La relazione tra fratelli anziani

dicembre 21st, 2014 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica

fratelli anzianiCome tutte le altre relazioni, anche quella fraterna attraversa tre fasi: dopo le fasi dell’intimità (infanzia, adolescenza e giovinezza) e quella della distanza (età intermedia), l’ultima è quella del riavvicinamento, favorito da esperienze come la morte dei propri genitori, il distacco dai figli e la fine dell’attività lavorativa (Petri, 1994).

I fratelli vengono scelti «come oggetti d’amore sostituivi quando viene meno l’amore genitoriale» (Petri, 1994 p. 95), perché essi soli possono colmare quel bisogno regressivo di affetto indotto dalla perdita. Anche a fronte della fine dell’attività lavorativa e del congedo dai valori ad essa connessi, come il senso di responsabilità e di pienezza, la libertà economica
e così via, l’appoggio di un fratello può giocare un ruolo fondamentale (Petri, 1994). La risoluzione di alcune contraddizioni legate all’esistenza, quali l’essere figlio-essere adulto, intimità-distanza, essere senza figli-essere centrato sui figli, favoriscono la riconciliazione: «si riducono i sentimenti negativi di rivalità distruttiva e di invidia, e si affermano di nuovo con maggiore forza i sentimenti più teneri.

La riscoperta dell’amore fraterno significa, in pratica, un aiuto concreto ed un appoggio emotivo nelle difficoltà
che in questa età si moltiplicano; significa però anche uno scambio sulle comuni radici dell’infanzia e una rielaborazione dei conflitti irrisolti. Tutti questi passi hanno anche una funzione di riparazione» (Petri, 1994 p. 97).

La relazione fra fratelli è la più lunga di tutta la vita e termina con l’ultima vera separazione, che coincide con la morte di uno dei due: il grado di ambivalenza emotiva,  unilaterale o reciproca, vissuto nel corso degli anni, determinerà il futuro di questo legame nel senso di una sua eventuale precoce interruzione o piuttosto di una sua continuità oltre la morte, in un dialogo interno con il fratello interiorizzato.

di Valentina Donnari

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.