significati sono stati rimossi, probabilmente perché essi, situati nell’inconscio derivatoci dalle leggi inscritte e sovrascritte, non sono stati posti da noi e pertanto ce ne sfugge ricordo e significato appunto. Ecco allora che Lacan individua in determinati nostri meccanismi linguistici, il tentativo incosciente di recuperare il significato: condensazione, spostamento, e metafora e metonimia.

In questo contesto, ci si soffermerà piuttosto sulla metafora per prevedere poi la sua funzionalità riorganizzatrice nell’ambito della relazione di aiuto.

Per Lacan intanto: “la metafora si costituisce nel punto preciso in cui il senso si produce nel non-senso, per cui si può dire che è nella catena del significante che il senso insiste, ma che nessuno degli elementi della catena consiste nella significazione di cui è capace in quello stesso momento.”[3]

Chiarito il significato che la metafora ha per il nostro, appare chiaro che, nell’intenzione di voler nominare ciò che manca, ma in quanto sconosciuto a livello cosciente, si utilizzano altri oggetti nominabili, che non si sostituiscono affatto al mancante, ma cercano di avvicinarvisi nella catena consequenziale dei significati. Ora, posto che significato e significante siano incoincidenti, e che esista pertanto quello scarto noumenico tra realtà significante e significatrice e parola, consegue che “la verità non abbia altro modo di dirsi se non nella distorsione linguistica”[4], esattamente come Russell aveva già detto: “il linguaggio può esercitare la sua funzione di comunicazione, quando più è imperfetto, vago ed equivoco”.

 

Corsi Gratis

 

[1] J. Lacan, La scienza e la verità, in Scritti, cit., vol. II, p. 871.

[2] U. Galimberti, La casa di psiche, dalla psicanalisi alla pratica filosofica, Universale economica Feltrinelli Milano, III edizione, 2009, pp. 68-69.

[3] J. Lacan, L’istanza della lettera dell’inconscio o la ragione dopo Freud, cit., p. 497.

[4] Id. La casa di psiche, dalla psicanalisi alla pratica filosofica, cit. p. 77.

Articolo di Emanuela Mangione

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.