La sottile arte di mentire a se stessi

ottobre 3rd, 2017 | Posted by Igor Vitale in Criminologia | Linguaggio del Corpo | Psicologia Clinica

La capacità di mentire agli altri sembra inoltre essere strettamente correlata alla capacità di mentire a noi stessi cosicché non sembra inopportuno affermare che una delle abilità del nostro cervello è proprio quella di autoingannarsi: bisogna credere fermamente alla propria menzogna per poterla esprimere bene anche al livello esteriore affinché gli altri ci credano e possano con la loro convinzione rafforzare le nostre bugie in una sorta di circolo vizioso.

Come afferma Livinghstone Smith «L’autoinganno è vantaggioso perché ci aiuta a mentire agli altri in maniera convincente. Nascondere la verità a noi stessi significa nasconderla agli altri» (citato in Mastronardi, 2012, 141).

A tal proposito Nietzsche afferma «in tutti i grandi ingannatori è degno di nota un fenomeno al quale essi devono il loro potere. All’atto dell’inganno vero e proprio, fra tutti i preparativi, come l’orrendo nella voce, nell’espressione e nei gesti, in mezzo all’efficace messa in scena, sopravviene in loro la fede in se stessi: è questo che poi parla così miracolosamente e convincentemente a coloro che stanno intorno».

Articolo di Cecilia Marchese

Prossimi Corsi in Programma

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.