fbpx
frustrazione e aggressività

Frustruazione e aggressività: la rabbia è una cosa da frustrati

Le strutture cerebrali sono una componente integrante nello studio della frustrazione e aggressività.

Oltre alle prove di studi che studiano l’interconnessione delle strutture cerebrali che reagiscono e rispondono a stimoli che inducono aggressività.

E’ anche importante discutere la rilevanza della biochimica nell’aggressività.

Un certo numero di sostanze, sia presenti in natura, come gli ormoni, sia provenienti da fonti esterne possono potenzialmente aumentare la possibilità di comportamenti aggressivi.

Una sostanza che è stata fortemente associata alla violenza è l’alcol.

Entrambi i rapporti della polizia e gli studi sulla prigione hanno dimostrato che il consumo di alcol è stato coinvolto nel:

  • 39-45% degli omicidi
  • 32-40% delle violenze sessuali
  • 63% degli abusi intimi sui partner
  • 45-46% degli attacchi fisici (Giancola, 2013).

L’alcool contribuisce alla violenza perché inibisce la capacità delle cortecce cingolate e frontali di controllare l’aggressività.

Gli ormoni naturali, come il testosterone, evidenziano anche una forte correlazione con il comportamento aggressivo.

Il testosterone potrebbe influenzare l’aggressività aumentando la reattività agli stimoli minacciosi.

Le donne a cui è stato somministrato il testosterone hanno mostrato reazioni subcorticali più forti alle immagini di volti arrabbiati (Hermans, Ramsey e van Honk, 2008).

Ancora una volta, se le reazioni subcorticali travolgono l’inibizione corticale, l’aggressività diventa più probabile. Come il testosterone, i livelli di serotonina fluttuano con le circostanze della vita e predicono l’aggressività.

L’attività della serotonina influenza il nostro sistema limbico per elaborare stimoli avversi (Heinz et al., 2011).

La riduzione dei livelli di serotonina nell’amigdala è stata associata ad aumenti del comportamento aggressivo nei ratti maschi (Toot, Dunphy, Turner e Ely, 2004).

La serotonina facilita l’attività delle regioni corticali prefrontali, compresa la corteccia cingolata e la corteccia orbitofrontale (Heinz et al., 2011).

Frustrazione e aggressività: la teoria di Dollard e Miller

Secondo l’ipotesi della frustrazione e dell’aggressività, la causa principale della rabbia e dell’aggressività è la frustrazione. Un ostacolo che blocca il raggiungimento degli obiettivi.

(Dollard, Miller, Doob, Mowrer & Sears, 1939).

Tuttavia, la frustrazione ti fa arrabbiare solo quando credi che l’altra persona abbia agito intenzionalmente. Potresti sentirti arrabbiato se qualcuno corresse lungo il corridoio e ti urtasse, ma probabilmente non ti sentiresti arrabbiato se qualcuno fosse scivolato in un punto umido e ti avesse urtato.

Leonard Berkowitz (1983, 1989) propose una teoria più completa: qualsiasi evento spiacevole – frustrazione, dolore, calore, cattivi odori, cattive notizie, qualunque cosa – eccita sia l’impulso di combattere sia l’impulso di fuggire. Cioè, eccita il sistema nervoso simpatico e la sua risposta di lotta o fuga. La tua scelta di combattere o fuggire dipende dalle circostanze.

Se qualcuno che ti ha appena infastidito sembra debole, esprimi la tua rabbia. Se quella persona sembra intimidatoria, reprimi la tua rabbia. E se colui che si è imbattuto in te è l’ufficiale del prestito della borsa di studio del tuo college, sorridi e ti scusi per esserti intromesso.

Leggi questo progetto su emozioni negative, rabbia, frustrazione ed aggressività (scheda tecnica)

 

Scrivi a Igor Vitale