Teoria X e Teoria Y di McGregor e soddisfazione lavorativa

dicembre 17th, 2013 | Posted by Igor Vitale in Psicologia del Lavoro

teoria x e y mcgregordi Antonella Matichecchia

La teoria esposta dallo studioso McGregor (1960,pp.47-48) rinforza sia il Modello della Gerarchia dei Bisogni di Maslow sia la Teoria Igienico-Motivante. McGregor elabora per due visioni differenti dei lavoratori due teorie: La Teoria X (che si rifà al Modello Razionale) e la Teoria Y (Modello Naturale).

La Teoria X dice che l’uomo non ama il lavoro perché è per sua natura pigro, quindi per lavorare deve essere continuamente punito e minacciato dall’autorità dell’organizzazione; da qui la considerazione che l’uomo medio preferisca essere diretto non avendo ambizioni personali e cercando solo la sicurezza e la stabilità economica. Il dirigente ritenendo che l’uomo non ama lavorare ed è di natura indolente, pigro, portato a fare il meno possibile, esercita una leadership caratterizzata dall‘autorità, dalla supervisione diretta, dal ricorso punizioni, perché solo in questo modo possono essere raggiunti gli obiettivi organizzativi.

Nella Teoria Y invece l’uomo viene visto come un soggetto attivo e non passivo perché è in grado di autogestirsi; il lavoro è naturale come il riposo per l’uomo, dato che la soddisfazione lavorativa è importante. Le persone sono in grado di autogestirsi ed autodirigersi, sono responsabili ed attivi. In questo caso il dirigente ricorre alla delega, esercita una supervisione generale e ricorre ad incentivi positivi, elogi e riconoscimenti.

Secondo McGregor il fatto che il lavoratore si comporti come delineato dalla Teoria X, piuttosto che dalla Teoria Y, dipende dalla sua possibilità di soddisfare i propri bisogni: se non riesce a soddisfare i propri bisogni di ordine inferiore, ossia quelli individuati da Maslow nelle categorie dei bisogni fisiologici e di sicurezza, e da Herzberg nei fattori igienici, tenderà a comportarsi come descritto dalla Teoria X, mentre se riesce a soddisfare i propri bisogni di ordine superiore, identificati da Maslow nei bisogni di appartenenza, stima ed autorealizzazione, e da Herzberg nei fattori motivanti, si comporterà come descritto dalla teoria Y.

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.