fbpx
ascolto attivo esercizi psicologia

Esercizi pratici di ascolto attivo ed empatia

Questo articolo spiega gli esercizi per un ascolto attivo efficace. Segui la guida e metti in pratica gli esercizi per aumentare il livello di empatia.

Tecniche di ascolto attivo: le misure da adottare per evitare le barriere comunicative

 

Quando le persone vengono ascoltate, si sentono davvero importanti, sentono che ciò che dicono è importante. Quando sento che ciò che dico ha valore, le persone diventano più responsabili e si comportano come tali.

Apparentemente un processo semplice, ascoltare gli altri si rivela innumerevole o difficile.

 

Esercizi di ascolto attivo

  1. Ascolta l’intero argomento anche se intendi respingerlo;
  2. Sii paziente durante l’ascolto;
  3. Ripete le idee principali dell’argomento di chi parla;
  4. giudicare continuamente;
  5. Sii flessibile;
  6. ritarda il momento della valutazione;
  7. Sii obiettivo. Non criticare o lanciarti in argomenti inutili;
  8. Fai sapere al relatore che c’è un reale desiderio che tu ascolti (messaggi non verbali);
  9. Prova a creare uno stato empatico, che contribuirà alla trasmissione completa e alle idee corrette;
  10. Non abbiate fretta di dare consigli.

Effetti positivi dell’ascolto attivo

  • supporta la comunicazione aperta;
  • riproduce e moltiplica il contenuto informativo della discussione;
  • non produce sentimenti o sentimenti negativi;
  • migliora l’attenzione del partner di discussione;
  • riduce le difficoltà di comprensione (difficoltà);
  • consente una rapida risoluzione dei problemi, prima che sorga un conflitto;
  • crea la prontezza ad ascoltare prontamente e volentieri pensieri, idee ed esposizioni;
  • riduce i malintesi (disaccordi) o le divergenze tra le parti;
  • nel caso di un grande volume di informazioni, viene percepito il contenuto essenziale;
  • il clima della discussione sta notevolmente migliorando.

Ostacoli all’ascolto attivo

  • La percezione di ogni persona è unica. Questo è il motivo per cui il messaggio ricevuto dal destinatario non è quasi mai identico a quello che il mittente desidera inviare.
  • La maggior parte delle persone adatta le informazioni a ciò che desidera ascoltare. Spesso scelgono di non ascoltare o addirittura di rifiutare le informazioni negative perché non devono affrontare la realtà.
  • Le persone pensano molto più velocemente di quanto parlano. Una persona può dire 100-175 parole al minuto e può ascoltare attivamente fino a 800 parole al minuto. Il ricevitore può quindi pensare a qualcos’altro mentre ascolta e distoglie la sua attenzione da chi parla e dal soggetto.
  • L’argomento è troppo complesso per l’ascoltatore.
  • L’ascoltatore trae conclusioni affrettate su ciò che sente prima che l’oratore esprima i suoi pensieri fino alla fine.
  • Ascoltatore distratto dalla mancanza di talento nella comunicazione dell’oratore.
  • Chi ascolta non è in uno stato mentale adeguato e non è interessato all’argomento. (I. Chiru, 2003)

 

Ma i veri ostacoli all’ascolto degli altri, e la comunicazione implicitamente efficace, sono l’atteggiamento che talvolta adottiamo. Burns identifica 10 di questi atteggiamenti (I. Holdevici, 2003):

  1. La convinzione che la giustizia ci appartenga: il soggetto immagina che solo lui abbia ragione e che l’altra persona abbia torto. Si preoccupa di dimostrare la giustizia del proprio punto di vista piuttosto che cercare di capire cosa sente o pensa il suo interlocutore.
  2. Incolpare: l’individuo è convinto che il problema sia stato generato dall’errore dell’altra persona. Questo lo fa sentire totalmente innocente e gli dà il diritto di incolpare l’altro.
  3. La necessità di essere vittimizzati: l’individuo “piange pietà” e crede che altri lo trattino ingiustamente a causa del loro egoismo e della mancanza di sensibilità. La caparbietà di non fare nulla per migliorare la situazione lascia agli altri l’impressione che il soggetto in questione sia compiacente nella posizione di martire.
  4. Evitamento: la persona non può immaginare di aver contribuito in alcun modo alla creazione del problema, perché non nota l’impatto del suo comportamento sugli altri. Ad esempio, un capo può lamentarsi del fatto che uno dei suoi subordinati è dogmatico, testardo e non ascolta ciò che sta dicendo, senza rendersi conto che egli stesso lo contraddice ogni volta che cerca di formulare un’opinione.
  5. Difensività: il soggetto ha tanta paura delle critiche da non poter sopportare di sentire qualcosa di negativo o spiacevole. Invece di ascoltare e identificare ciò che è vero nelle parole dell’altro, invoca argomenti per difendersi.

Fattori che impediscono l’ascolto attivo

  1. Ipersensibilità al vincolo: la persona ha paura di cedere o di essere spinta. Dal momento che altre persone sembrano eccessivamente prepotenti, sentono di dover resistere a tutti i costi alla loro tendenza ad influenzarlo in alcun modo.
  2. Esagerate richieste nei confronti degli altri: la persona si sente autorizzata a ricevere un trattamento speciale dagli altri ed è frustrata quando non viene trattata come previsto. Invece di cercare di capire cosa spinge gli altri a farlo, il soggetto ritiene che siano irragionevoli e che non abbiano il diritto di agire come tali.
  3. Egoismo: il soggetto vuole una certa cosa, in un determinato momento, e diventa nervoso se non lo capisce. Non è interessato a ciò che gli altri pensano o sentono.
  4. Diffidenza: l’individuo è circondato da un muro, temendo che se ascoltano e cercano di capire ciò che gli altri provano e pensano, ne trarranno vantaggio.
  5. Bisogno compulsivo di aiuto: il soggetto sente il bisogno di aiutare gli altri, anche se vogliono solo essere ascoltati. Quando amici o familiari si lamentano di sentirsi male, l’argomento dà loro ogni sorta di indicazioni su cosa fare. Invece di apprezzarlo, coloro che hanno ricevuto il consiglio si sentono agitati e continuano a lamentarsi, entrambe le parti si sentono frustrate.

Gli ostacoli dell’ascolto attivo

Gli ostacoli-atteggiamenti che adottiamo impediscono all’altro di esprimersi liberamente: interpretazioni, valutazioni, giudizi di valore, aiuto o consigli dati senza che vengano poste, domande troppo insistenti, ecc.

L’ascolto attivo è soprattutto un atteggiamento che si manifesta attraverso comportamenti facilitatori. Le tecniche di ascolto attivo mirano a creare un clima favorevole all’espressione e attuare determinate procedure:

  • domande aperte
  • domande dirette
  • riformulazione, ecc.,

L’ascolto attivo (esercizi) può essere sostenuto dalla comunicazione non verbale

L’ascolto attivo è la caratteristica fondamentale della comunicazione che mira a esprimere l’altro e implica rinunciare “al piacere di dire”. Ascoltare attivamente è quindi un atteggiamento di comprensione che denota un forte desiderio di facilitare le parole dell’interlocutore.

Uno strumento eccezionale per comprendere oltre le parole è l’ascolto attivo che serve a:

  • far conoscere il nostro modo di comprendere le esperienze
  • i comportamenti
  • le emozioni
  • i sentimenti dell’altro
  • e per accompagnarlo alla ricerca di soluzioni

È l’obbedienza incentrata sui sentimenti dell’altro, l’ubbidienza empatica, la non direttiva, in cui il rispetto di sé e il rispetto per l’altro regno. (I. Chiru, 2003)

Ascoltare significa guardare: non c’è ascolto attivo senza contatto visivo.

Lo sguardo apre i canali di comunicazione; riconoscendo la presenza dell’altro, esprimendo un desiderio di comunicazione, interesse, rispetto.

Osservandolo diventi consapevole dello stato mentale e l’interlocutore sarà in grado di leggere una certa “aspettativa positiva”, cioè quell’atteggiamento che denota una benevola attenzione data all’altro e il fatto che ci aspettiamo di ricevere messaggi importanti dall’interlocutore.

Ascoltare veramente significa essere empatici con i pensieri e i sentimenti dell’altro

L’empatia è l’arte di metterti al posto dell’interlocutore, ascoltando attentamente per essere in grado di comprendere meglio il suo punto di vista, la motivazione, l’interesse, per vedere il mondo attraverso il suoi occhi.

Ascoltare attivamente significa adottare un atteggiamento comprensivo:

  • 1. non interpretare
  • 2. non giudicare
  • 3. non accusare
  • 4. non criticare
  • 5. non svalutare
  • 6. non denigrare
  • 7. non insultare
  • 8. non parlare di te
  • 9. non cambiare argomento
  • 10. non dare consigli che non sono stati richiesti
  • 11. non pensare prima a cosa dirai mentre l’interlocutore presenta il suo problema, ma a concentrarti su di esso, cercando di capirlo. (I. Holdevici, 2003)

Gli elementi della comunicazione non verbale accompagnano permanentemente un ascolto che vuole essere attivo:

  • Ascolta non solo con le orecchie, ma con l’intero corpo
  • piegando il corpo in avanti
  • inclina leggermente a lato la testa
  • mantieni il contatto visivo
  • sorridi, ecc.

Esistono quattro principi alla base di un ascolto efficace:

  • rispondere all’argomento – parafrasando il contenuto
  • Comprendere i sentimenti del comunicatore
  • la rilevazione del contenuto emotivo è molto importante
  • è un modo per mostrare all’interlocutore che è stato ascoltato e compreso;
  • Mostra te stesso come comprensione
  • accettando i sentimenti dell’altro, anche se non sei d’accordo con loro;

Incoraggiare la conversazione: determinazione dell’interlocutore a rispondere onestamente alle domande aperte.

Quando ascoltiamo sviluppare relazioni (ascolto empatico), JC Abric (2002) sottolinea che l’empatia può essere vista “sia come qualità, come attitudine e come volontà, essendo probabilmente la componente più difficile da implementare”.

Leggi il progetto sulla prevenzione del bullismo e l’ascolto attivoscheda

Scrivi a Igor Vitale