fbpx
le differenze tra violenza e forza

Le differenze tra violenza e forza

Questo articolo spiega le differenze tra violenza e forza.

La violenza come forza

Coady (1986) ha probabilmente ragione quando ci ricorda che la comprensione normale o ordinaria del termine “violenza” è in termini di atti interpersonali di forza che di solito implicano l’influenza di lesioni fisiche, il che suggerisce che il concetto di violenza non può essere compreso indipendentemente dal concetto di forza.

Le differenze tra violenza e forza

Questa forte affinità tra i termini “violenza” e “forza” sembrerebbe essere confermata dall’Oxford English Dictionary, dove la violenza è definita come “l’esercizio della forza fisica in modo da infliggere lesioni o causare danni a persone o cose.”. Nonostante le sue radici linguistiche e la percezione comune, la relazione tra violenza e forza è una delle questioni più dibattute nella letteratura sulla violenza. Da un lato ci sono quelli che non hanno scrupoli nel definire la violenza in termini di forza. Uno dei primi e più autorevoli rappresentanti di questo gruppo è il pragmatico americano John Dewey.

Violenza e forza non sono la stessa cosa secondo Dewey

In una serie di articoli originariamente pubblicati nel 1916, Dewey (1980, p. 246) sostiene che la violenza è una forza andata storta o, in altre parole, una forza che è distruttiva e dannosa: “l’energia diventa violenza quando sconfigge o vanifica invece gli scopi di eseguirlo o realizzarlo. Quando la carica di dinamite fa esplodere gli esseri umani anziché le rocce, quando il suo risultato è uno spreco anziché una produzione, una distruzione anziché una costruzione, non la chiamiamo energia o potere ma violenza “.

È importante sottolineare che Dewey non sta dicendo che forza e violenza sono sinonimi. Chiaramente non tutta la forza è violenza (salvare qualcuno dall’annegamento o impedire a qualcuno di farsi del male), così come non tutti gli atti di violenza richiedono l’uso della forza (omicidio con avvelenamento).

La violenza deve essere intenzionale e deliberata per essere definita tale

Invece, secondo Dewey, è solo quando la forza diventa distruttiva e dannosa che si trasforma in un atto di violenza. Oltre ad essere distruttivo, è stato suggerito che un atto di forza deve anche essere intenzionale o deliberato per essere considerato un atto di violenza. Pertanto, ad esempio, Thomas Pogge (1991, p. 67) afferma che “una persona usa la violenza fisica se agisce deliberatamente in un modo che blocca un altro esercizio dei suoi legittimi diritti di rivendicazione con mezzi fisici”, mentre Steger (2003, p. 13) sostiene che “la violenza è l’influenza intenzionale di lesioni fisiche o psicologiche su una o più persone”.

La violenza come forza eccessiva ed indesiderata

Si discute anche se la forza eccessiva, oltre a essere intenzionale o deliberata, debba essere indesiderata.

Il vantaggio di aggiungere questa clausola è che escluderebbe atti di forza intenzionale ed eccessiva che chiaramente non sono atti di violenza, come la chirurgia, anche se il rischio è che chiari esempi di violenza, come il raggruppamento dei piedi o le congetture labiali volontarie, non essere riconosciuto per quello che sono veramente.

Il collegamento della violenza con un atto intenzionale di forza eccessiva è intuitivamente attraente, ma su un’ulteriore riflessione sembra esserci un problema di fondo con qualsiasi tentativo di definire la violenza in termini di forza (vedi Miller, 1971).

La violenza secondo Wolff e Arendt

Robert Paul Wolff (1969, p. 604) definisce la forza come

“la capacità di operare un certo cambiamento nel mondo attraverso la spesa dello sforzo fisico”,

Hannah Arendt (1969, pp. 44–5) sottolinea che:

“Forza, che noi spesso usiamo nel linguaggio come sinonimo di violenza, specialmente se la violenza funge da mezzo di coercizione, dovrebbe essere riservato, nel linguaggio terminologico, alle “forze della natura” o alla “forza delle circostanze” (la force des choses), che è, per indicare l’energia liberata dai movimenti fisici o sociali ‘. Queste due definizioni sottolineano una differenza qualitativa fondamentale tra “forza” e “violenza”.

Innanzitutto, la forza è un concetto dislocativo, vale a dire si riferisce a un’abilità o potenzialità. La violenza, d’altra parte, si riferisce all’azione stessa, o come sottolinea Audi (1971, p. 50), “la violenza in questo senso è sempre fatta, ed è sempre fatta a qualcosa, tipicamente una persona, un animale o una proprietà’.

In secondo luogo, la violenza è un concetto valutativo, forse persino un concetto normativo, mentre la forza non lo è.

È forse la neutralità morale del concetto di forza che porta Hannah Arendt (1969) a liquidarla come un utile percorso nel significato della violenza , suggerendo invece che ci concentriamo sul rapporto tra violenza e potere.

Leggi il progetto sul bullismo e sulle differenze tra violenza e forza (scheda)

 

Scrivi a Igor Vitale