Cosa sono le life skills

Articolo di Irena Semi

Ai soli fini della sopravvivenza non sono richieste particolari competenze. Tuttavia, per esprimere il proprio vero valore e potenziale, vivere le migliori relazioni possibili, saper fronteggiare e gestire efficacemente le numerose sfide alle quali la vita sottopone l’individuo, richiede l’acquisizione e la padronanza di certe specifiche abilità o competenze, definite Life Skills. Più tecnicamente, il termine viene riferito a una gamma di abilità che forniscono gli strumenti (a livello cognitivo, emozionale e relazionale) per affrontare gli avvenimenti sia della vita individuale che di quella relazionale.

In altre parole, sono abilità e capacità che portano l’individuo a un comportamento versatile e positivo, che lo rende capace di far fronte efficacemente alle richieste e alle sfide della vita quotidiana.

A partire da questa definizione, si potrebbe pensare che le Life Skills siano moltissime e differenti in base a caratteristiche culturali e contestuali.

Ci sono tuttavia alcune abilità centrali per l’ empowerment della salute e del benessere degli individui. Tale nucleo fondamentale, identificato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), è costituito da dieci distinte Life Skills:

  1.  la consapevolezza di sé (o autocoscienza, ovvero conoscere se stessi);
  2. la gestione delle emozioni (riconoscere e regolare le proprie emozioni);
  3. la gestione dello stress (conoscere e controllare le fonti di tensione);
  4. la comunicazione efficace (esprimersi in modo efficace sia a livello verbale che non verbale);
  5. le relazioni efficaci (mettersi in relazione in modo positivo con gli altri);
  6. l’empatia (comprendere e ascoltare l’altro);
  7. il pensiero creativo (trovare soluzioni e idee originali);
  8. il pensiero critico (analizzare e valutare le situazioni);
  9. prendere decisioni (o decision making, ovvero prendere decisioni in modo consapevole);
  10. risolvere problemi (o problem solving, ovvero affrontare e risolvere i problemi in modo costruttivo).

Tali competenze sono spesso raggruppate secondo tre aree:

  1. emotive: consapevolezza di sé, gestione delle emozioni, gestione dello stress;
  2. relazionali: empatia, comunicazione efficace, relazioni efficaci;
  3. cognitive: risolvere i problemi, prendere decisioni, pensiero critico, pensiero creativo.

Vi è una parziale influenza della cultura e delle norme sociali sulle caratteristiche specifiche delle Life Skills. Ad esempio, all’interno di determinate culture, il contatto oculare è considerato un buon indicatore di comunicazione efficace quando ad utilizzarlo sono i ragazzi, ma non quando ne fanno uso le ragazze.

In linea generale, è però possibile affermare che tali Skills permettono all’essere umano di tramutare concetti, atteggiamenti e valori in reali abilità, mostrando la propria competenza circa come comportarsi e come portare a termine determinate azioni.

È perciò particolarmente importante insegnarle a bambini e ragazzi come competenze che si acquisiscono attraverso l’apprendimento e specifici training. Acquisire e applicare in modo efficace le Life Skills può influenzare il modo in cui l’individuo si sente rispetto a se stesso e agli altri, oltre che la modalità con cui viene percepito da chi lo circonda.

Le Life Skills contribuiscono quindi alla percezione di autoefficacia, di autostima e di fiducia in se stessi, giocando un ruolo importante nella promozione del benessere mentale.

Essa incrementa a sua volta la motivazione a prendersi cura di sé e degli altri, la prevenzione del disagio mentale e a quella dei problemi comportamentali e di salute. Nel seguito sono descritte e brevemente analizzate separatamente le dieci Life Skills
elencate in precedenza.

Corsi Gratis in Psicologia