fbpx
comunicazione non verbale del viso igor vitale

Comunicazione non verbale del viso (espressioni facciali)

La comunicazione non verbale del viso è quella branca della comunicazione che si esprime mediante le espressioni facciali.

Possiamo definire le espressioni facciali come movimenti dei muscoli del volto. Le contrazioni muscolari del viso e la loro combinazioni costruiscono le espressioni del viso.

Le espressioni del viso hanno un significato psicologico ben preciso che può essere decodificato mediante le opportune tecniche.

Come interpretare la comunicazione non verbale del viso

Prima di iniziare ad addentrarci nella comunicazione non verbale del viso, volevo regalarti alcune risorse per entrare nella materia

  1. corso gratuito di comunicazione non verbale. Mi occupo di linguaggio del corpo da molti anni ed insegno questa materia in diverse nazioni europee. Ho condensato questa conoscenza in un corso di un’ora gratuito. Accedi ora
  2. tecniche di riconoscimento della menzogna. In questo corso gratuito puoi vedere  un’applicazione dell’analisi delle microespressioni facciali in un caso di recente cronaca nera
  3. corso psicologia delle emozioni. La comunicazione non verbale del viso esprime specialmente le emozioni. La complessità ed il numero di possibili espressioni facciali può essere abilmente decodificata in emozioni. Questo corso spiega la psicologia sottostante alle emozioni. Scaricalo liberamente

Cosa ci dice la comunicazione non verbale del viso

Diversamente dagli altri aspetti della comunicazione non verbale, il viso tratta soprattutto il tema delle emozioni.

Se sei curioso di capire cosa svelano le altre parti del linguaggio del corpo, ti lascio qui un breve esempio:

La comunicazione non verbale del viso serve ad identificare le emozioni

Il volto esprime più di ogni altra parte del corpo le emozioni. E’ ciò che ci distingue da molti altri animali, la comunicazione frontale ed il contatto oculare.

Il volto è la sede delle emozioni e le diverse contrazioni muscolari del volto ci permettono di capire quali emozioni sta provando il nostro interlocutore.

Inoltre, le espressioni del viso mostrano emozioni inconsciamente. Questo significa che possiamo vederle chiaramente anche quando la persona non vuole mostrarle.

Per farlo esiste un metodo di riferimento che si chiama Facial Action Coding System, inventato da Paul Ekman e collaboratori.

Il Facial Action Coding System per l’analisi delle emozioni

Esiste un metodo per l’analisi della comunicazione non verbale del viso che si chiama Facial Action Coding System. Il metodo consiste nell’analisi standardizzata delle espressioni facciali.

L’analisi delle espressioni facciali avviene su un profilo muscolare. Le contrazioni del viso permettono di vedere dei cambiamenti osservabili, che se combinati tra loro ci permettono di capire gli stati mentali degli altri.

Il sito ufficiale del Facial Action Coding System è quello dell’autore, Paul Ekman.

In questa pagina trovi il manuale di riferimento del metodo in pdf.

Il manuale esiste solo in inglese e descrive in maniera articolata quali cambiamenti visibili producono i movimenti muscolari del viso.

Il manuale contiene anche la codifica EMFACS, che consente di connettere le contrazioni facciali con il volto.

Se vuoi imparare questo metodo a livello professionale, facciamo uno dei pochissimi corsi in Italia e all’estero su questo metodo.

Accedi al Corso di Comunicazione Non Verbale e FACS

Come leggere le espressioni del viso

Per quanto possa sembrare banale, una lettura efficace del viso passa dall’osservazione degli occhi.

Oggettivamente, non puoi capire le espressioni del volto guardando a voce. Sebbene sia facile da comprendere logicamente, tenere uno sguardo sostenuto sul volto non è facile.

Il volto resta un area di contatto. E osservare in maniera costante il volto di una persona è qualcosa che non puoi fare a lungo.

Se lo fai a lungo l’altro potresti sembrare invadente.

In ogni caso è proprio dagli occhi che puoi comprendere gli elementi principali della comunicazione del viso.

Intanto, il contatto visivo facilita la comunicazione con l’altra parte. Per cui è sempre utile utilizzarne un po’ di più di quanto siamo abituati. Ma questo ti consente di osservare anche meglio il viso. Ed è di questo che ti parlerò nel prossimo paragrafo

Il significato della comunicazione non verbale del viso

La tecnica Facial Action Coding System ha dimostrato che sono almeno 7000 le possibilià combinazioni facciali che il nostro volto può produrre. In questa sezione vorrei parlare con te quantomeno delle principali.

  1. Analisi dello spalancamento dell’occhio. Si codifica lo spalancamento dell’occhio quando siamo in grado di vedere più parte bianca dell’occhio (sclera). Quando la persona spalanca gli occhi, la palpebra superiore rientra e la vediamo molto meno. Gli occhi spalancati sono un segnale emotivo. Attiviamo quest’azione quando ci ritroviamo in una di queste tre emozioni: rabbia, paura o sorpresa. In altre parole, questo segnale del vìiso mostra che c’è uno stimolo inatteso da gestire rapidamente.
  2. Corrugare la fronte. Quando applichi questo movimento del volto sei in disaccordo con la controparte. Ad essere precisi, corrugare la fronte è un segnale condiviso da qualsiasi emozione negativa. Pensa che nelle ricerche in cui si vuole semplicemente misurare lo stato negativo, questo potrebbe essere l’unico segnale valutato. Corrughiamo la fronte in ognuno degli stati negativi, per cui, rappresenta un buon semplificatore di realtà.
  3. Abbassare gli angoli delle labbra. Questo segnale si verifica quando gli angoli delle labbra si muovono verso il basso. Contraiamo il muscolo depressore del labbro quando esprimiamo disaccordo o dubbio.
  4. Pressare le labbra. Applichiamo il segnale di pressione delle labbra quando tratteniamo informazioni o emozioni. E’ un segnale di repressione degli impulsi

Spero che questo articolo ti sia piaciuto. Se vuoi scoprirne di più, accedi al corso di comunicazione non verbale

Igor Vitale

Scrivi a Igor Vitale