La definizione di competenze nella formazione aziendale (Quaglino, McClelland)

agosto 7th, 2014 | Posted by Igor Vitale in Psicologia del Lavoro

competenzeLe competenze

Ancorchè le competenze rappresentano il “campo d’azione” di qualunque processo di apprendimento (Quaglino 1999), è solo con il contributo di McClelland (1973)-Testing for competence reather than for intelligence- che questo concetto si afferma come descrittore dei fattori alla base di un’efficace prestazione lavorativa.

Spencer e Spencer, allievi di McClelland, hanno definito le competenze come “una caratteristica intrinseca individuale che è causalmente collegata a una performance efficace/o superiore in una mansione o in una situazione, e che è misurata sulla base di un criterio prestabilito” (Spencer, Spencer, 1993, p.30), individuando una possibile articolazione in cinque componenti:

1. motivazioni (spinte interiori che inducono ad agire per il conseguimento di determinati obiettivi);

2. tratti (disposizioni a comportarsi o a reagire in un determinato modo);

3. immagine di sé (atteggiamenti e valori personali);

4. conoscenza di discipline o argomenti specifici (contenuti professionali indispensabili per svolgere un’attività)

5. skills (capacità di eseguire un compito intellettivo o fisico).

Piccardo e Ferreri (1995) ritengono preferibili le classificazioni di tipo ecologico-concreto, più utili per le organizzazioni che progettano attività di formazione. Tra queste citiamo quella di Quaglino (1999, 2005), che riprende il modello KSA ( Knowledge, Skill and Ability/Aptitude) di matrice anglosassone, distinguendo tra conoscenze (sapere generale, tecnico-specialistico e organizzativo), capacità (abilità logico-strategiche, interpersonali e gestionali, connesse allo svolgimento dell’attività di lavoro e all’utilizzo delle conoscenze) e qualità (doti personali di tipo operativo, sociale e soggettivo), e quella dell’ISFOL (Di Francesco, 1994), che a fianco delle competenze di base e tecnico-specialistiche cita le competenze trasversali: diagnosticare (prestare attenzione, percepire, rappresentarsi, interpretare ecc.) relazionarsi (riconoscere sé e l’altro, ascoltare, comunicare, cooperare ecc.) e affrontare (assumersi responsabilità, progettare, prendere l’iniziativa, decidere ecc.).

 di Giovanni Montesano

opinione manuale omaggio

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.