Come aumentare le Life Skills

Articolo di Irena Semi

Recenti ricerche da parte della UBC dell’Università dell’Illinois di Chicago e Loyola University hanno mostrato evidenze di effetti a lungo termine dei programmi di apprendimento delle Life Skills.

Si è visto infatti come tali programmi non migliorino soltanto salute mentale, apprendimento e capacità sociali nell’immediato, ma come tali benefici sono mantenuti anche a distanza di diversi anni. È stata condotta una ricerca al fine di valutare se l’applicazione di tali programmi di apprendimento delle Life Skills avesse in concreto degli effetti positivi sugli individui a distanza di tempo, in quanto gli effetti positivi immediati sono facilmente rilevabili.

Questo studio ha analizzato i risultati di 82 diversi programmi che hanno coinvolto più di 97.000 studenti, provenienti dalla scuola materna alla scuola media negli Stati Uniti, in Europa e nel Regno Unito, dove gli effetti sono stati valutati almeno sei mesi dopo la conclusione dei programmi. I ricercatori hanno scoperto che l’apprendimento socio-emotivo ha continuato ad apportare effetti positivi a lungo termine sugli studenti.

In particolare, i risultati evidenziano come gli allievi che hanno partecipato a programmi di apprendimento delle Life Skills si sono laureati all’Università con un tasso superiore dell’11% a quelli che invece non hanno partecipato allo studio. Il tasso di diplomi delle Scuole Secondarie di Secondo Grado è stato superiore del 6% e i problemi legati all’utilizzo dei farmaci sono stati inferiori del 6% per i partecipanti al programma.

Infine, i tassi di arresto sono inferiori del 19% e le diagnosi di disturbi della salute mentale sono inferiori del 13,5% per coloro che hanno preso parte ai programmi. Oberle e i suoi colleghi hanno anche scoperto che tutti i bambini, indipendentemente da etnia, background socioeconomico o dalla scuola, hanno beneficiato dei programmi. L’autrice afferma che: «L’insegnamento relativo all’apprendimento di abilità socio-emotive nelle scuole è un modo per sostenere i singoli bambini nei loro percorsi di crescita, ed è anche un modo per promuovere migliori risultati della salute pubblica più tardi nella vita»

Tags: