fbpx

Come curare veramente il mal di schiena

La Cura Multidisciplinare Madischiena grave: integrare la rimozione chirurgica della causa meccanica con la cura della mente

Dott. Davide Caldo

Specialista in Ortopedia – Chirurgia Mini-invasiva Vertebrale

www.davidecaldo.it

mal-di-schienaL’epidemiologia della lombalgia indica che rappresenti il problema più diffuso di salute al mondo; secondo dati dell’American College of Rheumatology infatti il 40% degli adulti ha almeno un episodio acuto nell’arco della vita. La patologia degenerativa muscoloscheletrica cronica in genere (inclusa quindi l’artrosi delle principali articolazioni come anca e ginocchio) determina il 25% delle visite dal medico di famiglia ed il 50% delle prescrizioni di antinfiammatori.

La patogenesi “meccanica” dei problemi di lombalgia, ovvero le alterazioni dovute ad usura ed invecchiamento prevalentemente del disco intervertebrale sono note da molti anni e discusse regolarmente nei principali media, dove si espongono frequentemente fattori patogenetici come l’ernia del disco. L’informazione riflette sostanzialmente l’approccio medico tradizionale al problema, di tipo “meccanicistico” appunto, e la relativa economia sanitaria caratterizzata da estensivi investimenti in tecnologie per la soluzione chirurgica, con sviluppo di metodiche sempre più efficaci e meno invasive (come l’endoscopia, la videofluoroscopia ed il neurofisiomonitor utilizzate per la chirurgia mini-invasiva).

In anni recenti è stata approfondito anche un secondo aspetto non meno rilevante nella complessa patogenesi della lombalgia: i fattori psicosociali. Se è vero che vi è generalmente una degenerazione meccanica alla base della maggior parte dei dolori alla schiena è altrettanto vero il dolore viene aggravato in misura variabile da una componente psicogena. In primis la colonna è la sede più frequente insieme alla testa (cefalee) e allo stomaco (gastriti) di dolore che “nasce nell’animo”. Ancora, vi è un secondo fattore oltre alle proiezioni psicosomatiche; il dolore prolungato da usura può lasciare un’impronta “cerebrale”, come avviene clamorosamente nella “sindrome da arto fantasma”. In questa malattia lo sfortunato paziente continua a sentire dolore persino dopo che l’arto ammalato sia stato amputato, a causa della plasticità cerebrale. L’effetto è dunque tale da inficiare le cure chirurgiche mirate alla rimozione o fissazione (cosiddetta stabilizzazione) degli elementi degenerati della colonna.

Queste nuove cognizioni sull’origine del mal di schiena si traduce oggi nella strategia più moderna, ovvero la cura multidisciplinare integrata, i cui elementi fondanti sono i seguenti.

In primo luogo i pazienti vengono valutati dal sanitario dedicato alla colonna vertebrale anche con alcuni questionari idonei ad identificare eventuali componenti “neuropatiche”, oltre alle alterazioni morfologiche verterbali.

La componente meccanica, solitamente presente viene comunque trattata in questa prima fase con terapie conservative tradizionali, come la fisioterapia, l’utilizzo di farmaci specifici e l’intervento sull’igiene sul posto di lavoro (ergonomia).

In caso di compresenza di fattori psicogeni rilevanti è possibile introdurre nel programma terapeutico del paziente, a seconda del caso, metodologie addizionali che hanno mostrato efficacia in letteratura quali farmaci specifici, la terapia cognitivo comportamentale, l’ipnosi, lo yoga.

Il peso relativo del primo o del secondo approccio dipenderà dal caso singolo.

Nei pazienti refrattari a questo primo livello di trattamento sarà possibile utilizzare la chirurgia, oggi resa molto poco aggressiva dalle moderne tecnologie sopra citate. Questa va praticata solo dal chirurgo vertebrale dedicato, con adeguata esperienza e pratica costante: in tal modo è dimostrato che sia possibile ridurre l’incidenza di complicanze di procedure interventistiche oggi molto sofisticate.

Tuttavia l’informazione al paziente ed il “timing” dell’intervento saranno nuovamente scelte attraverso un processo definito “Shared Decision Making”, una sorta di motivazione del paziente a selezionare insieme al chirurgo l’approccio più adatto a se. Tale delicato passaggio ha dimostrato di contribuire al miglioramento del risultato della chirurgia e viene svolto in genere da psicologi.

Anche i pazienti operati, tuttavia, soprattutto se affetti da dolore da lungo tempo avranno bisogno nel postoperatorio sia di riabilitazione che di strumenti per cancellare la “memoria” del dolore, gli stessi utilizzati nella prima fase.

Dunque l’intervento di metodologie che agiscono sulla mente è sempre utile in pazienti non chirurgici ed in quelli candidati ad intervento, sia prima della chirurgia per ottimizzarne il “timing” che nel postoperatorio.

Bibliografia

  • Tan G, Fukui T, Jensen Mark P., Thornby John, Waldman Karen L.. Hypnosis treatment for chronic low back pain. The International journal of clinical and experimental hypnosis. 2010;58:53–68.
  • Nusbaum Fanny, Redouté Jérome, Le Bars Didier, et al. Chronic low-back pain modulation is enhanced by hypnotic analgesic suggestion by recruiting an emotional network: a PET imaging study. The International journal of clinical and experimental hypnosis. 2011;59:27–44.
  • Tan G., Rintala D. H., Jensen M. P., Fukui T., Smith D., Williams W.. A randomized controlled trial of hypnosis compared with biofeedback for adults with chronic low back pain. European journal of pain (London, England).
  • Wellington Joshua. Noninvasive and alternative management of chronic low back pain (efficacy and outcomes). Neuromodulation : journal of the International Neuromodulation Society. 2014;17 Suppl 2:24–30.
  • Bozic Kevin J., Belkora Jeffrey, Chan Vanessa, et al. Shared decision making in patients with osteoarthritis of the hip and knee: results of a randomized controlled trial. The Journal of bone and joint surgery. American volume. 2013;95:1633–1639.
  • Chung Eun Jung J., Hur Young-Goo G., Lee Byoung-Hee H.. A study of the relationship among fear-avoidance beliefs, pain and disability index in patients with low back pain. Journal of exercise rehabilitation. 2013;9:532–535.
  • Reme Silje Endresen E., Lie Stein Atle A., Eriksen Hege R.. Are 2 questions enough to screen for depression and anxiety in patients with chronic low back pain? 2014;39.
  • Matsudaira Ko, Konishi Hiroaki, Miyoshi Kota, Isomura Tatsuya, Inuzuka Kyoko. Potential risk factors of persistent low back pain developing from mild low back pain in urban Japanese workers. PloS one. 2014;9.
  • Mainenti Míriam Raquel Meira R., Felicio Lilian Ramiro R., Rodrigues Erika de Carvalho d. e. . C., Silva Dalila Terrinha T., Vigário Dos Santos Patrícia. Pain, Work-related Characteristics, and Psychosocial Factors among Computer Workers at a University Center. Journal of physical therapy science. 2014;26:567–573.
  • Oha Kristel, Animägi Liina, Pääsuke Mati, Coggon David, Merisalu Eda. Individual and work-related risk factors for musculoskeletal pain: a cross-sectional study among Estonian computer users. BMC musculoskeletal disorders. 2014;15.
  • Sadeghian Farideh, Hosseinzadeh Samaneh, Aliyari Roqayeh. Do Psychological Factors Increase the Risk for Low Back Pain Among Nurses? A Comparing According to Cross-sectional and Prospective Analysis. Safety and health at work. 2014;5:13–16.
  • Widanarko Baiduri, Legg Stephen, Devereux Jason, Stevenson Mark. The combined effect of physical, psychosocial/organisational and/or environmental risk factors on the presence of work-related musculoskeletal symptoms and its consequences. Applied ergonomics. 2014;45:1610–1621.
  • Hampel Petra, Tlach Lisa. Cognitive-behavioral management training of depressive symptoms among inpatient orthopedic patients with chronic low back pain and depressive symptoms: A 2-year longitudinal study. Journal of back and musculoskeletal rehabilitation.
  • Barz T., Melloh M., Lord S. J., Kasch R., Merk H. R., Staub L. P.. A conceptual model of compensation/decompensation in lumbar segmental instability. Medical hypotheses. 2014;83:312–316.
  • Hviid AJ, Frost Poul, Frølund Thomsen Jane, Donbaek Jensen Lone, Wulff Svendsen Susannne. 0255  Back Surgery in relation to occupational lifting. A cohort study based on the Musculoskeletal Research Database at the Danish Ramazzini Centre0255  Back Surgery in relation to occupational lifting. A cohort study based on the Musculoskeletal Research Database at the Danish Ramazzini Centre. Occupational and environmental medicine. 2014;71 Suppl 1.
  • Bovenzi Massimo, Schust Marianne, Menzel Gerhard, Hofmann Jörg, Hinz Barbara. A cohort study of sciatic pain and measures of internal spinal load in professional drivers. 2014:1–15.
  • Heyduck Katja, Meffert Cornelia, Glattacker Manuela. Illness and treatment perceptions of patients with chronic low back pain: characteristics and relation to individual, disease and interaction variables. Journal of clinical psychology in medical settings. 2014;21:267–281.
  • Kamper Steven J., Apeldoorn Andreas T., Chiarotto Alessandro, et al. Multidisciplinary biopsychosocial rehabilitation for chronic low back pain. The Cochrane database of systematic reviews. 2014;9.
  • Bonzini Matteo, Bertu’ Lorenza, Veronesi Giovanni, Conti Marco, Coggon David, Ferrario Marco M.. Is musculoskeletal pain a consequence or a cause of occupational stress? A longitudinal study. International archives of occupational and environmental health.
  • Lang Jessica, Ochsmann Elke, Kraus Thomas, Lang Jonas W.. Psychosocial work stressors as antecedents of musculoskeletal problems: a systematic review and meta-analysis of stability-adjusted longitudinal studies. Social science & medicine. 2012;75:1163–1174.

Scrivi a Igor Vitale