fbpx
emozioni e decisioni

Emozioni e decisioni in psicologia: quali sono le aree del cervello decisioni

Prima di addentrarci in questo articolo su emozioni e decisioni, ti lascio qui alcuni link di approfondimento per capire meglio la materia

Il processo decisionale da parte di persone con emozioni deteriorate

 

Per decenni, i biologi hanno considerato le emozioni e i sentimenti poco interessanti.

Antonio Damasio, neuroscienziato, ha dimostrato la sua importanza nei processi di regolazione della vita in quasi tutte le creature viventi. L’intuizione essenziale di Damasio è che i sentimenti sono l’equivalente delle esperienze mentali degli stati del corpo, che nascono quando il cervello interpreta le emozioni, che sono essi stessi stati fisici che derivano dalla risposta del corpo agli stimoli esterni. Damasio ha descritto i pazienti che hanno sofferto di emozioni povere e inadeguate a seguito di un danno cerebrale.

Il caso di Phineas Gage: storia, lesione e morte

Uno dei casi che suscitò l’interesse di Damasio fu quello di Phineas Gage, che nel 1848 sopravvisse a un incidente in cui una sbarra di ferro gli sparò in testa. Più di un secolo e mezzo dopo, i ricercatori hanno esaminato il suo cranio per ricostruire il percorso che la barra doveva aver attraversato nel suo cervello all’impatto (Ratiu & Talos, 2004). L’incidente ha danneggiato parte della corteccia prefrontale di Gage. Durante i primi mesi di recupero dopo l’incidente, Gage mostrava spesso poca emozione e prendeva decisioni sbagliate all’impulso. Tuttavia, i rapporti sulla vita di Gage mancano di dettagli sufficienti per un’analisi conclusiva.

Caso di Elliot: emozioni e decisioni, il punto di vista di Damasio

Negli ultimi anni, un paziente noto come “Elliot” fornisce un esempio più attuale che può essere esaminato in dettaglio (Damasio, 1994).

 

Durante l’intervento chirurgico per la rimozione di un tumore al cervello.

Elliot aveva subito danni alla sua corteccia prefrontale.

Dopo l’operazione, non ha mostrato quasi nessuna espressione emotiva: impazienza, frustrazione, rabbia o gioia se esposto a musica o arte. Descrisse sia la sua chirurgia cerebrale che il conseguente deterioramento della sua vita con distacco calmo. Oltre all’alterazione delle sue emozioni, aveva difficoltà a fare o seguire piani ragionevoli. Era in grado di discutere il probabile risultato di ciascuna scelta, ma aveva difficoltà a decidere. Il risultato fu che non fu in grado di mantenere un lavoro, di investire denaro in modo intelligente o di mantenere normali amicizie.

Da questi esempi, gli scienziati sono stati in grado di accertare che gli individui con danni a una parte della corteccia prefrontale (la corteccia prefrontale ventromediale, per essere precisi) hanno difficoltà nel processo decisionale e sembrano essere compromessi in ciò che consideriamo giudizio morale.

I danni alla corteccia prefrontale logorano le emozioni, le decisioni ed il controllo degli impulsi

Danni alla corteccia prefrontale negli individui, significa che sono in grado di prendere decisioni che normalmente non presumiamo stiano bene con la sua poca collocazione (Ciaramelli, Muccioli, Làdavas e DiPellegrino, 2007; Thomas, Croft e Tranel, 2011).

Se il danno cerebrale si verifica durante l’infanzia o la prima adolescenza, gli effetti sono ancora maggiori.

L’individuo non è in grado di apprendere le regole del giusto e sbagliato che la maggior parte di noi dà per scontate come membri di una società civile. In altre parole, un individuo con un danno al lobo frontale non può formulare possibili esiti emotivi quando prende decisioni.

Poiché l’amigdala controlla le risposte autonome associate alla paura, all’eccitazione e alla stimolazione emotiva, sono responsabili dell’alimentazione della corteccia prefrontale ventromediale con queste informazioni in cui indirizza gli stimoli nel prendere una decisione.

Il processo decisionale è danneggiato perché si interrompe la connessione tra amigdala e corteccia

Quando viene interrotta la connessione tra l’amigdala e la corteccia, ciò si traduce in un processo decisionale che ignora i potenziali sentimenti di tristezza o colpa (Shenhav e Greene, 2014).

Come afferma Damasio (1999, p.55)

“Le emozioni sono inseparabili dall’idea del bene e del male”.

Se uno non può immaginare di sentirsi male o buono, colpevole o orgoglioso, prenderà decisioni sbagliate.

 

 

Scrivi a Igor Vitale