fbpx

Un esercizio psicologico che ti farà bene

esercizio bene
Mantenere un pensiero positivo ed ottimistico nella tua mente stimolerà l’attività del lobo frontale, un’area del cervello riguarda i centri specifici del linguaggio e li connette direttamente alla corteccia motoria, parte del cervello che ti porta all’azione. Come mostra la ricerca, più ti concentri su parole positive, più inizi ad influenzare altre aree del cervello.

Le funzioni del lobo parietale iniziano a cambiare e questo cambia la tua auto-percezione e la percezione delle persone con cui interagisci. Una visione positiva di te stessi ti porterà a vedere le cose positive degli altri, mentre una auto-immagine negativa ti porterà a cercare sospetto e dubbio.

Nel tempo la struttura del tuo talamo cambierà in risposta alle tue parole coscienti, ai pensieri, le sensazioni e questo ti porterà a vedere la realtà in un modo diverso.

Ti faccio un esempio. Se ti focalizzi ripetutamente sulla parola pace, ripetendola a voce o nella mente, inizierai a sperimentare una sensazione di tranquillità in te stesso e negli altri. Il talamo risponderà a questo messaggio in ingresso di pace fornendo questa informazione alle altre parti del cervello.

In questo modo sarà più facile un rilascio della dopamina, il sistema di ricompensa che stimola il cervello, facendo così scomparire dubbi e ansia, rilassando così tutto il corpo.

La ricerca che analizza l’attività del cervello ha dimostrato che la concentrazione e la meditazione su pensieri positivi può veramente facilitare il cambiamento di vecchie abitudini, comportamenti e credenze.

Cambiando il modo in cui utilizziamo il linguaggio puoi cambiare la tua consapevolezza, che a sua volta, cambia il tuo modo di comportarti.

Nel tempo potrai anche iniziare a limitare le memorie disturbanti, parlando a te stesso in un modo più rilassato e positivo.

La rifocalizzazione positiva, le affermazioni, il rilassamento, l’ipnosi e la meditazione sono efficaci per ridurre il pensiero negativo e la ruminazione mentale.

Ecco qui un esercizio per ridurre il pensiero negativo

Il prof. Robert Leahy, professore di psicologia presso la Weill-Cornell Medical School, suggerisce di provare questo esercizio

  1. Chiediti se il pensiero negativo ti ha mai aiutato in passato. Spesso la risposta è no
  2. Scrivi i tuoi pensieri negativi, dopodiché sposta di lato il foglio di carta. Quando leggerai più tardi questo foglio, il problema non ti sembrerà così grande
  3. Chiedi se il problema è reale o immaginario.Se è una parte del presente o del passato. Accetta il passato e lascialo andare
  4. Invee di focalizzarti sul problema, focalizzati su un obiettivo immediato che puoi raggiungere
  5. Accetta che molti problemi sono spiacevoli, difficili e ingiusti e che alcuni semplicemente non possono essere risolti
  6. Fai una pausa e focalizzati sul fare qualcosa di piacevole

Bibliografia: Words can change your brain

Scrivi a Igor Vitale