Leliana Parvulescu svela le tecniche per fare il profilo di un serial killer

Leliana Parvulescu è certamente tra le più autorevoli specialiste nel settore della criminologia e della sicurezza nazionale in Romania. Abbiamo avuto l’onore di averla come relatrice al Corso Internazionale di Psicologia Criminale 2019 dove ha trattato lo spinoso caso di Gheorghe Dinca, serial killer romeno di recente cattura.

Come fare il profilo di un serial killer

Fare il profilo di un serial killer non è un’impresa facile. Questo accade perché i serial killer uccidono per via delle loro psicopatologie. Il movente è la psicopatologia del serial killer. Un motivo interno è difficile da capire, da intercettare, perché è inspiegabile per molti di noi.

Roy Hazelwood, uno dei più autorevoli autori dell’FBI in tema di omicidi sessuali, parla di linking. L’analisi della scena del crimine e di tutti gli elementi comportamentali che possono essere identificati ci aiuta a capire se una serie di crimine hanno un solo autore di riferimento, ti consiglio di approfondire lo studio su questa ricerca scientifica.

Come analizzare il comportamento di un criminale seriale

In Romania c’è stato un caso di serial killer recente che ha inorridito l’opinione pubblica. Gheorghe Dinca è accusato di aver ucciso Alexandra Matesanu, ragazza di 15 anni dopo averla sequestrata e violentata. Ha poi incenerito il cadavere. Il caso ha fatto molto scalpore perché nonostante la vittima avesse con grande anticipo contattato il numero di emergenza 112 tramite il cellulare dell’offender, le forze dell’ordine non sono arrivate in tempo.

serial killer romania gheorghe dinca alexandra matesanu

Leliana Parvulescu è nota per aver condotto un’intervista di analisi comportamentale sul tema. In questa intervista ha analizzato la comunicazione non verbale dell’offender nella fase di cattura. L’identificazione di microespressioni di disprezzo in fase di cattura indica una certa rigidità nella personalità dell’offender, che in un momento così critico, non dimostra vergogna, non sente colpa, ma sente addirittura superiorità morale. Le implicazioni psicopatologiche in un contesto simile caratterizzano effettivamente uno dei criminali seriali più cruenti della storia della Romania.

Ringraziamo Leliana Parvulescu per il prezioso contributo al Corso Internazionale di Psicologia Criminale.