Psicologia dell’adolescente anoressica

settembre 30th, 2014 | Posted by Igor Vitale in Psicologia Clinica

adolescenza-anoressiaLa logica paradossale delle condotte anoressiche e bulimiche sta nella tenacia con la quale non cedono alla fame né al bisogno dell’Altro pur essendo profondamente ossessionate sia dal primo che dal secondo. Il punto è che questi soggetti vorrebbero in realtà essere fermati nella loro angosciosa deriva. Questo movimento di fuga e allo stesso tempo di avvicinamento è particolarmente presente nei tipici comportamenti adolescenziali.

Per far fronte alla situazione e ritrovarne il controllo, l’adolescente è il primo a ricorrere allo spazio, per marcare il proprio territorio e affermare la propria differenza: la sua camera, le sue cose, il locale dove si trova con il suo gruppo, la sua banda, per non parlare di Internet e delle reti di contatti che permette di costituire.

Il corpo dell’adolescente è il suo territorio, e il suo abbigliamento stravagante, i piercing e i tatuaggi sono i fari che ne segnalano la presenza e i confini agli altri, soprattutto a quegli altri per eccellenza che sono gli adulti. E se le cose non vanno sempre così resta la fuga, che è un altro modo di cercare uno spazio tutto per sé. A qualsiasi età, ognuno di noi sa che non è sempre facile avere le idee chiare su ciò che si è veramente, su che cosa siamo maggiormente “noi stessi”.[1] (corsivi nel testo)

Nell’adolescenza i problemi, le ansie e i timori sono in qualche modo ingigantiti.

Avere intorno degli adulti che accettino, accolgano e convalidino l’adolescente per quello che è, per quello che vuole essere, per ciò che vuole diventare, per quello che desidera, risulta perciò di vitale importanza. Nonostante soprattutto con i pazienti che soffrono di un disturbo alimentare e della cosiddetta «sindrome di “vietato l’accesso”» sia necessario agire con estrema delicatezza,[2] bisognerebbe saper comunque forzare l’adolescente, sollecitare il dialogo, provocare l’incontro che egli vorrebbe rifiutare, senza rendersi conto però che è proprio ciò che desidera più di ogni cosa.

Per gli adolescenti, cosi come per le persone anoressiche e bulimiche, ammettere di aver bisogno d’aiuto e di desiderare l’Altro è un rischio che pensano di non potersi permettere. Azzardare un capovolgimento di posizioni, infatti, significherebbe trasformare la propria forza e il proprio dominio in una vera e propria schiavitù.  Chi soffre di anoressia e bulimia ha un’estrema difficoltà a ribaltare il suo atteggiamento, a rinunciare alla dieta, alle abbuffate e al vomito, ad abbandonare il desiderio di essere magra piuttosto che vivere.

[1] JEAMMET P., op. cit., p. 51.

[2] Gianna Polacco Williams a proposito del caso esposto nel capitolo precedente afferma: “[…] quando valuto o lavoro con un paziente come Sally, dove la sindrome di “vietato l’accesso” è molto evidente, mi trovo a parlare con un tono di voce piuttosto pacato. Cerco di evitare le parole incisive e preferisco usare un tipo di linguaggio caratterizzato da colori “pastello” piuttosto che da “colori primari.”, ibidem.

di Federica Maria D’Autilia

consulenzapsicologica

Comments

Comments

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Responses are currently closed, but you can trackback.