Gli stili di Attaccamento secondo Mary Ainsworth

novembre 11th, 2014 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica

attaccamento-insicuro-figliLa seconda fase nello studio dell’attaccamento è stata avviata dalla psicologa canadese Mary Ainsworth (1978), la quale ha individuato nei bambini di 12 mesi tre pattern organizzati di risposta a due brevi separazioni da un genitore e alle successive riunificazioni in un ambiente di laboratorio (Strange Situation).

L’osservazione delle risposte alle procedure della Strange Situation era inizialmente condotta parallelemente a una ricerca osservativa longitudinale in ambiente familiare, della durata di un anno, realizzata a Baltimora su 26 diadi madre-figlio. I bambini che davano segni di disagio durante l’assenza della madre, che salutavano attivamente e tornavano a giocare al suo rientro erano considerati capaci di utilizzare la madre come “base sicura” per l’esplorazione nell’ambiente di casa, dove manifestavano poca rabbia e poca ansia in seguito a brevi separazioni da lei.

Questo pattern di risposta compariva nella maggioranza dei soggetti ed era associato a un contenimento attento e amorevole da parte della madre, a una regolazione contingente dell’interazione faccia a faccia e ad una sensibilità ai segnali del bambino nel primo anno di vita. Solo pochi bambini invece apparivano preoccupati nei confronti della madre durante tutta la procedura, ed essendo notevolmente arrabbiati o passivi, non riuscivano a calmarsi e a riprendere a giocare dopo il suo ritorno. Questi soggetti chiamati insicuro resistenti o insicuro ambivalenti sembravano ansiosi nell’ambiente di casa. Le loro madri non era rifiutanti , ma non erano capaci di contenimento, non erano contingenti nell’interazione faccia a faccia ed erano imprevedibili. Infine i bambini che si interessavano soprattutto ai giochi, che non piangevano durante la separazione e che attivamente evitavano o ignoravano la madre durante le riunificazioni erano definiti insicuro evitanti. In casa la maggior parte di questi soggetti manifestava notevole rabbia verso la madre e forte ansia verso i suoi spostamenti, emozioni che però sembravano assenti in un contesto stressante quale la Strange Situation. Le madri dei bambini evitanti rifiutavano il comportamento di attaccamento e manifestavano una particolare avversione per il contatto fisico. L’evitamento in seguito alla riunificazione era stato precedentemente osservato solo dopo separazioni di lunga durata e interpretato come forma di repressione (Bowlby 1969).

Numero episodio Persone coinvolte Durata Descrizione dell’episodio
1 Madre, bambino, osservatore 30 secondi La madre e il bambino vengono introdotti nella stanza dall’osservatore
2 Madre e bambino 3 minuti La madre e il bambino vengono lasciati soli e il bambino è libero di esplorare l’ambiente; se necessario il gioco viene stimolato dopo due minuti
3 Madre, bambino, estraneo 3 minuti Entra l’estraneo. Primo minuto: l’estraneo si siede e rimane in silenzio. Secondo minuto: parla con la madre. Terzo minuto: cerca di mettersi a giocare con il bambino.
4 Bambino e estraneo 3 minuti* Prima separazione. La madre esce dalla stanza . Il comportamento dell’estraneo si adatta a quello del bambino.
5 Madre e bambino 3 minuti** Prima riunione. La madre ritorna e l’estraneo esce in maniera discreta. La madre consola, se necessario, il bambino e tenta di coinvolgerlo nuovamente nel gioco.
6 Bambino da solo 3 minuti* Seconda separazione. La madre esce dalla stanza. Il bambino rimane solo.
7 Bambino ed estraneo 3 minuti* L’estraneo ritorna e adegua il proprio comportamento a quello del bambino.
8 Madre e bambino 3

minuti**Seconda riunione. La madre ritorna e l’estraneo esce dalla stanza in maniera discreta. La madre saluta, prende in braccio il bambino e lo conforta, poi cerca di coinvolgerlo emotivamente nel gioco.

-La procedura della Strange Situation (adattata da Ainsworth , Witting, 1969)-

I bambini sicuri osservati nell’interazione con i pari o a scuola mostravano, rispetto ai bambini insicuri, maggiore fiducia in se stessi e maggiori competenze sociali ed esplorative.. In un campione ad alto rischio i bambini evitanti con la madre tendevano a vittimizzare gli altri, mentre i soggetti ambivalenti resistenti erano in genere le loro vittime (Ainswort et al., 1978).

*L’episodio può essere interrotto prima dei tre minuti qualora si verificasse un eccessivo stress da parte del bambino.

**Se al bambino occorre un tempo maggiore per consolarsi , l’episodio può essere fatto durare più di tre minuti.

di Silvia Diolaiuti

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

One Response