Il disturbo schizoide di personalità. Eccessivo Distacco Sociale ed Isolamento Sociale

agosto 4th, 2015 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica

disturbo schizoideIl disturbo schizoide di personalità è una sindrome caratterizzata da eccessivo Distacco ed Isolamento Sociale, qui di seguito ho raccolto per te i principali sintomi del disturbo schizoide.

  1. Una modalità pervasiva di distacco dalle relazioni sociali e una gamma ristretta di espressività emotiva nel contesto interpersonale, comparse entro la prima età adulta e presenti in diversi contesti come indicato da almeno quattro dei seguenti criteri:
    1. non desidera né prova piacere nelle relazioni strette, incluso il far parte di una famiglia;
    2. quasi sempre sceglie attività solitarie;
    3. dimostra poco o nessun desiderio di avere esperienze sessuali con un’altra persona;
    4. trae piacere, ammesso che ciò accada, in poche attività;
    5. non ha amici stretti o confidenti a parte i parenti stretti;
    6. appare indifferente nei confronti delle lodi o delle critiche degli altri;
    7. mostra freddezza e distacco emozionale, o un’affettività ristretta;
  2. Non compare esclusivamente durante il decorso della schizofrenia, di un disturbo dell’umore con manifestazioni psicotiche, di un altro disturbo psicotico, o di un disturbo evolutivo pervasivo, e non è causato dagli effetti fisiologici diretti di una condizione di interesse internistico.

Se i criteri vengono incontrati prima dell’esordio della schizofrenia, aggiungere pre-morboso, es. disturbo pre-morboso di personalità schizoide.

 

Fattori di rischio del Disturbo Schizoide: la stagionalità, l’ereditarietà, l’ambiente e l’assetto psichico.

Sono state rilevate correlazioni tra stagionalità di nascita e schizofrenia, con un rischio superiore per i nati nei mesi invernali e all’inizio della primavera. La schizofrenia è ubiquitaria in tutti i contesti sociali e culturali seppure, nei paesi industrializzati, venga riportata un’incidenza maggiore nelle classi meno agiate (deriva sociale). Tratti personologici pre-morbosi sono assenti nella metà dei soggetti; il restante presenta 25% tratti schizoidi e 25% familiarità positiva per i disturbi dello spettro schizofrenico (schizotipico e schizoide-deficit a livello sociale pesante e problemi nell’affettività; in più nello schizotipico c’è una componente di eccentricità che manca nello schizoide; ma nello schizotipico c’è ansia sociale che non c’è nello schizoide). Per quanto riguarda l’ereditarietà, studi famigliari mostrano come il 5% dei genitori e 10% dei fratelli di probandi schizofrenici sono affetti dal disturbo, per i gemelli monozigoti i rischio del disturbo aumenta fino al 38-72%, mentre è decisamente minore per i figli di genitori adottivi che hanno il disturbo.

Per quanto riguarda i fattori ambientali, particolare interesse è stato rivolto alla relazione tra schizofrenia e infezioni virali durante il periodo gestazionale. Il periodo di maggiore rischio per l’esposizione a virus sembra essere il secondo trimestre di gravidanza quando tutti i neuroni che comporranno la corteccia cerebrale sono stati generati ma non sono ancora migrati nelle strutture bersaglio né sono connessi in sinapsi. Infine per ciò che riguarda i fattori psicologici, il tipo di comunicazione familiare avrebbe un ruolo nello sviluppo e nel mantenimento della patologia schizofrenica. Nelle famiglie con pazienti schizofrenici ci sarebbero infatti alti livelli di emotività espressa (critica, ostilità, eccessivo coinvolgimento) e ciò sarebbe correlato con un elevato tasso di recidive.

Tutti gli Articoli di Psicologia Clinica

 

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

One Response