fbpx
comunicazione non verbale aggressiva definizione interpretazione significato igor vitale corso

Comunicazione non verbale aggressiva: interpretazione e significato

La comunicazione non verbale aggressiva indica la presenza di precursori della rabbia. L’identificazione di segnali di comunicazione non verbale aggressiva ti consentono di anticipare e neutralizzare la violenza sia verbale che fisica.

Prima di iniziare ti consiglio alcune risorse di approfondimento sulla comunicazione non verbale aggressiva:

Come interpretare il linguaggio del corpo dell’aggressività

I ricercatori considerano l’assalto verbale, gli insulti e prendere in giro come forme di violenza.

Esistono comportamenti aggressivi che non comportano violenza fisica (ad esempio, essere eccessivamente insistenti o dominanti).

L’aggressività fisica è facile da vedere, mentre la comunicazione non verbale della rabbia a volte può essere letto solo sotto forma di microespressioni, quando deve essere mascherata.

La sensazione di rabbia comporta pressione sanguigna, tensione e calore.

La frequenza cardiaca aumenta, così come la respirazione, la pressione sanguigna aumenta e il viso può diventare rosso. C’è anche l’impulso di andare avanti, verso l’obiettivo della rabbia.

La maggior parte delle espressioni emotive richiede circa due secondi; alcuni sono a corto di mezzo secondo, altri possono richiedere quattro secondi, ma raramente possono durare più a lungo. La durata di un’espressione dipende solitamente dalla sua forza.

Pertanto, un’espressione di lunga durata di solito segnala una sensazione molto più intensa. Tuttavia, ci sono eccezioni. Un’espressione molto breve suggerisce che la persona nasconde quell’emozione; questo occultamento può essere un atto deliberato o una scarico inconscio della tensione.

Come identificare le microespressioni di rabbia nella comunicazione non verbale aggressiva

  • avvicinare le sopracciglia;
  • assottigliare la palpebra inferiore,
  • assottigliamento delle labbra a causa della tensione e della pressione esercitate su di esse
  • serrare la mascella,

Prestare attenzione perché è meglio non entrare in conflitto con una persona arrabbiata.

Commenti del tipo: “Perché sei arrabbiato con me?” possono essere un invito per qualcuno a diventare verbalmente aggressivo o comportarsi in modo violento. Una versione migliore della domanda è “la mia decisione potrebbe averti fatto arrabbiare e mi dispiace. Dimmi se posso fare qualcosa per calmarti”.

Con questo tipo di risposta riconosci la rabbia piuttosto che provocarla

Lo scopo di un l’interazione con una persona arrabbiata dovrebbe essere quella di dire o fare qualcosa che potrebbe fermare la rabbia prima che diventi intensa (P. Ekman, 2003).

Quando qualcuno cerca di farci del male fisicamente, la rabbia o la paura sono le risposte più probabili. Se qualcuno vuole ferirci emotivamente, insultandoci o umiliando la nostra immagine o performance, questo causerà rabbia o paura. Uno degli aspetti più pericolosi della rabbia è che la rabbia genera rabbia e la situazione si intensifica rapidamente (P. Ekman, 2003).

La pressione labbra, sostenuta dalla tensione della mascella è un indizio importante. Potrebbe essere uno dei primi segni di rabbia, avvisarti prima che la situazione diventi irreversibile; a volte si verifica una microespressione anche prima che l’altra persona si renda conto che sta per arrabbiarsi.

La persona sembra felice perché sorride, ma le loro sopracciglia non rafforzano l’idea di una piacevole emozione. Esistono due espressioni contraddittorie visualizzate contemporaneamente. Sembra essere un tentativo di mascherare la rabbia (emozione mostrata dalle sopracciglia) con un sorriso, un misto di rabbia con gioia o divertimento dato dalla perplessità. (P. Ekman, 2003)

 

La comunicazione paraverbale è rappresentata dal modo concreto in cui parliamo (forza o volume, ritmo e fluidità, altezza o tono della voce, articolazione delle parole). Gli elementi paraverbale accompagnano il linguaggio, permettendo la sfumatura, il rafforzamento, la sottolineatura delle idee, le parole. (A. Coman, 2008)

 

Il volume della voce nella comunicazione non verbale aggressiva

Attraverso il volume della voce dominiamo o lasciamoci dominare.

Una persona con una voce instabile induce l’idea di potere e vitalità) mentre una con una voce debole dà l’impressione di passività e mancanza di fiducia nei propri punti di forza.

Per essere ascoltati, dobbiamo usare il potere della voce (senza esagerare) perché il volume molto grande indica una svalutazione dell’interlocutore.

Se vuoi approfondire le tecniche per migliorare la voce, accedi a questo corso gratuito

 

Il tono della voce nella comunicazione non verbale della rabbia

Le sfumature di tono sono l’altezza che usiamo per pronunciare le parole. Il tono acuto tradisce insoddisfazione e nervosismo e può essere facilmente interpretato come un invito al conflitto.

 

Il ritmo della voce

La velocità del parlato è data dal ritmo, che può essere lento o veloce, calmo o frettoloso. Un ritmo troppo lento sembra noioso: è impossibile trasmettere un messaggio importante che parla in questo modo. Un ritmo troppo attento trasmette uno stato di emergenza.

 

Accento nella voce

Svolge un ruolo importante nel discorso, spesso decisivo: possiamo enfatizzare sillabe, parole o persino frasi. Per evidenziare alcune idee in un discorso è sufficiente che vengano pronunciate e pressate raramente.

 

Fai una pausa nel parlare

Spesso ciò che non viene detto, ma è compreso, influenza il pubblico in misura maggiore.

La comunicazione è fortemente influenzata dalla cultura, quindi i rumeni sono inclini ad adottare uno stile di comunicazione difensivo, specifico per le culture repressive e collettiviste.

Sono inclini a non dire sempre ciò che pensano veramente, a causa del tema del fallimento o dell’emarginazione. Tuttavia, i valori trasmessi ai bambini tendono ad essere diversi. C’è un cambio di percezione in questo senso, la frase “la spada non taglia una testa abbassata” non è più attuale. I rumeni stanno ancora imparando i misteri del comportamento assertivo e della comunicazione, vogliono sviluppare le loro capacità comunicative per esprimere i loro sentimenti, pensieri e credenze in modo diretto, aperto e onesto.

 

Comunicazione non verbale, prossemica ed analisi della distanza interpersonale nella rabbia

Scopri qui tutti gli approfondimenti sulla comunicazione non verbale, la distanza interpersonale e la prossemica

Ciò che dovrebbe essere notato come un indicatore culturale stabile e potente per i rumeni è la sfiducia delle persone, sia quelle conosciute, ad eccezione della famiglia / parenti, sia quelle sconosciute.

Secondo la teoria della prossemica classica (Hall, 1966), ci sono le seguenti distanze interpersonali:

  • distanza intima (0-46 cm) dove accettiamo senza riserve le persone vicine;
  • la distanza personale (46-122 cm) dove sono accettati amici, parenti, conoscenti;
  • distanza sociale (122-210 cm)
  • interazioni formali e distanza pubblica (oltre 210 cm).

Rispetto alla media dei 42 paesi / culture, in Romania tutte queste distanze elencate sono maggiori. Ad esempio, se uno straniero si trova nel caso dei rumeni a livello di distanza sociale, un americano lo include nella distanza personale. Probabilmente per i rumeni uno sconosciuto deve provare certe cose prima di essere accettato nello spazio personale, riservato a conoscenti, amici. Un rumeno deve guadagnarsi la sua fiducia, mentre un americano te lo dà immediatamente e tu devi confermarlo.

Il mimetismo in varie nazioni europee e le differenze nella distanza interpersonale

A livello non verbale, gli stranieri che visitano la Romania spesso notano sui volti dei rumeni un mimetismo teso, preoccupato, ma aperto e benevolo in caso di interazione. (Hanganu, dico, 2018).

I gesti sono spesso ampi, specifici per i latinos, espansivi, rafforzano il linguaggio verbale e se la relazione tra gli interlocutori non è ufficiale, toccano i loro interlocutori.

L’approccio esagerato può comunicare minacce o relazioni di natura strettamente personale; il dipartimento eccessivo può comunicare arroganza, importanza, stato sociale superiore.

Ti consiglio di approfondire l’argomento della comunicazione non verbale aggressiva nei seguenti video:

A presto

Igor Vitale

Scrivi a Igor Vitale