fbpx
gelosia narcisismo

La gelosia patologica è una forma di narcisismo

Gelosia e narcisismo sono elementi che vanno di pari passo.

In base a ciò che è stato detto finora, la gelosia sembra esser sempre incentrata su una problematica narcisistica, in quanto il paziente tende a porsi sempre al centro della dinamica relazionale rispetto all’altro. Questa forza di predominio fa sì che l’altro risulti essere una sorta di appendice di sé piuttosto che soggetto unico e irripetibile.

La centralità narcisistica comporta una problematicità, incentrata su un piano di razionalizzazioni (un dato peculiare è che molto spesso non si rende conto che attribuisce delle qualità che il rivale non ha), poiché prevede che il legame tra i due partner sia mantenuto a tutti i costi e se ciò non avviene spesso tende a sfociare in agiti violenti e rilevanti dal punto di vista giuridico e forense, come spesso accade con l’omicidio, l’unica modalità per poter continuare a stare in eterno con il proprio oggetto d’amore che viene racchiuso in una celebre frase: “Ti uccido così ti avrò per sempre”.

Differenze tra gelosia normale e patologica: il ruolo del narcisismo

Partendo dal presupposto che non si può affrontare il problema facendo una distinzione tra sano e malato, tra normalità e patologia, ragioniamo in termini di continuum di criticità, in cui determinate variabili sfociano o da un lato o dall’altro. In questo senso indaghiamo la gelosia come un fenomeno che cambia di tonalità e forma, da uno meno grave ad uno più grave, fino ad assumere una dimensione delirante:

Definizione di gelosia normale

Gelosia normale o competitiva (emotiva): si ha il timore che il partner possa avere un certo interesse verso una terza persona. Ciò non è di ostacolo alla relazione perché si entra in sana competizione con il possibile rivale, apparendo anche più forte e migliore dell’altro. Tale rivalità però è sana, controllata, misurata, risulta essere una caratteristica ancestrale ed emotiva per cui non richiede un approfondimento dal punto di vista cognitivo;

Come riconoscere la Gelosia ossessiva

Che cos’è gelosia ossessiva: non è connotata da eccentricità e da estraneità dalla realtà, ma comunque implica una problematicità. Vi è un pensiero persistente che spinge un soggetto ad essere intrusivo, ma allo stesso tempo consapevole delle proprie problematicità ed esagerazioni e ne soffre perché comprende che il partner alla lunga potrebbe abbandonarlo. In questo caso, a differenza della gelosia normale, oltre che alla componente emotiva entra in gioco anche quella cognitiva. Questo tipo di gelosia implica comunque una problematicità nella relazione che secondo F. Tanzi e E. Lugaro “acquisiscono le caratteristiche del disturbo ossessivo compulsivo”40 perché ad esempio se all’inizio il partner è lusingato dalle attenzioni e premura nei suoi confronti, con il tempo vengono vissute come limitazioni.

Indicatori di comportamento del geloso delirante: il tema del tradimento e del narcisismo

Il soggetto è molto preoccupato del tradimento del partner, controlla, esamina ma comunque è consapevole delle proprie esagerazioni.

C’è il rischio che si trasformi in un detective e una volta riconosciuta l’infondatezza dei suoi sospetti si vergogna, ma comunque il dubbio permane. Risponde bene alle rassicurazioni, anche se tende ad esserci una persistenza del pensiero: non riesce infatti a modificare la propria condotta nonostante l’assurdità riconosciuta dei suoi stessi pensieri, dai quali non riesce a liberarsene. La gelosia ossessiva è definita tale proprio per la persistenza del pensiero e può a sua volta distinguersi in gelosia anticipatoria, che si manifesta prima con il dubbio persistente e il partner può alimentarla o meno, e gelosia ossessiva nevrotica, che è successiva alla separazione dal partner. È la più grave perché tende a transitare verso il continuum della gelosia patologica paranoidea;

Come riconoscere la gelosia proiettiva

Gelosia proiettiva: il paziente misinterpreta la realtà, ponendo su di essa qualcosa di suo e lo interpreta a malo modo. A differenza della gelosia normale, qui il tema della gelosia è ideativo e cognitivo e non affettivo;

Cos’è la gelosia paranoide

Gelosia paranoide: è caratterizzata dall’interpretatività (dato di per sé negativo perché si perdono le coordinate spazio-temporali) che i soggetti danno alla realtà. Sulla base dei loro schemi preconcetti interpretano la realtà cogliendo solo gli elementi più salienti, però in senso malevolo verso di loro. Utilizzano uno stile dettagliato, minuzioso, si trasformano in “investigatori paranoidi” nella ricerca di prove del tradimento del partner. Sono caratterizzati da uno stile cognitivo paranoide che somiglia molto a quello ossessivo, ma se ne differenziano proprio per la ricerca del dettaglio.

Comportamenti del delirio nella gelosia e narcisismo

Si pongono in una condizione di ipervigilanza rispetto al mondo perché lo sentono come minaccioso e ciò li rende molto minuziosi nel cogliere dettagli e nell’osservare cose; e se queste corrispondono alle loro ipotesi tendono ad essere ostili e aggressivi e perdono la visione globale delle situazioni.

Ciò non sfugge ad una problematica relazionale definita con la “profezia che si autoavvera”, che intacca sia la sfera sentimentale, con il dubbio su un possibile tradimento del partner, sia in ambito lavorativo con il fenomeno del mobbing.

Il paziente alimenta una sorta di persecutorietà in quanto si sente minacciato dal mondo e ciò non fa che alterare il senso di realtà. Molte volte agiscono la loro ostilità attraverso la violenza e la vendetta, mettendo in atto delle vere e proprie forme di aggressività proattiva, in quanto hanno la convinzione di essere stati danneggiati;

La caratteristiche della gelosia delirante

Che cos’è la gelosia delirante: il paziente attraversa uno stato di vero e proprio delirio, ha la convinzione assoluta, nonché la certezza, del tradimento del partner. Non regge nessun tipo di controprova ed è refrattario alle critiche. Nei soggetti paranoidi a differenza di quelli deliranti un minimo e un margine di dubbio c’è sul fatto che possa essere avvenuto il tradimento, mentre nei deliranti c’è solo certezza, rimangono fermi sulle loro convinzioni. Talvolta è una gelosia plausibile, ovvero attinge ad aspetti verosimili della realtà, altre volte appare implausibile e bizzarra.

Conclusioni su gelosia e narcisismo

Per concludere, in questo caso, perciò, il paziente non sospetta della fedeltà del partner, ma è certo del tradimento nonostante l’evidenza contraria. Questa forma di gelosia è grave perché più s’innalza la temperatura psichica del soggetto più vi sarà la tendenza ad agire sia contro il partner che contro il presunto nuovo partner. Di norma vi è una forte declinazione violenta contro le donne.

Questo articolo su gelosia e narcisismo è di Alexa Roscioli.

Scrivi a Igor Vitale