Definizione di autoformazione (self directed learning)

settembre 10th, 2014 | Posted by Igor Vitale in Psicologia del Lavoro

formazione-adultiL’autoformazione

Per definire il tema dell’autoformazione si rivela una distinzione tra approccio istruttivo e approccio educativo: il primo pensa all’autoformazione come a una modalità per risolvere da sé dei compiti cognitivi pratico-contingenti, il secondo è invece il coinvolgimento in compiti evolutivi per far fronte alle sfide della vita (Quaglino, 2004). Knowles definiva il self-directed learning , un processo in cui gli individui prendono l’iniziativa, con o senza l’aiuto di altri.

Gli obiettivi fondamentali del self-directed learning possono essere individuati nello sviluppo della capacità di auto dirigersi, nella promozione dell’emancipazione e dell’azione sociale, nella riflessione critica che conduce alla trasformazione degli schemi e delle prospettive di significato (Merriam, 2001; Mezirow, 1991): in sintesi, nella ricerca di un cambiamento. Hoban e collaboratori (2005) hanno riscontrato che la disponibilità e la prontezza ad essere self-directed learner dipendono da quattro fattori: percezione dell’apprendimento come uno strumento di vita; self-confidence nelle proprie abilità e competenze di apprendimento; senso di responsabilità per il proprio apprendimento; curiosità. Da ultimo, è utile segnalare la recente proposta di Quaglino, il quale intende definire uno specifico ambito di psicologia della formazione come territorio di elaborazione dei temi legati alla conoscenza e alla cura di sé. Si tratta dunque di un orientamento alla ricerca di percorsi formativi centrati sulla persona, che privilegia una focalizzazione sull’apprendimento trasformativo.

di Giovanni Montesano

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.