fbpx
violenza tipi psicologia

Le definizioni di violenza fisica, sessuale, emotiva e psicologica: tipi ed elenco

Comprensione dei diversi concetti e tipi di violenza

La violenza e l’abuso possono verificarsi solo una volta, possono comportare varie tattiche di manipolazione sottile o possono verificarsi frequentemente durante l’escalation per un periodo di mesi o anni. In qualsiasi forma, la violenza e gli abusi incidono profondamente sulla salute e sul benessere individuali.

Le radici di tutte le forme di violenza sono fondate sui molti tipi di disuguaglianza che continuano ad esistere e crescere nella società.

La violenza e l’abuso sono usati per stabilire e mantenere il potere e il controllo su un’altra persona e spesso riflettono uno squilibrio di potere tra la vittima e l’aggressore.

La violenza è una scelta ed è prevenibile. Qui discuteremo brevemente le caratteristiche dei tipi di violenza e daremo inoltre risalto a quelli che spiccano di più.

Violenza fisica definizione

La violenza fisica si verifica quando qualcuno usa una parte del proprio corpo o un oggetto per controllare le azioni di una persona.

La violenza fisica include, ma non è limitata a:

  • Utilizzo della forza fisica che provoca dolore, disagio o lesioni;
  • Colpire, pizzicare, strappare i capelli, torcere il braccio, strangolare, bruciare, pugnalare, punzonare, spingere, schiaffeggiare, picchiare, spingere, calciare, soffocare, mordere, nutrire con la forza o qualsiasi altro trattamento di dolore;
  • Assalto con un’arma o altro oggetto;
  • Minacce con un’arma o un oggetto;
  • Esposizione deliberata a condizioni meteorologiche avverse o temperature ambiente inadeguate; e,

 

Violenza sessuale definizione

La violenza sessuale si verifica quando una persona è costretta a partecipare involontariamente all’attività sessuale.

La violenza sessuale include, ma non è limitata a:

  • Palpeggiare senza consenso (cioè baciando, afferrando, accarezzando);
  • Rapporto sessuale forzato;
  • Costringere una persona a compiere atti sessuali che possono essere degradanti o dolorosi;
  • Battere le parti sessuali del corpo;
  • Costringere una persona a visualizzare materiale pornografico; forzare la partecipazione alle riprese pornografiche;
  • Usare un’arma per forzare la conformità;
  • Esibizionismo;
  • Fare commenti o battute sessuali indesiderate; comportamento ambiguo;
  • Trattenere l’affetto sessuale;
  • Negazione della sessualità o della privacy di una persona (voyeurismo);
  • Negazione di informazioni e educazione sessuale;
  • Umiliare, criticare o cercare di controllare la sessualità di una persona;
  • Prostituzione forzata
  • Accuse infondate di promiscuità e/o infedeltà; e,
  • Esporre intenzionalmente la persona all’HIV-AIDS o ad altre infezioni a trasmissione sessuale.

 

Violenza emotiva definizione e tipi

La violenza emotiva si verifica quando qualcuno dice o fa qualcosa per far sentire una persona stupida o senza valore.

La violenza emotiva include, ma non è limitata a:

  • Usare appellativi dispregiativi;
  • Incolpare la persona di tutti i problemi di relazione;
  • Togliere la parola;
  • Non consentire alla persona di avere contatti con familiari e amici;
  • Distruggere gli averi della persona;
  • Gelosia;
  • Umiliare o prendere in giro la persona;
  • Intimidazione della persona; causando la paura di ottenere il controllo;
  • Minacciare di farsi del male se la persona non collabora;
  • Minaccia di abbandonare la persona; e,
  • Minacciare di espatriare una persona.

 

Violenza psicologica (definizione e tipi)

La violenza psicologica si verifica quando qualcuno usa minacce e fa in modo che la paura acquisisca il controllo.

La violenza psicologica include, ma non è limitata a:

  • Minacciare di danneggiare la persona o la sua famiglia se lei o lui abbandona la relazione;
  • Minaccia di farsi del male;
  • Minacce di violenza;
  • Minacce di abbandono;
  • Stalking, molestie, persecuzioni criminali;
  • Distruzione di proprietà personale;
  • Aggressione verbale;
  • Isolamento sociale della persona;
  • Non consentire l’accesso a un telefono;
  • Non consentire a una persona competente di prendere decisioni;
  • Controllo inappropriato delle attività della persona;
  • Trattare una persona come un bambino o un servo;
  • Trattenere compagnia o affetto;

Uso di indebite pressioni per:

  • Firmare documenti legali;
  • Non chiedere assistenza o consulenza legale;
  • Trasferirsi fuori casa;
  • Fare o modificare una volontà o un beneficiario legale;
  • Preparare o modificare una direttiva sanitaria anticipata;
  • Dare soldi o altri beni a parenti o altri caregiver; e,
  • Fare cose che la persona non vuole fare.

Le molestie: una forma di violenza (definizione e tipi)

Analizzando dall’inizio uno dei tipi di violenza più significativi che ha un impatto sul più grande impatto sulla vita sono le molestie.

La definizione di “molestie” copre una vasta gamma di comportamenti di natura offensiva . È comunemente intesa come comportamento che umilia, imbarazza o mette in imbarazzo una persona, ed è caratteristicamente identificato dalla sua improbabilità in termini di ragionevolezza sociale e morale.

In senso giuridico, si tratta di comportamenti che sembrano essere inquietanti, sconvolgenti o minacciosi. Si evolvono da motivi discriminatori e hanno l’effetto di annullare o impedire a una persona di beneficiare dei loro diritti. Quando questi comportamenti diventano ripetitivi vengono definiti bullismo. Le molestie sessuali si riferiscono a progressi sessuali persistenti e indesiderati anche dopo aver rifiutato delicatamente, in genere sul posto di lavoro, dove le conseguenze sono potenzialmente molto svantaggiose per la vittima in caso di squilibrio di potere tra gli autori.

Molestie sessuali definizione e tipi

Le molestie sessuali sono definite come proposte sessuali indesiderate, richieste di favori sessuali e altri comportamenti verbali o fisici di natura sessuale. Le molestie sessuali sono definite dalla legge e includono richieste di favori sessuali, proposte sessuali o altri comportamenti sessuali quando

  1. l’approccio è esplicitamente o implicitamente una condizione che influisce sulle decisioni accademiche o lavorative;
  2. il comportamento è sufficientemente grave o pervasivo da creare un ambiente intimidatorio, ostile o ripugnante; oppure
  3. il comportamento persiste nonostante l’obiezione della persona a cui è diretta la condotta.

L’Università del Michigan considera tale comportamento, sia fisico che verbale, una violazione dei suoi standard di condotta e cercherà di prevenire tali incidenti e intraprendere azioni correttive quando si verificano molestie sessuali (Office of Institutional Equity, University of Michigan ).

Leggi il progetto completo su bullismo e violenza (tipi)scheda tecnica

 

Scrivi a Igor Vitale