Cosa succede al nostro organismo durante un’emozione

marzo 11th, 2014 | Posted by Igor Vitale in Linguaggio del Corpo | Uncategorized

Neurologia e neuroanatomia delle emozioni

Cosa accade nel cervello durante l’emozione

Stefania Porcu

 

cervello1Dal punto di vista scientifico l’emozione comporta una serie di cambiamenti all’interno dell’organismo, animale e umano, che fanno riferimento al sistema nervoso centrale (SNC), al sistema nervoso autonomo (SNA) e al sistema endocrino e ormonale. E’ il cervello che attiva e regola gli aspetti fisiologici dell’esperienza emotiva. Il sistema nervoso periferico mette in collegamento il sistema nervoso centrale con tutto l’organismo. Il sistema nervoso autonomo è responsabile della salivazione, della sudorazione, delle variazioni della pupilla, delle modificazioni dell’apparato gastroenterico e cardiovascolare (aumento della pressione sanguigna e aumento o diminuzione del battito cardiaco), che si attivano in concomitanza dello stimolo emotivo. Il sistema limbico ed i lobi frontali sono il substrato neurologico dell’emozione (Boncinelli, 2013). L’amigdala e l’ippocampo sono le parti del cervello più coinvolte. L’ipotalamo coordina il sistema nervoso autonomo ed ha un ruolo importante nel regolare la secrezione di certi ormoni.

L’amigdala è stata definita come una sorta di computer dell’emozionalità e la porta d’ingresso sensoriale delle emozioni in quanto registra ed innesca reazioni emotive rapide ed istintive. Essa funziona come un archivio della memoria emozionale ed è depositaria del significato stesso degli eventi.

Alcuni studiosi affermanoche l’amigdala provochi reazioni “repulsive” verso gli elementi considerati estranei, addirittura anche individui di un’altra etnia o di un altro gruppo. La risposta repulsiva sarebbe preceduta da una sensazione di disgusto.

Il cosiddetto IAT (Implicit Association Test) che misura i tempi di reazione a immagini-stimolo, eseguiti per analizzare la quota inconsapevole dei nostri pregiudizi, delle reazioni di disgusto e avversione nei confronti di chi ha un colore diverso dal nostro, o un altro orientamento sessuale, hanno rivelato che, se vediamo immagini che rappresentano gruppi etnici diversi dal nostro, avvengono attivazioni cerebrali soprattutto a livello di amigdala. È stato messo anche in evidenza il razzismo inconscio e le profonde paure di chi si professa antirazzista (o antiomofobo) (Legrenzi, 1994).

Gli esperimenti di Phelps (Camilli, 2013) mostrano pure che i test condotti usando volti noti (attori e politici afro-americani) riportano una riduzione dell’attività dell’amigdala la cui attivazione diminuisce col passare del tempo, lasciando posto a un’elaborazione corticale di “ragionamento”. Ciò conferma che conoscenza e ragione, ossia l’intreccio di amigdala, personalità e cultura, sono risposte efficaci contro il razzismo.

WebRep
currentVote
noRating
noWeight

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.

4 Responses